fbpx

‘Ollie is lost’, la tenera miniserie Netflix sull’amore, la perdita e come ritrovare la strada di casa

Uno dei titoli più sorprendenti che è stato presentato in anteprima su Netflix ad agosto è Ollie è persouna miniserie di quattro episodi creata da Shannon Tindle e diretta da Pietro Ramsey (Spider-Man: un nuovo universo) basato sull’opera di William Joyce.

In esso approfondiamo una delle premesse più ricorrenti delle migliori favole per bambini: scopri che da grandi dobbiamo imparare a dire addio. E uno dei grandi addii nella vita di un bambino si verifica quando si rende conto di essere pronto a vivere senza il suo giocattolo preferito.

Troviamo questa premessa in molti racconti, dalla saga emblematica storia di giocattoli al nuovo uscito Ollie lo è perdutoche segue le orme di un coniglio fatto di patchwork (Jonathan Groff), con grandi orecchie e ricordi sfocati in un viaggio epico con l’obiettivo di ritrovare la strada di casa e riunirsi con il suo migliore amico Billy (Kesler Talbot).

L’odissea di un coniglio di stoffa


Basato sul gioco dei bambini L’Odissea di Ollie dello scrittore e illustratore William Joyce, la miniserie non solo narra le avventure di un tenero coniglio di pezza, ma mostra anche la prospettiva di un bambino che, con lui, ha perso un amico e parte dei suoi ricordi.

A poco a poco, la narrativa animata si collegherà direttamente alla nostra infanzia e ci ricorderà tutti quei giocattoli o oggetti speciali che hanno cambiato la nostra vita in quel momento cruciale.

Ollie dovrà attraversare una regione a lui sconosciuta e per tornare dovrà prima riadattare i ricordi che ha vissuto con Billy. Conterrà anche Zozo (Tim Blake Nelson), un clown giocattolo, e Rosy (Mary J. Blige), un esuberante orsacchiotto rosa.

Una serie per famiglie che osa esplorare questioni complesse

Fotogramma del quarto episodio della serie.

Netflix

Sebbene la miniserie Netflix abbia il lavoro di Joyce come punto di partenza, c’è una chiara differenza tra il linguaggio scritto e quello audiovisivo, dal momento che l’adattamento di Shannon Tindle ha scelto di mostrarsi in un modo molto più oscuro e più adulto sullo schermo.

Leggi  Quale data di uscita? Un seguito pianificato?

Durante i suoi quattro episodi, Ollie è perso non parla solo del processo di adattamento di un bambino al mondo realema ci presenta anche un approccio molto interessante -e per niente infantile-: quello l’amore può resistere alla prova del tempo e che non importa quanti anni passano, rimane sempre.

E, come se non bastasse, la serie ha anche il tempo di portarci attraverso altri argomenti più oscuri come la perdita di una persona cara o addirittura il bullismo. Tuttavia, il messaggio finale e il finale saranno così potenti e ottimisti che compenseranno le sequenze più tristi o dolorose.

La squadra del dietro le quinte

Le riprese della serie.

Le riprese della serie.

Netflix

Da quando il progetto ha avuto il via libera nel 2020, Shannon Tindle si è davvero connessa con la storia, portando la stessa cura ed emozione all’adattamento che troviamo in tutti i suoi progetti (Kubo, Foster, la casa degli amici immaginari).

Accanto a lui, dietro le telecamere c’è Peter Ramsey, che ha l’incarico di dirigere gli episodi. D’altra parte, il dargli forma Jonathan Groff, Mary J. Blige, Tim Blake Nelson, Gina Rodriguez, Jake Johnson Y Kesler Talbot.

“Ollie è perduto” è disponibile su Netflix.

Lascia un commento