fbpx

‘Obi-Wan Kenobi’, l’ultimo dei Jedi cerca la redenzione con un’avventura classica e nostalgica

 

“Aiutami, Obi-Wan Kenobi, sei la mia unica speranza”. Così iniziò (per noi, non per lui) esattamente 45 anni fa il viaggio del Maestro Jedi in Guerre stellari. Il tormentato maestro di Anakin Skywalker è tornato 17 anni dopo la premiere dell’ultima apparizione di Ewan McGregor nella saga con l’episodio III, La vendetta dei Sith. Nella narrativa sono passati solo dieci anni dalla fuga di un eroe consumato dal senso di colpa a cui è rimasta una sola promessa: fare in modo che non accada nulla al piccolo Luke e Leia.

Quel trauma e quell’obiettivo finale sono al centro di Obi-Wan Kenobila nuova miniserie di lucafilm Quello Disney+ è appena uscito nella speranza di mettere in ombra il tanto atteso ritorno su Netflix di cose strane e, per inciso, guarire dall’amaro in bocca lasciato libro boba fett, una miniserie che sembrava rendersi conto al volo che era stata una pessima idea realizzare uno spin-off incentrato su un personaggio che sarebbe dovuto rimanere nella memoria dei fan più puristi della saga. Questo non è il caso della storia dell’apprendista di Qui-Gon Jinn. In il giornale specializzato in serie televisive e film abbiamo già visto i primi due episodi e ne parleremo senza entrare nel campo degli spoiler.

Quando lo spettatore incontra di nuovo Obi-Wan Kenobi, scopriamo un uomo che ha scelto la via dell’anonimato e una vita grigia per pagare i suoi peccati: Non essere in grado di impedire al suo Padawan di passare al lato oscuro e aiutare Palpatine a distruggere la Repubblica e l’Ordine Jedi. Quando un personaggio che conosce la sua vera identità gli chiede aiuto, lui la rifiuta subito: “Sono passati dieci anni. Non sono più quello che ero”.

I suoi giorni avventurosi sono alle spalle (“il tempo dei Jedi è passato”, insiste in un altro punto) e vuole solo essere lasciato solo. c’è qualcosa di Logansenza cadere nella violenza lirica o esplicita del film di James Mangold, nel ritorno del personaggio. Il resto del mondo va per la sua strada, come quello zio Owen che guarda di traverso ogni tentativo di Kenobi di tenere d’occhio le orme del giovane Luke (in cui Obi-Wan cerca ogni accenno di forza) o alcuni Inquisitori (un trama che era stata presentata in Star Wars: ribelli) che viaggiano per la galassia per portare a termine il lavoro dell’Ordine 66.

Lo sceneggiatore Joby Harold è stato scelto per recitare showrunner in un progetto che nasceva come un film che sarebbe stato diretto da Stephen Daldry (Billy Elliot) e che è stata trasformata in una miniserie di sei episodi dopo il fallimento del prequel di Han Solo e l’apparizione sulla scena Disney+ come nuovo playground di Lucasfilm. L’obiettivo era chiaro, ma non semplice: continuare ad esplorare il viaggio del personaggio più popolare dei prequel con una storia di redenzione senza tradire la nota mitologia di Star Wars.

Leggi  Anteprime Netflix: questa settimana la prima serie di Daniel Sánchez Arévalo, un inquietante "thriller" e il nuovo film Pokémon

Obi-Wan Kenobi recupera abilmente uno degli oggetti che ha realizzato Il Mandaloriano un fenomeno immediato in un momento in cui il finale della trama di Skywalker aveva deluso i fan. Il colpo di scena che la Disney ha nascosto fino alla premiere è allo stesso tempo, una risorsa facile che abbiamo già visto nella serie con protagonista Pedro Pascal e l’unica svolta possibile il che spiegherebbe perché il personaggio si espone a essere scoperto.

 

I primi due episodi di “Obi-Wan Kenobi” sono ora disponibili.

La Terza Sorella, un’inquisitrice che ha le sue motivazioni per trovarlo, è ossessionata dal trovarlo. Fino all’inevitabile e già annunciata ricomparsa di Hayden Christensen nei panni di Darth Vader, il personaggio interpretato da Moses Ingram (il migliore amico di Beth in mossa della regina) deve ancora stabilirsi se Obi-Wan Kenobi vuole creare un cattivo memorabile e non solo una pedina.

L’ultima resistenza del personaggio consente a Lucasfilm di continuare a tenere duro tradizione senza cadere in contraddizione con una storia che, nonostante le sue promesse di guardare al futuro e le avventure accadute parallelamente al viaggio degli Skywalker, sono riluttanti ad abbandonare. L’inclusione di un certo personaggio recupera un tono e uno spirito più vicini Una nuova speranza Y la minaccia del Fantasma che alle avventure (leggermente) più adulte di Djin Darin.

Nonostante il casting di Deborah Chow come regista di tutti e sei gli episodi della miniserie, dal punto di vista visivo la miniserie è un’avventura vecchio stile che è ancora lontano dalla spettacolarità dei momenti migliori di Il Mandaloriano.

A suo favore, tuttavia, interpreta l’aura dell’avventura classica, la sensazione che ci sia un conflitto da esplorare e il fattore nostalgia dell’incontro con un Ewan McGregor devoto che cattura perfettamente il declino di un guerriero che sembra aver dimenticato come si fa. combattere. ascolta un nuovo leitmotiv di John Williams per il personaggio o vederlo usare la forza per la prima volta in dieci anni è un dono per coloro che ora stanno iniziando a sostenere che, alla fine, i prequel di Lucas non sono stati il ​​disastro che molti avrebbero voluto vedere alla loro premiere.

Ora non ci resta che scoprire come continua il viaggio di redenzione di Obi-Wan e le strade dell’ultimo sopravvissuto dei Jedi e di Darth Vader si incrociano di nuovo senza perdere la loro iconica riunione in Una nuova speranza. Possa la forza essere con te, perché non distoglieremo gli occhi dallo schermo.

I primi due episodi di “Obi-Wan Kenobi” sono ora disponibili. Disney + presenterà in anteprima i restanti quattro capitoli i prossimi quattro mercoledì di giugno.

Lascia un commento