fbpx

nonostante le recensioni, il gioco è il maggior incasso dell’intera serie

Nonostante le polemiche sulla sua formula free-to-play, Diablo Immortale batte i record di redditività e ottiene il miglior lancio per un gioco di Diablo.

Diablo Immortale è il gioco con il punteggio più basso della saga di Diablo sui siti di aggregazione di rating. Con appena 69/100 per la valutazione critica e 0,4/10 come valutazione dei giocatori per oltre 5400 voti su Metacritic e un piccolo 66/100 su OpenCritic, l’ultimo capitolo della serie cult dell’hack’n’slash realizzato in Blizzard è lontano da unanime, sia sulla stampa specializzata che nel cuore dei fan. Al di là delle ragioni che lo rendono un fallimento artistico e ludico, è soprattutto l’aspetto free-to-play, o meglio pay-to-win, del titolo che ha fatto rabbrividire la gente.

Eppure, nonostante le critiche e le polemiche, Diablo Immortale pensione completa. Il titolo Activision-Blizzard ha fatto il più grande inizio nella storia della licenza in termini finanziari. In appena due settimane di funzionamento, il gioco è stato scaricato oltre 10 milioni di volte. L’azienda americana ha condiviso un tweet per congratularsi con se stessa per un tale successo: “Tanto di cappello agli eroi di Sanctuary. In una settimana, Diablo Immortal è il più grande lancio nella storia del franchise. Grazie per aver combattuto con noi.”

Per confrontare, Diablo primo del nome aveva trovato solo 2,5 milioni di acquirenti. Il suo successore, l’illustre Diablo II aveva venduto 4 milioni di copie e il suo remake, Diablo II risorto 5 milioni di copie. Attualmente, il più grande successo della serie in termini di unità vendute è Diablo III con 65 milioni di vendite in 10 anni di attività. Dal punto di vista del conteggio degli utenti, Diablo Immortale è al secondo posto sul podio in questo momentoma va tenuto presente che il titolo è solo ai suoi primi giorni sul mercato.

Ancor più di questo impressionante numero di download, sono le somme generate dai pagamenti inclusi nel gioco a essere impressionanti. Quindici giorni dopo il suo lancio, Diablo Immortale ha generato 24 milioni di dollari di entrate grazie al suo sistema di microtransazioniche fa di lui il gioco Diablo il più redditizio di tutta la serie, riferito al tempo di funzionamento rispetto al profitto prodotto dal titolo.

Leggi  Quale data e ora di rilascio?

LGiocatori che lottano per non spendere tutti i loro soldi in Diablo Immortal

Il sito di monitoraggio di AppMagic fornisce maggiori dettagli sulle transazioni in-game di Diablo Immortale. Tra i giocatori che hanno scaricato l’applicazione, il 26% degli utenti sono americani, seguiti da Corea del Sud (11%), Brasile (8%), Giappone (8%) e Germania (7%). Per quanto riguarda le microtransazioni, Il 44% delle entrate è generato da giocatori statunitensi, 22% dalla Corea del Sud, 8% dai giapponesi, 6% dalla Germania e 3% dai canadesi. Quasi la metà dei soldi spesi per il gioco d’azzardo proviene quindi dal Nord America. I dati per i giocatori francesi non sono al momento disponibili.

Nonostante il rombo di alcuni giocatori contro l’aggressivo sistema di microtransazioni incluso Diablo Immortale, la sua formula MMO free-to-play sembra essere una scommessa vincente per Activision-Blizzard. Le cifre sono impressionanti, e confermano la buona salute della ricetta che consiste nello schierare un gioco base ad accesso libero e inserire nel titolo un massimo di micropagamenti. Anche se l’editore americano ha assicurato che il futuro Diablo IV sarà un gioco completo, senza microtransazioni, la paura dei fan resta per quanto riguarda il futuro della serie.

Diablo Immortal: immaginiLGli esperti di Activision-Blizzard davanti al modello F2P

Viste le somme raccolte da Diablo Immortale, è molto probabile che Activision-Blizzard applichi la ricetta dell’MMO F2P ad altre licenze nel proprio catalogo. Le voci attualmente indicano un futuro Astronave o a guerra che potrebbe arrivare su mobile e PC con questo stesso modello economico. Anche se i fan di questi franchise non sono contenti di vederli tornare in questa forma, l’insolente successo di Diablo Immortale dimostra che il sistema di acquisto in-game rimane una manna finanziaria che ha ancora un brillante futuro davanti a sé.

Lascia un commento