fbpx

“Non devi andare in frigo per avere una vita perfetta”

la visita di Giulietta Binoche È stato uno dei momenti salienti della 70a edizione del Festival di San Sebastian. Il francese presenta in anteprima due film (Fuocodi Claire Denis e Ragazzo d’invernodi Christophe Honoré), è la protagonista della locandina ufficiale del concorso ed è il destinatario di uno dei due premi Donostia assegnati quest’anno. “Non voglio che questa storia mi venga in testa”, chiarisce quando gli viene chiesto dell’overdose di binocolo che ha devastato la città di San Sebastian in questi giorni. piace o no, già parte della regalità degli Zinemaldia.

“In questo momento sono nel bel mezzo di una ripresa e questa è la mia più grande preoccupazione in questo momento. Tutto il resto è un regalo, ma Devi imparare a non prendere le cose troppo sul personale.Né come attrice né come donna. La vita mette i piedi per terra. In ogni caso, sono molto orgoglioso di ricevere questo premio Donostia. Amo molto questo festival”.

Sulle brevi distanze, Binoche alterna il freddo (non vuole o non sa come rispondere alle domande sul perché le attrici over 40 hanno più lavori in Europa che negli Stati Uniti, e non approfondisce i ruoli che stava per interpretare e alla fine ha rifiutato , come è successo con le tre chiamate ricevute da Steven Spielberg) con onestà (i registi sono la pretesa più importante per accettare una sceneggiatura, ora pensa solo alle sue prossime vacanze e alle riprese di Fuocononostante il suo rapporto di fiducia con il regista, non è stato il più facile della sua carriera).

[Juliette Binoche recibirá el Premio Donostia en la 70 edición del Festival de San Sebastián]

Binoche ha ricevuto i minuti del premio prima della proiezione di Fuoco, film che ha portato a Denis il premio per la migliore regia all’ultima edizione del Festival di Berlino e che arriverà nelle sale spagnole il 30 settembre. In questo dramma erotico con elementi che rasentano un thriller psicologico, Binoche interpreta una donna di successo che mette in pericolo la vita che lei e il suo partner hanno costruito quando decide di riaccendere le fiamme di un amore passato con il loro migliore amico.

La donna francese appartiene a una generazione di donne per le quali la fedeltà è un requisito, mentre per loro è solo un’opzione. A 58 anni, preferisce ricordare i suoi modelli piuttosto che riflettere se pensa di esserlo diventata lei stessa. “Ho sempre avuto mia madre come modella, che era una donna che, nonostante fosse sposata, decise di non essere felice. Fu guidato dal suo cuore e andò verso la felicità. Come ragazza che ha vissuto un divorzio, la cosa importante per me è essere onesta con me stessa.

Dopo aver intrattenuto rapporti per diversi anni con i registi Leos Carax e Santiago Amigorena e gli interpreti Olivier Martinez e Benoît Magimel, ha attualmente una relazione con il collega attore Patrick Muldoon. “Ammiro anche le persone che cercano la perfezione, una vita ideale, ma mi spaventa perché alla fine della tua vita potresti ripensarci se hai scelto l’opzione giusta. La vita ha difficoltà e sta cambiando, però il desiderio c’è e ognuno si adatta alle situazioni. Non esiste un’unica soluzione. Quello che ho chiaro è che non devi entrare in frigo per avere una vita perfetta.

Leggi  Spiegazione della fine! Viserion, Jon & Daenerys ecc.

Il nuovissimo vincitore del premio Donostia ha un passato in comune con gli altri professionisti che onoreranno il festival nei prossimi giorni, il canadese David Cronenberg. “Insieme a Cosmopoli abbiamo girato molto velocemente”, ricorda. L’interprete ha registrato le sue scene con Robert Pattinson in due o tre giorni [los dos volverían a repetir años más tarde en High Life, dirigida también por Denis]. Mentre gli attori hanno agito liberamente in una limousine, il regista di Una storia di violenza li dirigeva a distanza da un camion, dal quale comunicava attraverso un altoparlante ad alto volume dicendo loro cosa fare e cosa non fare sul palco. “Non ho mai fatto niente del genere”, ammette con una risata.

Nel 2023 saranno 40 anni dalla prima volta che Binoche è apparso in un film, l’ormai dimenticato Liberty Belle. La francese cerca di ricordare quando le viene chiesto dei film, dei registi o dei personaggi che hanno segnato una carriera eccezionale. Binoche può vantarsi di essere una delle sole quattro persone ad aver vinto premi per la recitazione a Berlino, Venezia e Cannes (Gli altri sono Jack Lemmon, Sean Penn e Julianne Moore.)

Isabel Coixet ha consegnato il premio Donostia a Juliette Binoche, la sua attrice in “Nessuno vuole la notte”.

“Inizierei con Jean-Luc Godard, anche se ho avuto un piccolo ruolo con lui. Lavorare con un regista della Nouvelle Vague per me è stato molto importante”, spiega in un’intervista condotta poche ore prima di salire al Kursaal per ricevere il premio Donostia in riconoscimento di tutta la sua carriera. “Devo molto ad André Téchiné, con cui mi ha dato la mia prima grande opportunità Citazione”. Riguardo a Leos Carax, sottolinea come il regista, nella prima delle sue due collaborazioni, gli abbia conferito “un carattere di donna perfetta, forse idealizzata”.

Evidenziarono anche i francesi Bludi Krzysztof Kieślowski, il suo primo film di risonanza internazionale prima di vincere l’Oscar per Il paziente inglese, di Anthony Minguella, quando aveva solo 32 anni. “Ci sono registi più importanti per me: Bruno Dumont, Claire Denis, Abbas Kiarostami”. Binoche completa il cast ricordando Cioccolato“un film che ha aperto le porte a una nuova generazione di spettatori”.

Binoche ha uno status leggendario dentro e fuori la Francia, ma resiste ancora ad essere lei a stabilire se ha già raggiunto un livello che le permetta di diventare “La Binoche” nel suo paese di origine. È così che riconoscono nel paese vicino i grandi tra i grandi, come Huppert e Deneuve. Forse è troppo prudente per essere incoronata, ma le oltre mille persone che l’hanno applaudita quando ha ricevuto il premio Donostia da Isabel Coixet, la sua direttrice di Nessuno vuole la nottesono chiari: La Binoche merita questo e altro.

Lascia un commento