fbpx

“Non c’è bisogno che un personaggio gay sia interpretato da un attore che lo è, ci sono più connotazioni”

Cosa succederebbe se mescolassi le classiche commedie romantiche e la vita quotidiana della comunità LGTBI nella Barcellona contemporanea in uno shaker? Non devi aspettare troppo a lungo per scoprire qual è la risposta. 7 dicembre faccina arriva a Netflix dieci anni dopo la sua prima al teatro di Barcellona e in giro per il mondo per raccontare la storia di Alex e BrunoDue uomini che non si sopportano e che presto scoprono di non essere in grado di dimenticarsi.

Nel suo adattamento audiovisivo, l’universo di faccina si espande ad altre realtà del collettivo e includi lesbiche, drag queen, anziani e, sì, persone eterosessuali nella tua storia. Guillem CluaPremio Nazionale di Letteratura Drammatica e sceneggiatore di Los renglones torcidos de Dios o della miniserie El inocente, vuole che tu “La più grande storia d’amore che abbia mai vissuto” raggiungere quante più persone possibile.

il giornale specializzato in serie televisive e film ha parlato con lo scrittore catalano del lungo viaggio di Álex e Bruno sullo schermo, le sfide di scrivere una classica commedia romantica adattata al mondo di oggi, l’errore commesso dal film Bros o la recente denuncia di Brays Efe, che si è pentita che nessuno dei due bosefaccina avranno attori della comunità LGTBI per interpretare personaggi che lo sono.

[Disney incluye su primer personaje LGTB en ‘Mundo Extraño’: “Hay que reflejar el mundo tal y como es”]

faccina Nasce come gioco 10 anni fa. Ci sono stati tentativi precedenti di adattare lo spettacolo in altri formati?

Quando anni fa lo spettacolo ebbe tanto successo a Barcellona ea Madrid, si presentò la possibilità di fare un film. Stavo lavorando a una sceneggiatura e per vari motivi il progetto è fallito. Poi si è rialzato, poi è caduto di nuovo. Alla fine la sceneggiatura è finita nelle mani della Sony Pictures, che l’ha spostata per qualche anno negli Stati Uniti. Il film non è uscito e ho riavuto i diritti faccina prima della pandemia. Fu allora che Netflix mi si avvicinò e mi chiese di fare una serie. Ho spiegato loro che avevo appena riottenuto i diritti del film e che volevo provare a fare il film. Non poteva essere neanche, ed è stato allora che abbiamo deciso di realizzare la serie.

Ti sei imbattuto in molti altri che hanno provato a vendere storie LGBT durante la tua carriera?

La verità è che non ho mai avuto problemi quando si tratta di raccontare storie LGBT. Nella mia carriera di drammaturgo non è stato affatto un problema e ho sfruttato molto questo tipo di storie, perché mi interessano molto e penso che abbiamo la responsabilità di dar loro visibilità. Ogni volta che sono stato al cinema o in TV e ho avuto la capacità decisionale di introdurre storie di questo tipo, l’ho fatto, sia nelle soap opera a cui ho lavorato che nelle serie in prima serata . Ho sempre avuto un interesse e un esplicito desiderio che ciò accadesse.


Vedendo faccina ho pensato Qualcosa da ricordare, la storia d’amore di due personaggi che non si vedono fino alla fine del film. Qui Álex e Bruno non vanno a quegli estremi. La sfida di convincere il pubblico a sostenere una storia d’amore che, in un certo senso, vede indirettamente, ti ha mai spaventato?

Questo è molto ben visto. Scrivere la serie era la nostra principale preoccupazione. Nei primi tre capitoli, soprattutto nel secondo e nel terzo, siamo sempre con loro. Poi c’è un lungo periodo di tempo in cui sono separati. Come scrittore devi mantenere la tensione romantica tra i due, non solo non si vedono ma iniziano anche ad avere altri interessi romantici. Penso che sia stata una delle cose più difficili quando si è trattato di creare la struttura della serie.

Com’è stato il processo di creazione di questa convivenza tra il nuovo e il vecchio, tra le convenzioni della commedia romantica e il ritratto della comunità LGTBI, in un modo fedele al collettivo e allo stesso tempo accessibile a un pubblico più vasto? ?

Tutto questo era già nel gioco. L’intenzione era quella di riprendere i meccanismi narrativi della classica commedia romantica. C’erano riferimenti espliciti a Howard Hawks e alle commedie degli anni ’30, ’40 e ’50, ma anche Nora Ephron o film più recenti. Abbiamo voluto sovvertirle in qualche modo perché stiamo raccontando una realtà estranea a quella tradizione, come nel caso delle storie d’amore tra persone LGTBI. Sembra una cosa complicata da fare, ma alla fine è molto facile perché stai raccontando la stessa storia da un altro posto. Il meccanismo della commedia romantica è noto. L’unica cosa che succede qui è che, “oh, coincidenza”, la storia d’amore è guidata da due uomini. Ciò implica anche raccontare la realtà, la mia realtà di omosessuale. È qualcosa che può essere molto nuovo per una parte del pubblico, perché Smiley si rivolge a un pubblico mainstream più ampio e poco abituato a queste realtà.

Sembra qualcosa di nuovo, più attraente e li fa immedesimare in storie che in fondo sanno già come andranno a finire. Non sto facendo spoiler, ma sicuramente una commedia romantica finisce con un bacio. Forse no (ridere). Volevamo che potessero consumare una realtà a cui non sono abituati da quella comodità. Penso che questo sia stato anche uno dei grandi segreti del successo dello spettacolo, che è stato mondiale: l’aggiunta di qualcosa di ben noto, il meccanismo narrativo di una commedia romantica, con qualcosa che non è, come la realtà LGTBI.

Il fallimento di fratelli nelle sale questo autunno è stato ampiamente discusso nei media specializzati. Pensi che lo streaming sia un ambiente meno ostile per le storie LGTBI?

Leggi  Goditi dei buoni popcorn nel modo più sano con questa offerta di macchine per popcorn su Amazon - Novità della serie

In streaming, avendo tanta offerta e tanto prodotto a disposizione, è molto più semplice creare contenuti specifici per ogni nicchia. Ciò non significa che non ci sia interesse per questo tipo di storia che vada al di là di quella specifica comunità e di quel particolare target. Smiley ha lo scopo esplicito di andare oltre ed è costruito da zero per farlo. In caso di fratelli Penso che il problema sia che stavano vendendo qualcosa che non lo era. Ho visto il film e mi sono reso conto che si trattava comunque di un film molto di nicchia, con riferimenti culturali e umoristici ben precisi di un uomo, gay ed ebreo di New York che forse non poteva essere esteso a un pubblico più vasto mainstream.

Come sono state le conversazioni con Netflix quando si trattava di vendere faccina?

È quello che penso faccina è molto facile da vendere. Allora forse non è così, ma siamo molto onesti su quello che abbiamo fatto fin dall’inizio. Stiamo vendendo una storia d’amore e non ci vergogniamo di dire che è una commedia romantica. Usiamo i meccanismi della commedia romantica, dell’amore e del crepacuore, vogliamo far ridere la gente, ma vogliamo anche commuovere molto. È qualcosa di cui sono molto orgoglioso e che mi piace fare anche a teatro. Lo raccontiamo per quello che è. Almeno io, dalla scrittura e dallo sviluppo della serie fino ad ora che la stiamo vendendo, cerco di essere molto onesto con quello che è faccina.

Carles Cuevas e Miki Esparbé sono Álex e Bruno in

Carles Cuevas e Miki Esparbé sono Álex e Bruno in “Smiley”.

Qualche settimana fa Brays Efe si è lamentato così tanto bose Che cosa faccina attori eterosessuali interpretati. Come persona nel collettivo, ma anche come responsabile di queste decisioni sul casting, hai capito l’affermazione di Brays?

È molto legittimo e molto prezioso che ci sia una parte del pubblico LGTBI che ha questo bisogno di vedersi rappresentato nei personaggi della propria comunità da attori che sono anche LGTBI. Lo considero legittimo ed è anche molto utile per me come creatore quando mi avvicino a un casting. Se un personaggio è un uomo gay e l’attore è gay, e lo so perché è fuori dall’armadio, ci sono molte cose che non devo spiegargli e riferimenti che già conosce. È qualcosa che mi rende anche le cose più facili quando si tratta di dirigere o costruire un personaggio. Ma non penso nemmeno che sia una condizione sine qua non, come può essere nel caso di persone di colore o trans. Questo è inevitabile.

L’orientamento sessuale ha altre connotazioni. Se davvero ci poniamo l’obbligo che i personaggi gay debbano essere interpretati da uomini gay, ciò implica anche che devono essere al 100% fuori dall’armadio, che devono essere visibili, che devono dirlo in un colloquio di lavoro … Ci sono molte connotazioni che sono molto contrastanti e che non devono prevalere su altre considerazioni quando si sceglie un cast.

Le storie LGTBI che vengono raccontate nei film o in televisione sono solitamente storie contemporanee. Vorresti adattare la storia di Emil e Xavier, il filo virale che hai scritto nel 2018 su due amanti morti durante la prima guerra mondiale?

Sì. Ho intenzione quando ho tempo e c’è l’opportunità di provare a fare un film con quella storia. È un blockbuster d’epoca con la guerra mondiale coinvolta in Romania, inverno, neve… È complicato, ma c’è un film lì. L’ho sempre detto e mi impegnerò affinché ciò accada.

Lascia un commento