fbpx

Netflix sta sprecando la sua serie stellare presentandola in anteprima in modalità maratona?

cose strane è il fiore all’occhiello di Netflix. Tre anni senza capitoli non sono stati sufficienti perché il pubblico si dimenticasse del primo fenomeno globale della piattaforma. Al contrario. Con 287 milioni di ore visualizzate durante il weekend di apertura, è chiaro che il pubblico si è perso le avventure del mondo Inside Out.

La domanda, tuttavia, è inevitabile. Con un Netflix in discussione da quando sono stati pubblicati i primi risultati negativi nella storia dell’azienda, giusto? sarebbe stato più redditizio e intelligente convertire Cose sconosciute 4 in un evento che dominerà la conversazione culturale per due mesi invece di bruciare le navi (e un budget di $ 30 milioni per episodio) in un paio di fine settimana?

Non sarebbe la prima volta che il servizio di streaming osa sperimentare il suo caratteristico sistema di trasmissione. Arcanouna serie di azione e avventura ispirata all’universo di League of Legends, è stato pubblicato in tre lotti di tre episodi. Il cambio di modello ha comportato il maggior successo di tutte le sue serie animate grazie, anche, al fenomeno del passaparola emerso di settimana in settimana.

Non tutte le serie Netflix hanno bisogno o possono permettersi una trasmissione settimanale. Non è il caso di cose strane, una serie che è stata divorata dal pubblico al suo ritorno. C’era un desiderio, certo, ma anche una paura da parte del pubblico di entrare nei social network e scoprire casualmente uno dei tanti colpi di scena che nasconde la quarta stagione della serie ideata dai fratelli Duffer. Una rapida occhiata a Twitter rivela come molte persone affascinate da come le loro avventure abbiano abbracciato il terrore e inorridite da come il numero di spoiler che sono stati felicemente rivelati giorni dopo che la piattaforma ha improvvisamente rilasciato otto ore di contenuti.

“Stranger Things 4” è la premiere più vista nella storia di Netflix.

Netflix

Spettatori che non vogliono o non possono abbuffarsi cose strane in un fine settimana possono disattivare l’audio di parole o hashtag sui loro social network. Questo fa parte della soluzione facile (ma non infallibile) del problema. L’altro dovrebbe essere più preoccupante per Netflix. La quarta stagione della sua serie di punta merita di dominare la conversazione culturale per settimane, non giorni. Non gioverebbe alla serie concedere ai suoi spettatori qualche giorno per commentare e assimilare la terrificante presentazione di Vecna, il nuovo villain della serie, alla fine del primo capitolo?

Il ritorno di cose strane sarebbe il discorso dei fan della serie per settimane, anche con i rivali in onda come Obi-Wan Kenobi. Non meriti lo straordinario caro billyil quarto episodio della stagione, il suo tempo e spazio per celebrare il recupero di una grande canzone di Kate Bush as Correre su per la collina e la già iconica interpretazione di Sadie Sink nei panni di un Max sull’orlo del baratro? Lanciare tutti gli episodi della serie in una volta fa perdere momenti e dettagli come lacrime sotto la pioggia. La serie merita di meglio.

Leggi  il regista difende lo strano aspetto di un personaggio

Non si tratta di essere ipocriti. Un server è uno dei tanti milioni di spettatori che, per diversi motivi, lo hanno divorato Cose sconosciute 4 in un paio di giorni quando era a portata di mano. Ha senso che Netflix voglia prendere le distanze dai modelli HBO e Disney+ nonostante i successi settimanali delle serie Marvel e Star Wars e i fenomeni del passaparola come euforia, Successione Y Cavalla di Easttown.

L’opzione perfetta per trasmettere i nuovi episodi e, allo stesso tempo, essere fedeli all’immagine di marca che l’azienda porta avanti da anni Castello di carte Y L’arancione è il nuovo nero doveva seguire il precedente di Arcano con un sistema di trasmissione a tre blocchi che permetterebbe alla storia di respirare, agli spettatori di commentarla con più libertà e guardarla senza paura, e che assicurerebbe che il suo impatto sui media e sui social duri ancora più a lungo.

Maya Hawke e Natalia Dyer in

Maya Hawke e Natalia Dyer in “Stranger Things 4”.

Dopo aver visto la stagione dividere la sua trasmissione in 4, 3 e 2 episodi sarebbe stato l’ideale tenendo conto delle esigenze della storia stessa: la lotta contro l’orologio di Max, la rivelazione della vera identità di Vecna ​​e il gran finale di stagione, culminato in un ultimo capitolo che, della durata di 2 ore e mezza, sarà l’episodio più lungo di una serie americana nella storia della televisione.

Gli ultimi due episodi di Cose sconosciute 4 Vanno in onda il 4 luglio. Il problema è ancora lì: prima che ce ne accorgiamo, una serie che non pubblica episodi da tre anni e che è curata dai suoi creatori al punto che non ha praticamente nulla da invidiare al 95% dei blockbuster scomparirà dalle nostre vite. che escono nelle sale.

Vale davvero la pena che le migliori creazioni di Netflix cadano preda di un sistema di misurazione dell’audience che dà la priorità alle ore di visualizzazione e ai titoli (ad esempio, far durare alcuni dei suoi contenuti più a lungo del previsto perché ha titoli più spettacolari? nei media) sopra ogni altra cosa ? La strategia dell’azienda per la sua quinta e ultima stagione risponderà a questa domanda.

Il primo volume di “Stranger Things 4” è ora disponibile su Netflix. I restanti due episodi usciranno sulla piattaforma il 1 luglio.

Lascia un commento