fbpx

Netflix realizzerà diverse serie adattate dal manga del maestro dell’horror

Una nuova serie che adatta venti storie di Junji Ito arriverà presto su Netflix con Junji Ito Maniac: Racconti giapponesi del macabro.

All’incrocio tra Edgar Allan Poe, Lovecraft e Kazuo Omezu c’è iluno dei più prolifici e talentuosi maestri dell’horror moderno. Si chiama Junji Ito e, fino a poco tempo fa, era un nome sussurrato qua e là in Francia come questo mangaka horror le cui opere erano molto difficili da ottenere. Autore di nicchia per un mezzo ancora in piena espansione e alla ricerca del suo pubblico, le sporadiche pubblicazioni francesi non sono riuscite ad affermarsi come dei classici istantanei. A volte, certi titoli uscivano dal silenzio come quello di Spirale : una formidabile escursione grafica, con la sua fama di essere un trauma che solo i più stagionati rischiano.

La rarità delle sue pubblicazioni con noi che abbiamo il vizio o il pregio di rafforzare l’aura di un’opera proibita, non ha certo aiutato che la buona parola si diffondesse: va detto, Junji Ito è un riferimento assoluto nel campo dell’horror e uno dei il migliore nei manga. Come spesso, questo tipo di autore con uno stile così unico è molto difficile da adattare e non è nemmeno attraverso l’animazione che ha trovato il suo successo con noi finora.

Dopo aver finito di leggere un Junji Ito

L’esempio più recente, Junji Ito: Collezione, serie animata prodotta da Studio Deen nel 2018, non ha riscontrato una vera popolarità, adattamento considerato abbastanza nella media e non beneficiando di un’ottima promozione. Durante più di 30 anni di carriera, conobbe nel suo paese molti altri adattamenti, in particolare al cinema, rimanendo sempre piuttosto confidenziale in Occidente. Ma poiché anche il tempo fa il suo lavoro, e spesso dà il posto d’onore a grandi artisti, Junji Ito arriva improvvisamente in forze nelle nostre regioni!

Questo improvviso aumento di popolarità è avvenuto all’improvviso e molto rapidamente, nel giro di un anno. Nonostante fosse stato troppo a lungo assente dalle librerie, Junji Ito è stato ristampato nel marzo 2021 grazie a Delcourt/Tonkam che ci ha permesso di scoprire Spirale e Gio, due monumenti della sua opera. Da allora la giovanissima casa editrice Mangetsu (creata a maggio 2021) ha mantenuto il fenomeno e lo ha rimesso in primo piano. Specializzato – tra l’altro – nell’opera dell’autore, pubblica a ritmi molto regolari tutte le storie di Junji Ito con edizioni estremamente lavorate, mettendolo più che mai sotto i riflettori.

Junji Ito Maniac: Racconti giapponesi del macabro: fotoL’OVA si adatta Gio è tutt’altro che all’altezza del manga

Non è giunto qui il momento di elencare tutti i buoni motivi per scoprire il genio di Junji Ito, approfittando di questa ondata di ristampe di cui sta attualmente beneficiando in Francia. Tuttavia, possiamo dire che le circostanze sono molto buone per iniziare, se non altro per una cosa. Junji Ito, culto di lunga data, ma ormai popolare, sta per farlo essere adattato di nuovo e in un formato particolarmente emozionante.

Leggi  Spiderhead: Dove è stata girata la serie? Luoghi delle riprese ecc.

Possedendo una vasta carriera, da qualche anno gli vengono proposti formati antologici, nei quali può scegliere tra le sue storie migliori da assemblare in ristampa o (si spera) degnamente portare sugli schermi. Ed è ciò che è stato annunciato di recente durante la Netflix Geeked Week. Non meno di 20 storie del maestro saranno adattate per la nuova serie animata Netflix. Questo sarà chiamato Junji Ito Maniac: Racconti giapponesi del macabro.

Junji Ito Maniac: Racconti giapponesi del macabro: fotoSpiralepresto anche in serie

È in un video di 3 minuti che lo stesso autore presenta il progetto della nuova serie. In particolare, ci svela alcuni concept-art dei chara-design per alcuni personaggi e ci racconta con parole sue le storie di tre delle storie che verranno adattate. Come succede : Tomè, Il diario di Soichi e Palloncini appesi. Gli intenditori saranno già molto entusiasti di questo inizio di selezione più che promettente, senza svelare altro.

Tomè, in particolare, il lavoro con cui Junji Ito ha iniziato, è l’ossessione di gran parte degli adattamenti che c’erano sulla bibliografia dell’autore (ironico quando si conosce il manga). Il suo personaggio di culto, la mostruosa eroina, sta ancora cercando la sua perfetta rappresentazione su un mezzo diverso dalla carta. Anche i registi come Alexandre Aja hanno giocato con il progetto per anni per dedicargli un film o una serie dal vivo.

Se questa presentazione ci dà più dell’acquolina in bocca, sogniamo di vedere Junji Ito che ci presenta ogni episodio della serie nel preambolo di questa alla maniera di un Rod Serling per La zona del crepuscolosiamo particolarmente impazienti di vedere il risultato entro il 2023. In attesa Junji Ito Maniac: Racconti giapponesi del macabroavremo anche diritto a una miniserie, previsto per il prossimo autunno chi si adatterà questa volta Spiralee sarà disponibile su Adult Swim.

Lascia un commento