fbpx

Netflix pubblica un trailer colorato per la serie Copenhagen Cowboy di Nicolas Winding Refn

Dopo Troppo vecchio per morire giovane per Amazon, Nicolas Winding Refn svela la sua nuova serie Netflix Cowboy di Copenaghen in un trailer clipesco.

Nicolas Winding Refn, sicuramente lo conosci per Viaggio. Sai, quel film con un Ryan Gosling nei panni di un pilota solitario con una bellissima giacca bianca Chiamata notturna di Kavinsky sullo sfondo. Se questo non significa niente per te, forse Bronson, Il Demone Neon, Il guerriero silenzioso – L’ascesa del Valhalla, Solo Dio perdona o anche la trilogia spintore suonano alle tue orecchie come titoli più evocativi. Resta il fatto che la lista di caccia del brav’uomo è consistente e basta è da tempo che tiene d’occhio i playoff.

Nel 2019, il regista ha pubblicato una serie per Amazon Prime Video: Troppo vecchio per morire giovane. Lungo 10 episodi la cui durata variava tra 30 minuti e 1 ora e 40, abbiamo seguito un agente di polizia nei bassifondi di una Los Angeles sotto l’influenza di molteplici reti criminali. Se, come al solito, Winding Refn ha polarizzato diametralmente le opinioni, si è ritrovato a dicembre 2021 al centro di uno scandalo durante le riprese Cowboy di Copenaghen, la sua nuova serie che è stata svelata in un trailer per Netflix.

Infatti, durante le riprese, la troupe cinematografica avrebbe ucciso un maiale per i bisogni di una scena. Il progetto sarebbe stato quindi trasformato per soddisfare le lamentele della PETA, un’associazione che si batte per i diritti degli animali, che ha chiesto la rimozione di tutte le scene in cui è apparso il maiale. E in questo trailer, infatti, non c’è traccia di alcun maiale maltrattato. I maiali, invece, sono abbondanti. Purtroppo è difficile per il momento immaginare quale simbolismo manterranno in tutta questa impresa o anche definire concretamente il loro interesse.

E in questo trailer, nessun dubbio, abbiamo a che fare con Nicolas Winding Refn. Notiamo, come al solito, un ricco interesse per le luci al neon e le belle inquadrature. Così tanti dipinti che vediamo scorrere al ritmo della musica synthwave e una tipografia simile a quella di Viaggio. Come sempre, Winding Refn promette un viaggio estetico di fascia alta. Speriamo solo che non sia solo questo, perché per ora il trailer è muto non rivela molto della sua trama a parte un tuffo nell’ambiente mafioso e qualche scontro a mani nude.

Leggi  critica di una caccia senza ritorno

L’indifferenza di Nicolas quando gli lanciamo dei fiori

Quello che sappiamo, però, è che il danese è tornato alla fonte del suo cinema. La storia si svolgerà in Danimarca, la sua terra natale, e il regista si è circondato di un cast interno nelle persone di Angela Bundalovic recentemente vista in La pioggiasua figlia Lola Corfixen che interpreterà un ruolo chiave e sarà la protagonista della sua trilogia spintore : Zlatko Buric. Infine, i primi episodi della serie andranno in onda durante la 79a edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

E se questo non significa nulla per te, sappi che Winding Refn conta su un’altra serie Gli italiani, una serie poliziesca franco-italiana adattata dal romanzo di Enrico Pandiani che sarà ambientata a Parigi, al 36 di Quai des Orfèvres. Lo ritroveremo presto sul grande schermo per il remake di Poliziotto maniacolo slasher cult di William Lustig uscito nel 1988. E se invece sei interessato alla proposta seriale di Nicolas Winding Refn, tieni presente che includerà sei episodi e che dovrebbe arrivare presto su Netflix alla fine del 2022.

Lascia un commento