fbpx

Netflix non riesce ad attirare i nuovi abbonati che si aspettava nel primo mese del suo piano supportato dalla pubblicità

Il lancio del piano di base con annunci Netflix Faceva parte di una strategia con la quale la società cercava di ricostruire un periodo di scarsi risultati, calo del numero di sottoscrittori e calo delle azioni. Tuttavia, dopo tutti gli sforzi di sviluppo tecnologico, le trattative con gli inserzionisti e i produttori di contenuti, i risultati non sono stati quelli previsti.

Come riportato dal Wall Street Journal, la società di analisi Antenna ha pubblicato un rapporto che rivela che nel suo primo mese di mercato (è stato lanciato il 3 novembre negli Stati Uniti e il 10 novembre in altri territori, come la Spagna) il tasso con gli annunci di Netflix rappresentava solo il 9% dei nuovi abbonamenti e di quella percentuale, il 43% non erano nuovi account, ma ex clienti che hanno scelto di passare a una tariffa inferiore.

La società analista confronta questi risultati con quelli di HBO Max nel giugno 2021, quando ha lanciato la sua tariffa supportata dalla pubblicità per $ 9,99 al mese negli Stati Uniti. Nel suo primo mese disponibile, è riuscito a generare a 15% nuovi iscrittidi cui solo il 14% erano vecchi account che sono passati a questo piano e hanno annullato il premio.

[La publicidad llega a Netflix: cuándo, qué cambios incorpora y los contenidos que no estarán disponibles]

Prezzi del piano di abbonamento Netflix

Le cifre dell’azienda si basano su dati raccolti da servizi di terze parti che raccolgono informazioni dai consumatori attraverso transazioni come documenti bancari, fatture e acquisti online. Antenna stima anche che i nuovi abbonamenti a Netflix a novembre erano inferiori negli Stati Uniti rispetto a ottobreprima del lancio del piano con pubblicità.

Leggi  sesso, droga e pop nel teaser della serie di The Weeknd

In merito a queste informazioni, un portavoce di Netflix ha dichiarato sul Wall Street Journal che le cifre con cui stava lavorando Antenna erano “impreciso” e non riflettono le prestazioni effettive del nuovo piano supportato da pubblicità. “È ancora troppo presto per trarre conclusioni, ma siamo soddisfatti del lancio, così come dell’entusiasmo degli inserzionisti di collaborare con Netflix”, conclude il comunicato.

Per gli analisti il ​​problema è che il prezzo del piano Netflix con pubblicità non si discosta molto dal piano base, e le limitazioni sono tante, quindi non è abbastanza allettante per chi non ha mai deciso di iscriversi alla piattaforma o come soluzione all’eterno problema delle password condivise.

[Se avecinan cambios en el streaming a nivel global: Disney+ le abre las puertas a los anuncios publicitarios]

Secondo Antenna, i piani supportati da pubblicità lanciati da altre società negli Stati Uniti hanno mostrato un certo successo. Gli abbonati di hulu rappresentano il 57% della sua base di utenti e il 21% degli utenti di HBO Max negli Stati Uniti nel caso di Pavone, di NBCUniversal, che è stato lanciato lo scorso anno e ha faticato a prendere piede, attualmente il 90% dei suoi abbonati utilizza il piano basato sulla pubblicità. A gennaio si conosceranno i primi dati di Disney+.

Lascia un commento