fbpx

Netflix annuncia l’uscita di un film documentario sulla storia di PornHub

Netflix ha appena annunciato la premiere di In fondo: la storia di Pornhub, un film documentario sulla controversa piattaforma della pornografia. La produzione è curata da alex gibney (Steve Jobs: L’uomo nella macchina2015) da Jigsaw Productions e darà un’occhiata non solo alla storia del sito di intrattenimento per adulti più popolare di Internet, ma anche al recente contraccolpo contro il sito.

La distribuzione di contenuti per adulti è cambiata radicalmente con l’avvento di PornHub nel 2007., in quanto consentiva agli utenti di condividere le proprie esperienze “mentre l’azienda guadagnava miliardi di dollari”. Così lo descrive la sinossi ufficiale del documentario, recentemente diffuso da Netflix.

Oltre a raccontare l’ascesa del web erotico negli ultimi quindici anni, Colpo di denaro metterà anche il focus sulle controverse accuse contro la piattaforma per aver acconsentito a materiale esplicito a costo di commettere possibili reati di traffico sessuale.

“Mentre le organizzazioni anti-tratta cercano giustizia per le vittime, il gigante di Internet può proteggere coloro da cui trae profitto? O stiamo affrontando una nuova ondata di censura per gli adulti che fanno porno consensuale?” Netflix ha descritto il documentario.

[Netflix elimina la función de reproducción aleatoria porque nadie la usaba]

Una storia milionaria

Ancora dal documentario ‘To the Bottom: The Story of Pornhub’.

Pornhub è uno dei siti Web di pornografia più visitati al mondo, accumulando nel solo 2021 oltre 36.000 milioni di visualizzazioni e centinaia di milioni di dollari in pubblicità. Quell’anno, la società è stata valutata 2,5 miliardi di dollari.

Il suo modello di business si basa sulla sua community, composta da 20 milioni di abbonati, che generano contenuti e possono scaricare e accedere gratuitamente ai contenuti di altri utenti.

Leggi  Aim for the Heart Stagione 2: quale data di uscita di Salto?

La società è originaria del Canada, con uffici in diversi paradisi fiscali in tutto il mondo. Il capitale dell’azienda circola attraverso MindGeek, la casa madre e un altro dei big, a capo di altri portali come RedTube e YouPorn o di case di produzione come Brazzers.

Sui social network come YouTube e Instagram, lasso Gli account Pornhub sono stati chiusi, accusati di violare le politiche e subito dopo che MindGeek è stato citato in giudizio per presunta promozione del traffico sessuale e per aver tratto profitto dalla distribuzione di materiale pedopornografico.

La società ha risposto negando le accuse e ha affermato che la sua organizzazione interna guida “i meccanismi di salvaguardia più completi di una piattaforma generata dall’utente”.

dietro le quinte

I responsabili della produzione includono la regista e produttrice Suzanne Hillinger, che in una delle dichiarazioni lo ha affermato uno dei suoi obiettivi è far riflettere gli spettatori sulla sessualità e sul consenso quando ci sono piattaforme multimilionarie che prosperano grazie ai contenuti dei loro utenti. “La nostra speranza è che questo film susciti importanti conversazioni su sesso e consenso, sia online che nel mondo”, ha affermato.

Alex Gibney è invece il produttore del lungometraggio di 93 minuti, in cui Stacey Offman (Il prigioniero per sempre) e Riccardo Perello (Pazzo, non pazzo) come produttori esecutivi.

Lascia un commento