fbpx

“Nella vera NASA ci sono pochissimi progressi in termini di diversità”

Apple TV + fa grandi serie che molti non stanno guardando. Uno di loro è Pper tutta l’umanitàun’emozionante cronaca in cui la corsa allo spazio non finì mai perché i sovietici furono i primi a camminare sulla luna. La migliore serie di fantascienza da allora Battlestar Galactica è tornato con una terza stagione e questo è il momento di provarlo, perché approfittando della sua premiere, il primo è visualizzabile gratuitamente sulla piattaforma.

Per i fortunati che l’hanno scoperto nelle sue puntate precedenti e lo hanno aggiornato, oggi vi portiamo un’intervista con uno dei suoi protagonisti. SERIES & MORE è stato in grado di parlare krys marshalll’attrice che interpreta Danielle Pooleche è anche produttrice e conduttrice del podcast ufficiale della serie, quindi le abbiamo chiesto cosa l’ha sorpresa di più della serie. Storia della NASA nella vita reale.

Abbiamo parlato anche dell’importanza di avere un personaggio come il tuo in termini di rappresentazione e abbiamo colto l’occasione per commentare una scena molto importante episodio 3×02 (Cambio di gioco), tra il suo personaggio e Ed Baldwin, in cui si esplora il sentimento di privilegio. Nelle prossime settimane pubblicheremo una seconda parte di questa intervista, in cui Marshall ci racconta nel dettaglio un altro momento chiave della stagione.

Ed e Danielle nell’episodio 3×02 di “Per tutta l’umanità”.

La scena tra Ed e Danielle, quando lui le dice che “altri fattori” hanno giocato nella sua elezione a comandante, è dolorosa, com’è stato quel momento per il tuo personaggio?

Quello che mi piace di più della nostra serie è che gli sceneggiatori non hanno paura di toccare argomenti delicati. È molto facile raccontare una storia in una linea temporale alternativa in cui le donne vengono prese sul serio, i neri vanno sulla luna e tutto è sistemato, ma la realtà è più complessa. Ed ama Danielle, sono amici da molti anni e hanno avuto molte esperienze di vita insieme, eppure non può fare a meno di vedere la vita attraverso il suo filtro di privilegio maschile bianco. Ecco perché amo quella scena. Anche perché penso che sia reale.

Comunque, penso che Ed non abbia torto. Parte del motivo per cui Danielle viene scelta come comandante della missione è perché è un simbolo in molti modi. Ciò non significa che non sia una grande astronauta e che sia più preparata di lui, ma non possiamo essere così ingenui da pensare che in questa lotta per la corsa allo spazio la NASA non stia mettendo una medaglia mandando una donna e un donna di colore alla guida della prima missione su Marte. Tutto ciò rende la serie più complessa e anche il loro rapporto. Mi piace che ci permettano di essere imperfetti e anche che la loro amicizia riesca a superare cose come questa.

“Quando ero una bambina e qualcuno ti chiedeva di disegnare un astronauta, disegnavamo tutti un uomo come Neil Armstrong”.

Come immagini che si sentirebbe il tuo io d’infanzia vedendo un personaggio fantastico come il tuo sullo schermo?

Leggi  Quale data e ora di rilascio?

Prima sarei molto sorpreso che ciò fosse possibile e poi molto orgoglioso di me stesso. A pensarci bene, devo confessare che c’è un momento alla fine del terzo episodio in cui quando l’ho visto finito non ho potuto fare a meno di piangere. Quando giriamo a volte non vediamo le cose chiaramente, perché impari le battute, vai al lavoro, torni a casa e il ciclo continua, non puoi elaborare quello che stai facendo, ma in quel momento come in Alla fine della seconda stagione mi sono emozionato molto.

Una delle cose che prendo molto sul serio il mio ruolo nella serie è perché so che posso essere un esempio per altre ragazze che mi somigliano, perché so che è importante vedere una donna come me essere un’astronauta, che fa credere che sia possibile. Quando ero bambino e qualcuno ti chiedeva di disegnare un astronauta, disegnavamo tutti un uomo come Neil Armstrong. Ecco come appare un astronauta, nessuno si sognerebbe di immaginare una persona come me, nemmeno me stesso. E ora possono guardarmi e dire: “Quello è un astronauta, un comandante di una missione su Marte”. Questo è davvero importante per me.

Il finale della seconda stagione di

Il finale della seconda stagione di “For All Mankind”.

Cosa ti ha sorpreso di più della vera storia della NASA mentre facevi il podcast ufficiale della serie?

Sono rimasto molto sorpreso dal fatto che nella vera NASA ci siano pochissimi progressi in termini di diversità. Mae Jemison è stata la prima donna di colore nello spazio nei primi anni ’90, ma da allora ne sono rimaste solo cinque. Cinque in 30 anni non sono molti. Ad oggi, non c’è ancora stato un astronauta apertamente gay che sia stato nello spazio, né c’è stato un astronauta transgender. Dobbiamo continuare a rompere il soffitto di vetro.

“Per tutta l’umanità” è disponibile su Apple TV+. La prima stagione può essere visualizzata gratuitamente e senza abbonamento.

Lascia un commento