fbpx

Neil Gaiman non è molto sicuro del sequel della serie Netflix

Neil Gaiman, il creatore di Sandmanha ammesso di non sentirsi molto ottimista su una potenziale stagione 2 su Netflix.

La nostra recensione della prima stagione di Sandman.

Portare sullo schermo la graphic novel di culto di Neil Gaiman non è stato sicuramente facile. Lanciato inizialmente negli anni ’90 sotto forma di lungometraggio, il progetto è rimasto infine a raccogliere polvere nei cassetti della Warner Bros., prima di essere recuperato dalla N Rossa nel 2019. Sotto la guida di David S. Goyer (al quale si devono gli scenari della trilogia Il Cavaliere Oscuro), Allan Heinberg (sceneggiatore di donna meraviglia) e lo stesso Gaiman, Sandman ha quindi finalmente visto la luce in formato seriale sul catalogo della piattaforma.

E sembrerebbe che il gioco valesse la candela poiché molto rapidamente la serie si è affermata come uno dei grandi successi di Netflix. Con pochi 127,5 milioni di ore guardate puntuale dall’inizio della sua trasmissione e una pletora di fan conquistati dal rispetto per il materiale originale, i meriti di una stagione 2 di Sandman sembrava solo una formalità. Ma Neil Gaiman non sembra necessariamente condividere questo ottimismo.

Fai un patto con il diavolo per ottenere una nuova stagione

In un post Twitter rivolto a un fan, l’autore e sceneggiatore ha insistito nel ricordare che l’adattamento di Sandman richiedeva risorse considerevoli (secondo Scadenzail costo di produzione della prima stagione ammonterebbe a circa 150 milioni di dollari), e che di conseguenza, il rinnovo della serie dipenderebbe soprattutto dalla sua performance commerciale. Gaiman ha anche voluto sottolineare che il rispettabile pubblico di cui gode la serie in questo momento (la prima stagione di Sandman è ai vertici di Netflix negli Stati Uniti e a livello internazionale sin dalla sua uscita) non garantisce in alcun modo l’inizio di una nuova raffica di episodi.

Ricordiamo che la piattaforma quantifica il successo dei suoi programmi durante i primi 28 giorni di operatività. Secondo Gaiman, sarebbe quindi necessario che Sandman rimane in cima alla classifica per le prossime due settimane al fine di garantire il futuro della serie sulla piattaforma. E anche qui, l’autore ha alcune riserve. Quando un tweet gli ha chiesto perché la stagione 2 non fosse solo un gioco da ragazzi, l’autore ha risposto:

Leggi  un trailer di fan-service per l'adattamento del gioco di ruolo

“Perché Sandman è una serie molto costosa. E affinché Netflix decida di darci i soldi per un’altra stagione, dobbiamo fare una super performance. Sì, siamo stati la serie più vista al mondo nelle ultime due settimane. Potrebbe non essere abbastanza.”

Infatti, per compensare una significativa perdita di abbonati, i N rouge non hanno avuto altra scelta che iniziare a considerare tutta una serie di nuove strategie economiche. Non è quindi impossibile che Netflix decida di farlo non rinnovare la serie per risparmiare l’investimento necessario per la produzione di una seconda stagione.

Ma non lasciate che i fan della serie si facciano prendere dal panico: non solo il produttore esecutivo Allan Heiberg lo ha annunciato la stesura della seconda stagione era già iniziata e in attesa del via libera, ma la recente messa in onda del doppio episodio bonus Un sogno di mille gatti/Caliope non è banale.

Se dunque non si tratta di dichiarare vittoria troppo in fretta, non si tratta però nemmeno di dare troppo credito al pessimismo di Neil Gaiman. Ora resta solo da sperare che questa nuova stagione non impieghi trent’anni per investire il catalogo Netflix.

Lascia un commento