fbpx

Molti Santi Di Newark – Una Storia Dei Soprano: Recensione Chi Dorme Con I Pesci

BLUES MAFIA

quando I Soprano si è conclusa nel 2007 in un memorabile episodio finale, nessuno immaginava rivedere Tony Soprano un giorno sullo schermoper non parlare della morte del compianto James Gandolfini nel 2013. Con il suo fisico impressionante e la sua espressività unica, l’attore ha incarnato e portato il personaggio sulle sue ampie spalle per sei stagioni, riuscendo a Fai questo gangster sociopatico profondamente accattivante nonostante le atrocità potrebbe dire o commettere ogni episodio.

Questo è probabilmente ciò che spiega il perché Molti santi di Newark – Una storia dei Soprano è un prequel e non un sequel. Consapevole di aver già detto tutto o quasi nelle sue serie intorno al personaggio e che James Gandolfini e Tony Soprano restano inseparabili l’uno dall’altro, David Chase ha preferito revenire in il passato per una storia ineditoche rivelerebbe anche cosa ha portato il giovane Tony a diventare il mafioso depresso che conosciamo e amiamo.

Tony Soprano e Dickie Moltisanti

Se racconta una storia legata a Soprano, il film non traccia “l’ascesa della leggenda Tony Soprano” come afferma il poster, ma piuttosto quella di un altro personaggiocitato nella serie come mentore di Tony e una delle grandi figure della famiglia Soprano dell’epoca: Dickie Moltisanti (Alessandro Nivola), padre di Christopher Moltisanti (Michael Imperioli nella serie) e zio per matrimonio del giovane Tony , che lo guarda con ammirazione fin da bambino.

Scoprendo il gangster che è Dickie, il suo personaggio e i suoi dubbi sulle sue azioni all’interno della mafia, che suo padre, “Hollywood Dick” Moltisanti (Ray Liotta), governa con pugno di ferro, diventa chiaro – per chiunque abbia osservato Il Soprano – per capire perché e come ha influenzato suo nipote. cazzo è il modello da Tony, in ogni senso del termine, e i conflitti morali che affliggono il carismatico criminale nel film sono gli stessi che il boss della mafia del New Jersey avrà anni dopo nella serie.

FotoUna sensazione di déjà vu

Queste somiglianze tra i due personaggi potrebbero forse spiegare l’influenza che Dickie ha avuto su suo nipote, ma puntano principalmente ai difetti di scrittura e alla mancanza di originalità del film. In generale, Molti santi di Newark si basa essenzialmente su ciò in cui lo spettatore ha visto I Soprano per sviluppare la sua storia e rivelarsi incapace di caratterizzare la maggior parte dei suoi protagonisti o addirittura di esistere come opera separata.

Fin dai primi minuti, il film fa riferimento a un evento cruciale nella vita della serie e conferma fin da subito di essere rivolto principalmente, se non esclusivamente, ai tifosi.

FotoBada Bing

LE LIBERTÀ

Tra tradimenti, imbrogli, inganni e sanguinose sparatorie, lo scenario potrebbe essere quello di qualsiasi film del genere e ne riprende gli archetipi, tra omaggio, citazione e pallida copia. La storia è così semplice e codificata che chiunque può seguirla, ma mancanza di profondità sotto tutti i punti di vista. L’interesse maggiore del film deriva soprattutto dai legami che stringe con la serie tornando su alcune vicende e luoghi e personaggi emblematici della Soprano che riporta sullo schermo.

Alcuni come Jon Bernthal, Corey Stoll o Vera Farmiga sono eccellenti nelle versioni ringiovanite di Johnny Boy Soprano, Uncle Junior e Livia Soprano mentre altri, come il giovane Paulie e Silvio di Billy Magnussen e John Magaro, sfiorare la caricatura dei loro anziani e sono usati solo per alimentare il fan-service.

FotoJunior e Livia

D’altro canto, Michael Gandolfini è semplicemente perfetto come un giovane Tony. La somiglianza con suo padre è tanto inquietante quanto sorprendente. La mimica, la bonomia e l’imbarazzo del Tony della serie sono gli stessi e porta un’emozione molto speciale quando appare.

La scena straziante in cui Livia viene a conoscenza della disgrazia del figlio e cerca di compiacerlo sono quei tipi di momenti che causa rammarico che la sceneggiatura scritta da David Chase e Lawrence Konner (sceneggiatore di alcuni episodi) si concentri su Dickie piuttosto che sul rapporto di Tony con i suoi genitoriche lo ha definito tanto quanto l’esempio di suo zio, come ha dimostrato la serie.

Leggi  finalmente la resurrezione di Predator?

FotoL’altra influenza di Tony

A volte, il film offre altri passaggi ispirati e suggestivi, come durante una ripresa in mezzo ai disordini su una copertina di una poesia di Gil Scott-Heron o durante un sanguinoso regolamento di conti in un ufficio di reclutamento dell’esercito.

La violenza è brutale, improvvisae la regia di Alan Taylor (regista di diversi episodi, premiato con un Emmy per l’episodio 18 della sesta stagione, Buona liberazione) sa generare tensione e bagliori, ma non riesce mai a trovare l’oscurità che ha caratterizzato la serie. La fotografia opaca e lattiginosa contrasta con lo stile più semplice e realistico e finisce per accentuare l’aspetto artificiale del film.

FotoUn altro senso di deja vu

Con la sua divisione in due parti e la sua storia divisa tra Dickie Moltisanti e Harold McBrayer (che afferra Leslie Odom Jr.), un mafioso nero che vuole smettere di servire gli italiani e avviare un’attività in proprio, Molti santi di Newark dà chiaramente l’impressione di essere un incrocio tra due film diversi. Da un lato, quello sui riots di Newark del 1967, che David Chase voleva realizzare già prima della fine della serie; e dall’altro, il prequel dei Soprano a cui era legato per vedere la luce del giorno.

Purtroppo, che siano il contesto sociale e le tensioni razziali ad alimentare la guerra tra le bande afroamericane e italoamericane o i problemi di Dickie e il suo rapporto con Tony, il ritmo e la narrazione sono discordanti e il film non sa come gestire le sue diverse trame. È solo quando Molti santi di Newark prendi la torcia di Soprano che diventi più interessante e rilevante.

Fotofratelli nemici

GANGSTER AMERICANO

All’inizio del primo episodio della serie, durante la sua prima seduta di terapia con la dottoressa Melfi (Lorraine Bracco), Tony gli ha confidato che “il meglio era passato. Depresso, il boss della mafia del New Jersey lo sentiva il periodo d’oro della malavita italo-americana era passato da tempo e che suo padre aveva avuto una vita migliore, circondato da persone che condividevano e rispettavano i suoi stessi valori, per quanto moralmente discutibili fossero.

Molti santi di Newark ci riporta a quel periodo che Tony ha glorificato e dimostra chiaramente che l’immagine della mafia d’altri tempi che ha conservato è solo un mito e che i membri della famiglia di allora erano già tutti bastardi che si tradiscono e si uccidono a vicenda ogni volta che ne hanno l’opportunità.

FotoRiunione di famiglia

Contrariamente alla memoria di Tony, i gangster sono già descritti come resti del passatonerd che contano i loro biglietti mentre raccontano i loro aneddoti di Frank Sinatra mentre la città brucia per le rivolte e i Rolling Stones prendono il controllo delle radio.

Mentre Paulie, Dickie e gli altri continuano a fare racket e scommesse illegali, Harold, rendendosi conto che non potrà mai insorgere all’interno di un’organizzazione gestita esclusivamente da bianchi razzisti, si avvicina a Frank Lucas, che rappresenta il futuro della criminalità organizzata (e chi ha rotto il monopolio della mafia sul traffico di eroina a New York).

Foto, Leslie Odom JR., Germar GardnerL’inizio di una nuova era

In qualche modo, Molti santi di Newark racconta la fine del regno della mafia italiana negli Stati Uniti e annuncia la morte del sogno americano che ha mostrato I Soprano. Questo sogno americano che ha spinto proprio Giussepina a sposare un uomo odioso come l’Hollywood Dick Moltisanti, pensando di avere una vita migliore. Se c’è una cosa da ricordare dal film, è che non dovresti aspettarti troppo, perché la realtà è spesso molto diversa da quella che potresti aspettarti.

Manifesto ufficiale

Lascia un commento