fbpx

“Molti registi sono ‘borghesi’ con telecamere che vogliono spiegare la vita agli altri”

“Prima facevo film più divertenti, ora ne ho fatto uno più serio”. Abito nero e maniche lunghe con sonniferi 38 gradi Celsius a Madrid, Gaspare Noè (Buenos Aires, 1963) cerca di abbassare la temperatura del suo doppio caffè con un cucchiaino. Lo muove piuttosto rapidamente mentre analizza la prima di vortice in Filmin-after vincere il premio di sezione Zabaltegi all’ultimo Festival di San Sebastian-. Una storia sulla vecchiaia, la malattia, la demenza e la paura della solitudine. Il suo approccio particolare e delicato alla morte “nasce dall’aver vissuto da vicino situazioni simili”, ha detto il regista a giornale specializzato in serie televisive e film.. “Il film non è autobiografico, ma ho visto mia madre perdere la testa”. “Sono film horror di tutti i giorni”, aggiunge.

Noé si dimostra una figura appassionata, non solo con il cinema, poiché anticipa la sua risposta prima che la domanda sia finita. “L’ho concepito come un film horror psicologico”, spiega vortice. Dice che voleva intitolarlo “Dementia”, ma ha finito per scartare quell’opzione perché sarebbe stato un clone del Suspiria (1977) da Dario Argentoche viene coronato dalla sua prima interpretazione dell’irriverente regista e Francoise Lebrun. “Adoro i film in cui la suspense è generata dai problemi della vita quotidiana”, aggiunge.

Con uno schermo diviso in due, una risorsa in cui ha già utilizzato luce eterna (2020), il regista è spietato con la sventura del tempo. Né il denaro, né l’amore, sono forze trainanti in grado di affrontare “l’inutilità del cervello umano”. “La malattia e la morte mi sembrano cose naturali come il cibo o lo sport”, afferma comicamente. Noah scarica alcune delle sue paure dopo sopravvissuto a un ictus nel 2020. “Mi piaceva uscirne illeso”, ma c’era un’alta percentuale di “finire morto o con un incidente che ha danneggiato la mia lingua”.

Il regista afferma che non è la guerra ciò che più preoccupa gli esseri umani, ma la “vecchiaia” e il passare del tempo rallentati da una malattia come la demenza. “È un argomento che spaventa tutti”, dice. Noé denuncia che, in molte famiglie con Alzheimer, la patologia “è un segreto che portano come una croce e che non devono mostrare”. “Non capisco perché le persone si vergognino a dire che devono prendersi cura della madre o del padre ogni giorno”.

Oltre all’Alzheimer, la pandemia di Covid ha messo la salute sull’altare delle preoccupazioni. “Sono stato a molti funerali e ho visto i miei cari morire davanti ai miei occhi”, spiega. “Sono stati due anni in cui mi sono sentito circondato dalla malattia e dalla morte nella sua forma più naturale”. Di solito si parla poco della morte, piuttosto niente. L’unica conversazione consentita riguarda il personaggio irlandese d’addio, incentrato sulla celebrazione e non sull’oscurità.

“Negli ultimi due anni sono stato a molti funerali e ho visto i miei cari morire davanti ai miei occhi”

La delicatezza reazionaria

“Ho girato film su giovani a cui piace divertirsi, sballarsi e scopare”. La controversa e provocatoria facciata di Gaspar Noé è vox pópuli. Lo stesso regista è consapevole che una sequenza di dieci minuti girata su uno stupro, come quella mostrata in Irreversibile, non avrebbe posto nel cinema di oggi. In Lo vede ha mostrato un’eiaculazione 3D, come un dinosauro da Jurassic Park che cerca di spaventare il pubblico. Ora concentra la sua irriverenza sulla crudezza dell’invecchiamento.

“Me lo ha detto mio padre, che ha visto i miei film vortice È adatto a tutto il pubblico, ma è il più violento di tutti”, analizza. “Ho amici che mi hanno chiamato quattro giorni dopo averla vista piangere”, dice a proposito delle reazioni al film. “Tutti i miei film sono delicati, ma questo mostra una parte più accettabile”.

“Mio padre, che ha visto i miei film, mi ha detto che ‘Vortice’ è adatto a tutti i pubblici, ma è il più violento di tutti”

Noé spiega che voleva che gli attori avessero nozioni sulla demenza in modo che la naturalezza avrebbe segnato il film. “Mi è stato detto che sembra un documentario e non un nastro recitato”. Il regista franco-argentino sfrutta ancora una volta la risorsa della libera interpretazione e improvvisazione con una sceneggiatura di appena dieci pagine che ha preso forma durante le riprese.

Leggi  Bruce Campbell spiega perché la serie è stata cancellata

Con Dario Argento, regista di classici che hanno alimentato il suo subconscio cinematografico, Noé ha raggiunto una completa sinergia. “Sapevo che era ultra carismatico, senza essere un attore è un stella del rock“, elude eccitato. “Era come lavorare con un amico, lo conosco da 30 anni”.

Gaspare Noè a Madrid.

Gaspare Noè a Madrid.

EFE

Cannes, la tua seconda casa

Oltre ad aver nuotato in polemiche, Gaspar Noé continua a mostrare la sua facciata più canaglia quando parla del futuro del settore e dei suoi colleghi. Risponde ‘no’ alla domanda se si consideri un genio del cinema -con una risata consapevole che forse nasconde una risposta opposta-, ma si dice “meno cattivo degli altri”. “Non sopporto i registi che danno lezioni di politica, la maggior parte di loro sono ‘borghesi’ con telecamere che iniziano a spiegare la vita agli altri”, risponde senza mezzi termini.

Non crede “né nel bene né nel male”, nonostante i suoi film mostrino un chiaro desiderio radicalizzato per quest’ultimo, e mostra la sua devozione a Cannes, “la mia seconda casa” e l’evento che “ha dato vita a tutti i miei bambini”. “Ci sono molti festival, ma questo è di gran lunga quello che mi piace di più”. Precisamente, mette in evidenza l’ultima Palma d’Oro, triangolo di tristezza di Ruben Ostlund.

“Sono molto fobico con il cinema, ci sono pochi film che mi piacciono durante l’anno”. Dice che passa più tempo a rivedere i classici degli anni ’50, ’60 o ’70, ma “a Cannes ci sono sempre cinque o sei nuovi film che amo”.

“Sono molto fobico con il cinema, ci sono pochi film che mi piacciono durante l’anno”

Per quanto riguarda il cinema spagnolo, lo afferma madri parallele È stata l’ultima fiction nazionale che ha potuto vedere -e in cui ha trovato “il miglior bacio da anni al cinema”- e ammette di essere “ossessionato” dalla filmografia di Eloy de la Iglesia. “Mi mancano uno o due film, ma sono riuscito a trovarli tutti legalmente.” “O illegale”, aggiunge tra una risata e l’altra.

Sebbene vortice tieni il futuro lontano dalla mente, Noah chiede “film più audaci e più strani”. “Che la gente reinventi un po’ la lingua”, denuncia.

Lascia un commento