fbpx

Miss Marvel Stagione 1 Episodio 4: Benvenuti a Karachi

Dopo un terzo episodio sotto i primi due, Signorina Marvel parte per il Pakistan per ottenere risposte sulla sua famiglia e sui suoi poteri, ma ha solo problemi, trame noiose e scene d’azione scadenti.

Non è quella traccia 9 3/4?

GENERAZIONE PERSA

Non riuscendo a conquistare gli abbonati Disney+, Signorina Marvel avrà contribuito a cambiare la rappresentazione dei supereroi sullo schermo e si sarà distinto dalle altre produzioni dei Marvel Studios per la sua leggerezza, i suoi temi o la sua messa in scena, frizzante e sorprendente come la sua eroina. Tuttavia, nonostante le sue qualità, la serie ha mostrato rapidamente i suoi limiti, sia narrativi che visivi, quando ha dovuto tradire i fumetti di G. Willow Wilson e Adrian Alphona per iscriversi al MCU. Mentre la storia di Kamala (Iman Vellani) è rimasta promettente e toccante, la trama legata ai suoi poteri ci ha ricordato l’incompetenza della Disney quando si tratta di scrivere una sceneggiatura originale o organizzare scene d’azione.

Questo quarto episodio in cui l’adolescente vola in Pakistan con la madre per cercare di trovare risposte sulla sua famiglia e sul braccialetto cosmico della bisnonna non è un “ritorno alle basi“, come suggerisce il titolo, ma una visita turistica istruttiva che sembra confermare l’attesa e attesa delusione.

Miss Marvel: fotoMiss Marvel in viaggio

Mentre Kamala scopre Karachi, le sue folle, i suoi mercati e le sue specialità culinarie più o meno piccanti con i suoi cugini o i suoi nuovi amici, la sua ricerca di identità continua, con un confronto diretto tra le sue due culture. Sharmeen Obaid-Chinoy, lei stessa pachistana, cattura meravigliosamente l’eccitazione della giovane eroina mentre esplora la città, la sua storia e sa come dare vita e autenticità ai set (che sono comunque al Bankgok).

Mentre Kamala esce dalla sua zona di comfort, la serie guarda anche alla relazione tesa tra sua madre Muneeba (Zenobia Shroff) e sua nonna Sana (Samina Ahmed), ma anche a perdita di cuscinetti da una generazione all’altra. In una toccante conversazione, le due donne svelano il risentimento che nutrono da anni e discutono di come il trasferimento negli Stati Uniti abbia distrutto la loro relazione.

Sana poi racconta a sua nipote come la spartizione dell’India e la colonizzazione abbiano distrutto l’eredità della loro famiglia e traumatizzato migliaia di persone che non sapevano più chi fossero oa quali persone appartenessero. Di nuovo, Signorina Marvel non è mai migliore di quando si concentra sulla sua eroina e sui suoi cari per affrontare temi legati all’identità, alla storia o alla religione con la stessa serietà delle emozioni. Purtroppo, è quasi nulla in confronto a tutto ciò che questo quarto episodio cerca di realizzare.

Miss Marvel: fotoRiunione di famiglia

danno per secondo

Nonostante tutti i suoi tentativi di mettere in evidenza la cultura indo-pakistana e affrontare nuovi temi nel MCU, Signorina Marvel resta obbligato a rispettare le specifiche di Marvel e Disney. Gli episodi precedenti avevano già dimostrato che le modifiche apportate rispetto ai fumetti erano più che dubbie e che la creatività e il fascino sono scomparsi non appena Kamala ha indossato il suo costume. Questo quarto episodio è quello in cui la supereroina usa di più i suoi poteri, il risultato supera tutte le paure in termini di scrittura.

Leggi  Quale data e ora di rilascio?

Dopo essere stata abbandonata nel mezzo della città dai suoi cugini extra, Kamala incontra un nuovo alleato, Kareem (Aramis Knight), che la conduce nella sua tana. Allo stesso modo in cui le origini disumane dell’eroina sono state rozzamente sostituite da una reinterpretazione di Clan Destine come “Djinn” mitologico da un’altra dimensione, Red Dagger non è più un giovane eroe pakistano di cui Kamala si innamora, ma ancora un’altra organizzazione segreta e misteriosa nel vasto MCU.

Miss Marvel: fotoI millennial stanno prendendo il sopravvento

D’altra parte, mentre l’episodio precedente aveva almeno presentato la storia della famiglia di Kamala in una scena a forma di flashback, dal nulla compare un nuovo personaggio generico di nome Waleed (interpretato dal regista e attore indiano Farhan Akhtar). .partire per sprigiona la sua narrativa espositiva legando la storia di Kamala a una minaccia interdimensionale che potrebbe spazzare via il mondoovviamente, prima di scomparire altrettanto rapidamente.

Kareem, invece, non è altro che un alleato funzionale che mostra Kamala in giro per la città, quando non si scambia con lei sguardi sapienti e battute, ma Aramis Knight condivide poca chimica con Iman Vellani accanto agli altri membri del cast. Rispetto a Kamran o Bruno, questo nuovo contendente può almeno contare sulla sua agilità e capacità fisiche per venire in aiuto di Kamala, anche se le scene d’azione sono ancora catastrofiche in termini di taglio, intarsi ed effetti speciali, come si vede nel colorato inseguimento attraverso le strade di Karachi.

A Sharmeen Obaid-Chinoy manca chiaramente l’inventiva o il nervosismo dei suoi predecessori dietro la macchina da presa e alla fine finisce per un episodio perfettamente mediocre: un po’ toccante e un po’ noioso allo stesso tempo, né troppo brutto, ma nemmeno davvero divertente.

Miss Marvel: fotoFormicola

Con l’avvicinarsi della fine della stagione, Signorina Marvel non provare nemmeno a fare uno sforzo : Come il terzo episodio con la visione del treno e il richiamo di nonna Sana, Kamala si ritrova sospinta come per magia durante la spartizione delle Indie e l’esodo che è seguito prima della fine dell’episodio.

La scena, in parte girata con una gru, offre senza dubbio una delle inquadrature più belle della serie, e una delle più potenti, ma sembra sia stata messa lì solo per creare una piccola mania e alimentare le teorie, in attesa di il prossimo episodio, la prossima serie o il prossimo film.

Miss Marvel ha debuttato l’8 giugno su Disney+, con un nuovo episodio in onda ogni mercoledì

Miss Marvel: poster

Lascia un commento