fbpx

Maverick’, emozione e spettacolo in un seguito esemplare e di gran lunga superiore all’originale

Come succede al protagonista di Top Gun: Maverick con l’aviazione, un’industria in cui i piloti stanno per essere sostituiti dalla tecnologia, Tom Cruise si aggrappa a una Hollywood morente dove si vedono i film nei cinema, quello che appare sullo schermo sembra che stia realmente accadendo e le star del cinema contano. 36 anni dopo la premiere di un film d’azione classico tanto iconico quanto antiquato, il regista Giuseppe Kosinski sorprendere con un seguito straordinario ed emozionante che è già nelle sale.

Non sorprende che un’industria dominata dalla nostalgia e dall’ossessione per le proprietà intellettuali abbia deciso di rivisitare uno dei più grandi successi degli anni ’80, ma Tom Cruise è un Avvisatore raro in un business impantanato in una fase di crisi e trasformazione. il protagonista di Missione impossibile è una star come quelle del passato in un momento in cui i franchise sono al di sopra degli attori: non ha mai lavorato in televisione, non ha interesse a collaborare con le piattaforme di streaming e si rifiuta di ridurre la finestra di distribuzione dei suoi film.

Né ha alcun interesse a passare il testimone delle sue saghe più popolari alle nuove generazioni.come Jeremy Renner ha scoperto da solo o chiarisce di nuovo Top Gun: Maverick. Il blockbuster della Paramount non segue le orme dei ritorni in franchising come ritenere, Lama RunneUN: 2049 e Star Wars: Il risveglio della Forza, flashback (il nuovo termine coniato per definire questo mix di riavviare e sequel) in cui un personaggio più giovane è al centro della scena mentre leggende come Sylvester Stallone e Harrison Ford passano in secondo piano.


Dopo più di 30 anni di servizio come uno dei migliori aviatori della Marina, Pete Mitchell si trova di fronte a una realtà: se vuole rimanere parte di un’organizzazione che non lo ha spinto fuori dai suoi ranghi solo su insistenza di uno dei suoi migliori amici, “Maverick” deve accettare un ultimo incarico prima del suo prevedibile pensionamento: addestrare un giovane gruppo di diplomati della Top Gun Academy per una missione pericolosa con un’alta probabilità di finire in tragedia.

Tra i piloti spicca un’altra vecchia conoscenza con cui ha degli affari in sospeso: Bradley Bradshaw, figlio della sua defunta amica Goose. Migliaia (la rivelazione di colpo di frusta) replica Cruise con una performance contenuta e una caratterizzazione sottile che ricorda notevolmente l’attore Antonio Edwards nonostante la mancanza di somiglianza tra i due. La tensione irrisolta tra il pilota solitario che non ha mai avuto una sua famiglia e la persona che gli ricorda il grande rimpianto della sua vita è il grande conflitto emotivo di una storia, anche se lo vediamo sempre dal punto di vista del personaggio di Maverick. .

Il film recupera alcuni degli elementi più ricordati del film originale (la canzone al pianoforte, il gioco per unire la squadra, il rapporto tra i due capisquadra che iniziano come rivali prima di diventare inevitabilmente amici). Per fortuna, non cade mai nello stile affettato e, a volte, quasi parodico da uno dei classici più pacchiani – e questo è un parolone – degli anni ’80.

Tom Cruise è affiancato da una nuova generazione di piloti in “Top Gun: Maverick”.

Leggi  Under the Grip: dove è stato girato? Luoghi delle riprese!

Kosinski, un regista che ha già affrontato la sfida di realizzare un sequel in ritardo con Tron: Ereditàe il suo team di scrittori hanno ragione semplificando completamente la trama attorno a una missione impossibile che sembra quasi presa dal franchise più famoso della sua protagonista e concentrati sull’aspetto emotivo della storia: le conseguenze della morte di Goose, il personaggio ribelle di Maverick che spiega perché non è mai salito in Marina e l’unico legame rimasto del personaggio con il suo tempo all’accademia di piloti: Iceman.

Top Gun: Maverick riserva un tributo emotivo nella vita a Val Kilmerun attore che ha perso la voce dopo aver sofferto di cancro alla gola e la cui affascinante carriera e vita è appena stata oggetto di un interessante e rivelatore documentario (val) che arriva a Filmin il 20 maggio. Anche per chi non ha nostalgia top Gun Nonostante sia cresciuto guardando i film di Tom Cruise sul grande e piccolo schermo, il suo eccellente sequel sorprende per l’efficace combinazione del suo lato drammatico e della sua sfilata di sequenze d’azione spettacolari che ti faranno chiedere come diavolo sono state girate.

Il tre volte candidato all’Oscar è oggetto di battute per la sua dipendenza dal rischio e per aver recitato lui stesso le scene d’azione nei suoi film, ma Qui assistiamo ancora una volta ai frutti della sua ossessione di offrire al pubblico il miglior spettacolo possibile. che giustifica il pagamento di un biglietto del cinema. Dal prologo in cui sfida i limiti della velocità al climax in cui affronta macchine molto più avanzate della sua, questo film è un’affermazione da sognatore.

Tom Cruise brilla nel ritorno di Maverick con un nuovo regista, Joseph Kosinski.

Tom Cruise brilla nel ritorno di Maverick con un nuovo regista, Joseph Kosinski.

In un momento in cui anche i blockbuster da 200 milioni di dollari sono pieni di scene mediocri con effetti visivi e uso sfacciato del green screen, Kosinski e Cruise riescono a creare un susseguirsi impressionante calci piazzati elevato dall’irresistibile carisma del suo attore protagonista, dal travolgente sound design della produzione e dall’emozionante colonna sonora a cui hanno collaborato per la prima volta han zimmer Y Lady Gaga.

Alcuni sono rimasti sorpresi dal fatto che il Festival di Cannes abbia incluso la produzione della Paramount nella sua programmazione. Dopo averlo visto, è molto facile capirne i motivi: è uno dei migliori blockbuster dell’ultimo decennio e nessuna star del cinema ha fatto tanto per difendere l’esperienza nei cinema (un’ossessione che ha portato il festival stesso a confrontarsi con Netflix e il resto delle piattaforme di streaming) come Tom Cruise.

Per i fan e gli scettici di top Gunil suo seguito è un’entusiasmante lettera d’amore allo spettacolo cinematografico e un film che è molto meglio di quanto ci aspettassimo… e quello che dovrebbe e di cui aveva bisogno. Una delle grandi sorprese del cinema recente.

Lascia un commento