fbpx

Mario Martone gira un documentario su Massimo Troisi, Laggiù qualcuno mi ama

– Il regista sta lavorando al suo nuovo film, dedicato all’attore e regista napoletano scomparso nel 1994, scritto insieme al suo storico compagno e collaboratore, e prodotto da Indiana

Questo articolo è disponibile in inglese.

Il recente vincitore di quattro Nastri d’Argento per le sue due ultime offerte, Il re della risata [+lee también:
crítica
tráiler
entrevista: Mario Martone
ficha de la película
]
e Nostalgia [+lee también:
crítica
tráiler
entrevista: Mario Martone
ficha de la película
]
(leggi la nostra news), gli instancabili Mario Martone è già al lavoro sul suo prossimo lungometraggio. È chiamato Laggiù qualcuno mi ama ed è un documentario dedicato all’amato attore e regista napoletano Massimo Troisiscomparso nel 1994 a soli 41 anni, fondatore della nuova commedia napoletana – ironica, sentimentale e malinconica insieme – e che si è affermato tra gli anni ’70 e ’80, prima in teatro e poi nel cinema .

(L’articolo continua qui sotto – Inf. pubblicitaria)

Prodotto da Indiana e attualmente in produzione, il film è scritto da Martone, in combutta con Anna Pavignano, che è stato partner di lunga data di Troisi, sia nella vita che nel lavoro. Mettendo in mostra contenuti, documentazione inedita e testimonianze di amici e colleghi, il documentario cerca di trasmettere la genialità e lo status leggendario di Massimo Troisi attraverso la visione esclusiva ed eccezionale degli autori napoletani e attraverso la stessa Pavignano, che ha co-scritto le sceneggiature degli indimenticabili film di Troisi, come Parto da tre, Scusate il ritardo, Pensavo fosse amore… una volta era un calesse, Il Postino (Il postino)così come altre opere.

“La mia amicizia con Massimo era basata su una grande stima reciproca, amavo i suoi film, sognavamo di lavorare insieme”, ha dichiarato entusiasta Martone. “Quindi l’opportunità che mi è stata data di fare un film documentario permettendo al pubblico di vederlo di nuovo sul grande schermo è una cosa davvero speciale per me. Posso parlargli, ascoltarlo e metterlo di nuovo di fronte agli spettatori, spettatori sia del passato che del presente, di cui ce ne sono tanti”.

Leggi  Chi ha gridato "Viva Franco" a una manifestazione per Miguel Ángel Blanco?

direttore di Capri-Rivoluzione [+lee también:
crítica
tráiler
entrevista: Mario Martone
ficha de la película
]
e Il Sindaco del Rione Sanità [+lee también:
crítica
tráiler
entrevista: Mario Martone
ficha de la película
]
ha inoltre aggiunto: “Massimo è sempre rimasto vivo nell’immaginario collettivo perché era un essere umano meraviglioso e un grande artista. È una cosa davvero speciale per me lavorare alla sceneggiatura con Anna Pavignano, che ha scritto tutti i film di Massimo e la cui presenza al suo fianco ha implicato quanto fosse aperto, quanto dialetticamente incline e quanto fosse in anticipo sui tempi Massimo nella sua visione di le cose. Quanto è importante per noi ancora oggi. Stiamo facendo questo film per ascoltarlo ancora una volta, per rivederlo e per stare con lui”.

(L’articolo continua qui sotto – Inf. pubblicitaria)

Lascia un commento