fbpx

Lo sceneggiatore di Obi-Wan Kenobi racconta la trilogia dei Jedi abbandonati

Lo sceneggiatore Stuart Beattie ha spiegato che la serie Obi-Wan Kenobi su Disney+ avrebbe dovuto essere una trilogia di film.

Dopo sei episodi trasmessi su Disney+, Obi-Wan Kenobi terminato di recente. La serie di eventi ha riportato Ewan McGregor nel ruolo dello jedi per raccontare le sue avventure La vendetta dei Sith e Una nuova speranza. Se ci chiediamo ancora se sia stato molto utile completare questa ellisse tra le due prelogie, distillando un po’ di più la loro mitologia e le loro parole non dette, Obi-Wan Kenobi era estremamente popolare sulla piattaforma. Molti spettatori attendevano con impazienza il ritorno del maestro di Luke Skywalker sul palco, così come il suo famoso avversario, Darth Vader. Quest’ultimo è nuovamente incarnato dall’attore di Anakin della prelogia, Hayden Christensen, 17 anni dopo questo.

Nonostante gli ottimi risultati per Disney+, le opinioni di spettatori e critici sono state meno entusiaste del previsto. Un’insoddisfazione piuttosto udibile su tutta la serie, che abbiamo potuto sentire anche nelle nostre recensioni. Accanto ad altre produzioni di piattaforma, viene da chiedersi se Obi-Wan Kenobi ben meritato l’odio ricevuto. Inoltre, a sua difesa, il formato seriale non era il mezzo originariamente previsto per questa storia In realtà, i sei episodi disponibili su Disney+ estendono quello che avrebbe dovuto essere un film di 2 ore per il cinema.

In ogni caso, questo è stato spiegato di recente Stuart Beati, lo sceneggiatore del film abbandonato. In un’intervista a Il diretto, Stuart Beattie ha parlato del suo ruolo nel ritorno di Obi-Wan sui nostri schermi. Sebbene sia accreditato come sceneggiatore per gli episodi 1, 2, 3 e per il finale di stagione, ha chiarito che in realtà non era coinvolto nella serie. Al contrario, lui stesso si è allontanato dal progetto quando è andato a Disney+.

Ha lavorato solo al film originariamente previsto. Immaginato come la prima parte di una nuovissima trilogia per il cinema, il lungometraggio ovviamente non ha visto la luce a causa del fallimento di Assolo al botteghino:

“Ho scritto il film su cui hanno basato lo show. Quindi sì, ci ho lavorato un anno e mezzo. E quando è stata presa la decisione di non fare un altro spin-off teatrale dopo l’uscita di Solo, ho lasciato il progetto e sono andato a fare qualcos’altro. Giobbe Harold [le scénariste principal pour la série] ha preso la mia sceneggiatura e l’ha trasformata in una serie di sei episodi. Quindi non ho lavorato affatto con loro, ho solo avuto il merito perché è il mio copione. »

Obi-Wan si sacrificò sull’altare di Solo

Stuart Beattie ha poi spiegato durante l’intervista che era la sua idea per la trilogia che aveva iniziato a scrivere. Nel 2016, ha presentato a Lucasfilm ed Ewan McGregor tre diverse storie sul personaggio di Obi-Wan Kenobi, ognuna delle quali è come un palcoscenico nella sua evoluzione verso l’uomo in cui diventa Una nuova speranza. Ormai trasfigurato, poiché accampato da Alec Guinness, la trasformazione del personaggio sarebbe stata al centro della storia:

Leggi  Qual è la data di uscita di Salto? Un seguito pianificato?

“Ci sono tre diverse evoluzioni per passare da Obi-Wan a Ben. Nel primo film (che divenne la serie), l’idea era di arrendersi alla Forza, rinunciare alla sua volontà e lasciare il bambino in pace. Così il secondo film doveva continuare la sua avventura altrove. […] La seconda fase della sua evoluzione prevedeva che Obi-Wan venisse a patti con la propria mortalità. In una profezia o grazie a Qui-Gon gli avrebbe detto: “Verrà il tempo in cui dovrai sacrificarti per il bene”. […] E quando Obi-Wan finisce per essere in pace con questa idea, capiamo quando accadrà. E quando vediamo di nuovo questo momento dentro [Un nouvel espoir], capiamo che ha aspettato questo momento. »

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: fotoDarth Vader è il Grim Reaper di Obi-Wan?

Lo sceneggiatore, infine, ha spiegato che se dovesse entrare a far parte del team di sceneggiatori diObi-Wan Kenobi su una possibile stagione 2, vorrebbe lavorare in particolare su questo aspetto. La lotta fisica e filosofica dello Jedi di fronte al suo destino (compiuto nel primo film della trilogia originale) sarebbe stata quindi una delle grandi sfide dello spin-off originariamente previsto. Stuart Beattie ha detto che la Lucasfilm era inizialmente molto entusiasta delle sue idee ed è rimasta devastata quando i suoi film erano destinati a non prendere mai vita.

Se le parole dello sceneggiatore lasciano interrogarsi su cosa avrebbero potuto regalare i film nelle sale o anche su cosa sarebbe potuto succedere al seguito diObi-Wan Kenobi su Disney+, invece, ci rammarichiamo che Star Wars non abbia ovviamente ancora trovato una vera e propria linea guida. Molto dipendente dal feedback degli spettatori, Kathleen Kennedy l’ha persino menzionato come una stagione 2 per Obi-Wan Kenobi sarebbe considerato basato sul “fidanzamento dei fan”, la saga sembra essere improvvisata mentre procede senza una visione a lungo termine.

Quindi, in attesa di scoprire come sarà il film di Taika Waititi, Obi-Wan Kenobi sembra un onesto residuo del film che Lucasfilm ha abbandonato e la sua intera stagione è su Disney+.

Lascia un commento