fbpx

“L’indifferenza è la peggiore punizione per un regista”

Alejandro González Iñárritu ha voluto fermarsi a riflettere sulla sua vita, la sua carriera e il suo rapporto con un paese, il Messico, che ha lasciato più di vent’anni fa per intraprendere il sogno americano. Gli Oscar di Hollywood, i festival cinematografici e persino il botteghino hanno reso realtà quella classica fantasia dell’immigrato che un secolo fa è venuto a Ellis Island sperando di ricominciare da zero. Per il suo primo film in otto anni, Bardodirettore ha deciso di unirsi alla moda dell’autofiction con una proposta provocatoria che, per la prima volta nella sua carriera, ha incontrato una fredda accoglienza alla sua prima mondiale a Venezia. Un nuovo montaggio è arrivato addirittura a San Sebastián el mexicano, lo stesso che si potrà vedere su Netflix da domani.

Bardo Non è un film da usare. Né è una classica incursione in un genere in ascesa che negli ultimi anni altri celebri autori come Pedro Almodóvar, Alfonso Cuarón, Steven Spielberg, Kenneth Branagh e James Gray hanno esplorato in modo molto più letterale. Attraverso il lavoro e l’arte del cinema, Iñárritu diventa Silverio Gama, un prestigioso giornalista e documentarista messicano con sede a Los Angeles che riceve un importante riconoscimento internazionale e deve tornare nel suo paese natale. Quello che ignora è che questo semplice viaggio lo porterà a un limite esistenziale. Il nonsense dei suoi ricordi e le sue paure hanno deciso di farsi strada nel presente, avvolgendo la sua quotidianità in un alone di smarrimento e meraviglia.

Con un misto di emozione e senso dell’umorismo che rasenta l’assurdo, riflette il giornalista il suo rapporto con la propria identità, il successo, la storia del Messico e i suoi legami familiari. “Entrare nella nostalgia è barare, ma è stato catartico e inutile per me. Capisco che possa essere irritante per altre persone”, ammette il cineasta 59enne durante un incontro con la stampa spagnola all’ultima edizione del Festival di San Sebastian.

[‘Bardo’: Así hizo Iñárritu el nuevo montaje, 22 minutos más corto, que se ha estrenado en San Sebastián]

Guardare al passato è stata l’occasione per rivisitare episodi importanti del suo passato. “Facendo questo film mi sono reso conto che c’erano cose molto dolorose che oggi posso vedere con molta più leggerezza o con umorismo. Posso ridere di loro, o viceversa: le cose che non mi sembravano così importanti ora creano un’emozione molto diversa”. Con questo film, il regista esplora anche la memoria involontaria, la necessità di mettere le cose in ordine dopo 25 anni fuori dal mio paese e tutta quella sensazione di spaesamento che negli ultimi anni ha riempito molte delle sue riflessioni, delle loro paure e decisioni.

Il regista ha deciso che il suo alter ego nella fiction sarebbe stato un giornalista e documentarista a causa della crisi del personaggio, e la sua, “aveva a che fare con uno scontro tra finzione e realtà”. L’autore di Amores perros confessa che in questi momenti del notizie false e post-verità, è un buon momento per esplorare concetti come verità e narrazioni, come sono costruite e quale agenda perseguono. “Quella realtà mi ha permesso di entrare in mondi, storie e cose che vanno oltre il cinema e la finzione”.


In Bardo, Silveiro Gama funge anche da intervistato in una scena memorabile su una terrazza. “Le accuse reciproche in ciascuno di questi personaggi rappresentano due modi di pensare, il lato sinistro e il lato destro del cervello. È quello che stiamo vivendo nel mondo, c’è una brutale polarizzazione dei punti di vista, razionali o totalmente liberi”. quella polarizzazione di cui parla uno dei membri dei Tre Amigos, la banda che forma insieme ad Alfonso Cuarón e Guillermo del Toro, è passato alla ricezione del suo film. Nonostante Bardo ha trovato appassionati difensori, gran parte delle critiche si sono scontrate con la magniloquenza di Iñárritu.

Leggi  Nations League: Italia

“Il discredito di un’intenzione di qualcosa di personale mi sembra non avere posto in una critica”, lamenta Iñárritu, su un’accoglienza che ha avuto spazio per espressioni come “ego eccessivo”, “nel suo eccesso e autoindulgenza” o “languido e ridondante”. “È incredibile che le persone reagiscano, ma che parlino del film. Un film che piace a tutti è altamente sospetto. L’indifferenza per me è la peggiore punizione da regista ”, fosso.

Entrare nella nostalgia è barare, ma è stato catartico e inutile per me. Capisco che possa essere irritante per altre persone.

Dopo la proiezione del film, la critica internazionale ha insistito sulle influenze del cinema di Federico Fellini nel Bardo. Il messicano ha insistito durante la conferenza stampa che la letteratura di Borges o Cortázar lo aveva segnato più di qualsiasi regista occidentale. “È importante vedere da dove viene questo film e non solo credere che tutto sia stato inventato qui. C’è una cultura propria”, riflette dalla città di San Sebastián.

C’è molta ignoranza, soprattutto anglosassone, della nostra cultura. In più di 20 anni vissuti a Los Angeles, nessuno mi ha parlato di Octavio Paz o Orozco. Abbiamo la nostra cultura con un immaginario molto potente e antico”, si lamenta. Iñárritu respinge anche i paragoni della colonna sonora di Bryce Dressner con Nino Rota, il leggendario compositore di Il Padrino Y Fellini 8 e ½. “No, è delle bande messicane di Oaxaca. Così suona la nostra musica da 300 anni”.

L’autore ammette che non si aspetta nemmeno che tutte le letture di una proposta così personale siano comprese. “È un film che appartiene a me e a un Paese come il nostro, e a una città come la nostra così complessa. Non vedere altro che l’ombelico in questa visione angloeuropea dei riferimenti è un errore. C’è più Buñuel dentro Bardo che dire di Fellini“, frase.

Alejandro G. Iñárritu, al suo arrivo a San Sebastián.

Nonostante le influenze della letteratura latinoamericana e la decisione che Silverio Gama non si vede seguire le orme di Quentin Tarantino, l’ultimo dei grandi registi che si è rivolto alla letteratura con un romanzo di c’era una volta a hollywood e un saggio di critica e storia del cinema, ancora inedito in Spagna, Speculazione cinematografica.

Non sono uno scrittore, non avrei potuto scrivere Bardo come un romanzo. Non potrei avere quel talento”, dice prima di ricordare che il pubblico e la critica sono molto più gentili quando sono gli scrittori oi pittori a riflettere sulla propria vita. “È quasi un obbligo e una tradizione. Al cinema si accusa un po’ di più in qualche modo, come si fa a costruire una critica da parte dell’autorità quando c’è un attacco personale a un’intenzione che si legge e che nessuno conosce? ultimo lavoro. Ora questo non ha più importanza. Con il suo arrivo su Netflix, Bardo È già nelle mani del pubblico.

Lascia un commento