fbpx

“L’elenco finale”, Chris Pratt lascia a bocca aperta con una serie d’azione che ricicla gli ultimi successi di Amazon

Primo video ha trovato il modo di prendere le distanze dalla concorrenza nella feroce guerra condotta dalle piattaforme di streaming. Con spettacoli come Jack Ryan Y raggiungere e film come La guerra di domani Y Nessun rimpianto (due produzioni originali della Paramount che la compagnia ha acquistato di fronte alla crisi del coronavirus nelle sale), Amazon si è specializzata in storie d’azione per uomini di mezza età. l’elenco finale è l’ultima ad entrare nel club. Sfortunatamente, lo fa risultati deludenti e, quel che è peggio, noiosi.

c’erano molte aspettative con una serie che ha celebrato la sua prima mondiale all’ultima edizione del Festival di Montecarlo. Chris Pratt ha curato con cura il suo ritorno in televisione dopo Guardiani della Galassia Y mondo giurassico lo avrebbe portato via dall’ambiente in cui era stato forgiato come attore in serie come Everwood Y Parchi e attività ricreative. L’attore e il produttore esecutivo si sono battuti per i diritti di un libro di Jack Carr ancor prima della sua pubblicazione e convinto Antonio Fuqail suo direttore in I sette magnificiin uscita in televisione.

Con quel pedigree, era difficile fallire. Tuttavia, la prima stagione (composta da otto episodi di un’ora che usciranno in piattaforma il 1° luglio) lascia un’amara sensazione nel pubblico che non fa parte del pubblico di riferimento di storie create da autori come Tom Clancy e tutti i sostituti che seguito negli anni ’90. Forse l’approccio stantio di Carr è più adatto all’America. (l’autore è famoso nei circoli dei media di destra), ma l’elenco finale si rivela un susseguirsi di allerte rosse per uno spettatore più europeo e meno reazionario.


Pratt interpreta James Reece, un SEAL che torna negli Stati Uniti dopo che il suo intero plotone Marine è stato ucciso in un’imboscata durante un’operazione ad alto rischio. Il soldato torna a casa dalla sua famiglia con ricordi contrastanti e domande sulla sua colpa. A poco a poco, Reece scopre forze oscure che lavorano contro di lui, mettendo a repentaglio la sua vita come la conosceva.

La premessa di l’elenco finale potentemente ricorda Nessun rimpianto, veicolo stellare al servizio di Michael B. Jordan che aveva anche come ingredienti principali un complotto, una tragedia familiare e un complotto istituzionale. Se il film di Stefano Sollima è rimasto a metà e ha ricordato tempi migliori del genere, la serie diluisce e allunga ulteriormente quella sensazione per otto lunghe ore. Nemmeno la prima incursione di Fuqua in televisione brilla oltre lo spettacolo serie di pezzi – insieme di pezzi con cui inizia la serie e che riappare ancora e ancora negli incubi del protagonista.

Leggi  Papà sei tu? Il cambiamento radicale di Matthew Modine in 'Stranger Things'

Finora c’è abbondanza della serie sviluppata da David DiGilio (la miniserie Viaggiatoreanch’esso costruito su una cospirazione, era molto più divertente e divertente nonostante le sue umili ambizioni) è nell’uso della violenza. nessuna traccia l’elenco finale dell’affabile eroe che Pratt ha immortalato sul grande schermo con personaggi come Starlord e Owen. Reece è coinvolto in un’ondata di sangue e distruzione che consente all’attore di mostrare un lato oscuro. Non importa: la mancanza di umanità del personaggio finisce per ribellarsi un interprete tanto carismatico nella commedia quanto limitato nel resto dei registri.

Chris Pratt e Taylor Kitsch in “L’elenco dei terminali”.

Pratt non è l’unico colpevole. È difficile schierarsi con un personaggio che reagisce in modo disumano. quando la tragedia fa la sua comparsa nella sua vita. La caduta all’inferno di Reece dà vita a scene che lasceranno sotto shock il pubblico che è venuto lì per i film per tutto il pubblico della sua star principale. Sequenze come l’interrogatorio di Sean Gunn nel terzo capitolo o un omicidio grafico nell’episodio successivo portano la serie in territori inaspettati e, a volte, problematici.

Inoltre, non aiuta la tendenza della serie a sperperare il suo notevole cast di supporto., da Riley Keough come moglie di Reece a Taylor Kitsch come il suo migliore amico e Constance Wu come giornalista con cui stringe un’alleanza inaspettata. L’unico personaggio che rientra nell’enigma è il nemico interpretato da Jai ​​Courtney (usare la parola villain con un protagonista come Reece sarebbe troppo rischioso), una figura che mette ordine alle incomprensioni di una cospirazione più confusa e noiosa che interessante.

Grazie al suo impegno per un regista e attore protagonista, un genere alla moda e il suo budget elevato, è più che probabile che lo sia l’elenco finale trova un vasto pubblico alla sua prima su Prime Video. Ciò che è un mistero è se saranno disposti a perdonare i molti errori di una proposta tanto vecchia quanto deludente.

La prima stagione completa di “The Final List” è disponibile su Amazon Prime Video dal 1 luglio.

Lascia un commento