fbpx

le prime recensioni del tuffo shock di Netflix nelle periferie sono qui

I primi pareri sul nuovo lungometraggio diretto da Romain Gavras, Atenaè caduto in seguito alla sua proiezione alla 79a edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Figlio del leggendario regista franco-greco Costa-Gavras, il regista Romain Gavras ha realizzato il suo primo lungometraggio nel 2010 con Verrà il nostro giorno e aveva portato una bella ventata di freschezza nel cinema francese nel 2018 con Il mondo è tuo. Oggi è tornato con un nuovo lungometraggio intitolato Atenatrasmesso su Netflix e incentrato su il destino di tre fratelli in una città sull’orlo del caos dopo un presunto intervento della polizia andato storto.

Co-sceneggiato da Ladj Ly, il regista di eccitante Infelice, Atena riunisce nel suo cast Dali Benssalah, Sami Slimane e Ouassini Embarek per interpretare i tre fratelli, ma anche Anthony Bajon e Alexis Manenti in ruoli secondari. Il film è stato proiettato per la prima volta pubblicamente in occasione della 79a edizione della Mostra del Cinema di Venezia, essere un’occasione per vedere cosa ne pensa la stampa anglofona :

La sedia e il sangue, versione suburbana

“L’elettrizzante Athena, presentato in anteprima oggi alla Mostra del Cinema di Venezia, ha un occhio sul presente e un altro sull’eterno. Il suo soggetto è attuale, ma il suo trattamento è senza tempo. : è un film di guerra, un dramma familiare e un film greco tragedia.” Sentina Ebiri – Avvoltoio

“Soprattutto con la sua conclusione sbalorditiva, Athena è destinata a stringere le mascelle e aumentare significativamente la frequenza cardiaca molto tempo dopo la fine dei titoli di coda. È il regalo doloroso e pericoloso che viene scritto nel flash della fotocamera di un telefono e nella fiamma di una molotov cocktail.” Marshall Shaffer – La playlist

Foto Antonio BajonL’entusiasmante Anthony Bajon in CRS

“Sebbene lo stile enfatico del film possa diventare estenuante e la sua dimostrazione tecnica rischi di oscurare il dramma collettivo, qui c’è una scala operistica che non cessa mai, conferendo a questa escalation di violenza un potere considerevole”. David Rooney – Il giornalista di Hollywood

“Il risultato è nientemeno che un film di guerra urbana, come se personaggi carismatici decidessero di reagire all’indignazione espressa contro le forze dell’ordine nel mondo reale”. Peter Debruge – Varietà

“Gavras forse non ha ancora prodotto un’opera così inevitabile come il capolavoro di suo padre [Z, ndlr]ma entrambi provengono dallo stesso spirito di resistenza, esigenza visiva e voglia di usare il cinema come strumento di riflessione”. Carlos Aguilar – L’involucro

Foto Sami Slimaneregna il caos

“È spettacolare e coinvolgente e l’apertura è sensazionale. Ma Athena cammina sull’acqua nella sua protesta monotona, con un ritmo stagnante e riprese di parkour ridondanti, per quanto impressionanti. Soffre anche di alcune deviazioni subdole che suonano come schivate”. Peter Bradshaw – Il guardiano

“Athena attinge efficacemente dalle tensioni di classe, razziali e religiose della Francia contemporanea, che tratta come una polveriera che aspetta solo che scoppi la scintilla giusta. Ma l’affresco familiare del film è così sottile e metaforico che i legami più profondi con il mondo reale vengono sacrificati sull’altare dell’intensità. Un’intensità che resiste alla psicologia, soffoca il contesto socio-politico e finisce per cannibalizzare se stessa”. David Ehrlich – IndieWire

Atena: foto Sami SlimaneUn fuoco d’artificio visivo?

I critici di lingua inglese sembrano essere d’accordo testimoniare la padronanza tecnica e visiva diAtena, soprattutto nella sua apertura e conclusione. Questi testi confermano anche che il film diretto da Romain Gavras cerca di prendere il polso di una Francia alle prese con le tensioni su temi come la religione, il razzismo e la violenza della polizia.

Leggi  Ligue 1: dove vedere in streaming il Clermont

I critici sottolineano poi l’importanza diAtena su questi temi, sebbene alcuni indichino un certo sacrificio della sostanza a favore della forma. Ad ogni modo, questo terzo lungometraggio di Romain Gavras ha qualcosa da emozionare e intrigare. Per saperne di più sul film, dovremo aspettare la sua uscita su Netflix alla fine del mese, il 23 settembre.

Lascia un commento