fbpx

“Le persone decidono di mettere da parte e giudicare le giovani madri, anche se non se ne rendono conto”

Carla Quilez non aveva visto ragazze quando ha ricevuto la telefonata di Pilar Palomero. Un direttore del casting ha visto un suo video su Instagram e ha pensato che potesse essere lei la protagonista il maternolui, la storia di un’adolescente che diventa mamma a soli 14 anni. “Appena l’ho scoperto, ho guardato il film due volte per cercare di capire chi fosse Pilar e che tipo di storie stesse raccontando”. Il resto è storia.

Lo scorso settembre, l’adolescente ha concluso la sua avventura al Festival di San Sebastian con una Conchiglia d’argento per il miglior ruolo da protagonista. A causa del cambio di regole al Goya, la ballerina -e ora attrice- Non potrai scegliere di prendere un “cabezón”. Devi avere più di 16 anni per avere diritto al premio più importante del cinema spagnolo. “Ci sono persone che, dopo aver visto il film, mi hanno detto che per loro sarei stata nominata. Sentirsi dire che quando hai 14 anni e non hai mai fatto un film prima, ti riempie davvero”, riconosce Quílez dalla città di San Sebastián pochi giorni prima di salire sul palco del Kursaal per ritirare un premio che ha condiviso insieme a paul kicheranch’egli adolescente e protagonista dei francesi le lycee. Le nuove generazioni stanno calpestando.

[Pilar Palomero enseña la otra cara de ‘La maternal’: “Las madres adolescentes son juzgadas y olvidadas”]

Insieme a Quílez, che in il materno interpreta un personaggio con cui per caso condivide il nome, c’è un’attrice che l’anno scorso è stata finalista alla rivelazione di Goya per la sua interpretazione in ragazze. Agli ordini di Palomero, Ángela Cervantes è la giovane madre di una ragazza che, involontariamente, ha seguito le stesse orme del referente materno con cui tanto si scontra. Per la catalana, sorella dell’attore Álvaro Cervantes, è la sua prima volta al concorso di San Sebastián. “Anni fa ero con Vita perfetta. È apparso in alcuni capitoli, ma in realtà sono venuto con un amico perché volevo vedere la serie e partire per San Sebastián. Questa è la mia prima volta per davvero al festival.

il materno del titolo si riferisce un centro dove le minorenni condividono la loro quotidianità mentre imparano ad essere madri quando sono ancora praticamente bambine. il direttore di ragazze Decise di annoverare come attrici adolescenti che avevano vissuto in prima persona la realtà che racconta il suo secondo film, che dovrebbe consacrarla come una delle grandi speranze del nuovo cinema spagnolo.


Carla, questo è il tuo primo personaggio nei film. Che rapporto avevi con la recitazione prima delle riprese? il materno?

Carla Quílez: Non avevo mai recitato. Materno è stato il mio primo ruolo. Per me è stato iniziare con il più grande. Non una pubblicità o altro, un ruolo da protagonista in un film. Non ci potevo credere, ma con Pilar è stato tutto molto semplice e l’ho gestito meglio di quanto mi aspettassi.

Ti hanno trovato su Instagram.

Carlo: Esatto. Mi dedico alla danza. Da quando avevo sei anni ho praticato diversi stili di danza, anche se ora sono più specializzata nell’urban e nell’hip hop. Qualche tempo fa ho iniziato a caricare video sul mio account. Non per niente, ma perché mi piace ballare. Improvvisamente hanno iniziato a diventare virali e Irene Roqué, direttrice del casting del film, ha realizzato un mio video. Disse a Pilar di aver visto una ragazza che gli piaceva e mi scrissero. Mia madre non ci credeva del tutto. “È che forse non è un casting e ti sta dicendo solo di dirlo.” Hanno insistito e ci hanno detto che erano seri, che era un test per un film di Pilar Palomero. Dopo aver fatto diversi test ho finito per incontrare Ángela ed eccoci qui. Prima ho fatto due o tre provini da solo, poi mi hanno visto con Ángela Cervantes e un’altra attrice.

[Pilar Palomero confirma su talento en San Sebastián con un filme que apunta a la Concha de Oro]

Angela, avevi fatto solo due film prima del casting il materno. Com’è stato essere improvvisamente l’adulto e il più esperto sul set?

Ángela Cervantes: Mi sento molto fortunata perché in realtà sono anche all’inizio della mia carriera. Era una responsabilità e mi ha dato molto rispetto. È stata anche una sfida per me perché stavamo raccontando la storia di molte persone. Abbiamo voluto rappresentare fedelmente e con grande affetto le loro esperienze. Quando Pilar ci ha presentato il lavoro, tutto è stato molto semplice. Le piace lavorare molto prima e dopo le riprese, dandoci molta libertà. Sentiamo molta fiducia da parte di Pilar in ogni momento. Le ragazze che hanno partecipato al film sono state molto generose e ci hanno raccontato le loro storie. Una di loro, Esther, mi ha presentato sua madre, che si adattava un po’ di più al mio universo. Raccontare questa storia mi ha costretto, ma allo stesso tempo dal casting ho sentito qualcosa di vicino a me.

Carla Quilez e Ángela Cervantes sono madre e figlia in ‘La maternal’, presentata a San Sebastián.

Pilar non è un regista tipico. In che misura sono state pianificate le riprese?

Ángela: Ogni giorno sapevamo cosa avremmo girato. Il problema è che Pilar voleva che Carla non leggesse la sceneggiatura, anche se sapeva più o meno com’era la storia, in modo da potersi sorprendere. Ad esempio, non ha incontrato nemmeno il resto delle ragazze del centro finché non è arrivato il momento di girare la scena in questione. È stato difficile perché eravamo nello stesso progetto, con prove trucco, prove guardaroba… Tutto è stato coordinato in modo che Carla non incontrasse le ragazze fino al momento in cui le raccontavano le loro storie. Quando vediamo quella scena potente nel film, la realtà è che la stessa Carla li aveva appena incontrati. Quelle reazioni del personaggio mentre assorbe tutte le storie sono una delle scene che mi piacciono di più in La maternal.

Leggi  Qual è la data e l'ora di rilascio di Crunchyroll?

Carla: È vero che fino ad allora non li conoscevo. Sentivo che avevo bisogno di incontrarli già dopo aver girato con un bambino da solo. Quando ho scoperto che c’erano più ragazze come me, ho contato i giorni per stare con loro. Quella scena è stata piuttosto difficile da girare. Sapevo già più o meno cosa mi aspettava, ma non sapevo davvero cosa sarebbe successo. Il momento in cui sei di fronte a loro e iniziano a raccontarti in faccia tutti i loro sentimenti ed esperienze, sapendo che è reale e che stai interpretando quel ruolo, è davvero impressionante. Non era solo una scena del film, era la sua realtà. Penso che sia molto importante dare voce ai loro casi e alle loro storie con questo film. È stato liberatorio per loro raccontare le loro storie e lasciarsi andare. Sentivano di poter parlare senza essere giudicati e senza essere presi di mira. È stato fantastico lavorare con loro.

Ángela: È successo quello che succede già quando una nuova ragazza entra nel centro. Tutte le ragazze sono molto curiose e fanno molte domande alle educatrici. Chi? Come si chiama? Ha un ragazzo? Quanto è incinta? La stessa cosa è successa nel film. Le ragazze erano pazze per saperne di più su Carla. Avevano già alcune informazioni su di lei, ma per loro la situazione era più o meno la stessa, solo al contrario.

Carla Quílez e Ángela Cervantes in 'La maternal'

Carla Quílez e Ángela Cervantes in ‘La maternal’

La società tende a giudicare le donne in modo più severo, e di più quando sono giovani. In che modo il film ha cambiato la tua opinione su questo tipo di maternità?

Ángela: Ti aiuta a capire la responsabilità che è e che muove una gravidanza e una vita. Personalmente ci pensi due volte e se hai l’opportunità di farlo con il tempo e ben ponderato, penso che sia l’opzione migliore.

Carla: Dopo che l’ho vissuto alla stessa età che avevano nella loro vita, ti rendi conto di cosa succede. Intorno a me vedo cosa pensano molte persone di casi come quelli che appaiono nel film. Decide di allontanarli e giudicarli, anche se non se ne rendono conto. Dopo aver vissuto con loro, ascoltato le loro storie, ho visto le cose in modo diverso. Vorrei essere madre, ma tutto a tempo debito.

Una cosa che rivendico oggi, e che non si sta facendo per mancanza di risorse, è che tutto dovrebbe essere adattato in modo più personalizzato a ciascun caso. Uno stampo è usato per tutto perché non ci sono soldi o energia

Ángela Cervantes, attrice de ‘La maternal’

Le istituzioni stanno deludendo queste ragazze?

Ángela: Una delle cose belle che il film mostra è che grazie al fatto che il personaggio di Carla passa attraverso il sistema, anche sua madre cambia. Penso che entrambi stiano crescendo e siano a un punto di maturità simile. Questo lo dico adesso. Durante il processo del film ero molto anti-establishment. Una cosa che rivendico oggi, e che non si sta facendo per mancanza di risorse, è che tutto dovrebbe essere adattato in modo più personalizzato a ciascun caso. Uno stampo è usato per tutto perché non ci sono soldi o energia. Penso che madre e figlia non dovrebbero essere separate se si potesse fornire un’attenzione più personalizzata. Nel film i personaggi stanno migliorando, ma la realtà è che non tutte le ragazze nella stessa situazione possono accedere a questo tipo di aiuto. Sono otto le ragazze che si trovano in ogni centro di Barcellona, ​​e ce ne sono solo due in città.

[El Festival de San Sebastián mira a la juventud y da la Concha de Oro a ‘Los reyes del mundo’]

Ci sono diversi momenti musicali importanti nel film, ma forse il più sorprendente è quando la madre e la figlia cantano Estopa. Il gruppo canta da molto prima che tu nascessi, Carla.

Carla Sapevo della sua esistenza da mia madre e mio fratello, anche se all’inizio non l’avevo riconosciuta. Poi ho capito che l’avevo ascoltata con loro. Anche per Pilar era stata una canzone importante e credo che nel film finisca per generare un momento magico tra i due.

Ángela: Che tu abbia questa connessione con la canzone è bello perché anche il personaggio di Carla la conosceva attraverso sua madre. Le piace C. Tangana più di Estopa, ma Estopa le è anche familiare perché sua madre cantava le sue canzoni quando era piccola. È qualcosa che li unisce nella loro relazione.

Carla Quilez, raccogliendo la sua Silver Shell per 'La maternal'.

Carla Quilez, raccogliendo la sua Silver Shell per ‘La maternal’.

Carla, vuoi continuare a recitare o il materno È solo un’altra esperienza nella tua vita?

Carla: Non cambierò la danza per niente, ma ora sento che Pilar mi ha completamente aperto le porte a un nuovo mondo. Vorrei continuare qui, ma vedremo.

Il film ha un finale più o meno aperto. Cosa significa per te?

Carla: Pilar ed io abbiamo parlato molto del finale. penso che il materno finisce così in modo che le persone si chiedano cosa farà il personaggio da quel momento in poi. Tornare o andare via? È una scena molto emozionante che lascia il pubblico libero di immaginare cosa succederà a Carla da quel momento in poi. Per me è un momento di speranza. Guarda cosa succede.

Ángela: Anche io lo interpreto così. Devi andare avanti nonostante tutto. Che cosa hai intenzione di fare? Continui a pedalare. Non sarà sempre bello e le cose cambieranno. Carla non è più la stessa persona, perché non lo sei quando ti succedono una serie di cose. Gli ha cambiato la vita.

Lascia un commento