fbpx

Le lacrime dei Valar spiegate!

Scopri la spiegazione delle Lacrime dei Valar e della caduta dei Petali di Fiori Bianchi!

The Rings of Power è disponibile su Amazon Prime Video! Se vuoi sapere quali sono le Lacrime dei Valar, continuare a leggere! Ne abbiamo sentito parlare Lacrime dei Valar per la prima volta nell’episodio della scorsa settimana de Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere “Adar”. Per scoprire chi è veramente Halbrand, leggi questo.

La Regina Reggente Míriel guarda l’albero mentre conversa con Elendil e afferma che “I Fedeli credono che quando i petali dell’Albero Bianco cadono non è una cosa banale, ma il lacrime stesso Valar loro stessi “. Per ottenere il libro, è qui. Altrimenti, per sfruttare il formato Kindle con una prova gratuita di 14 giorni, è qui.

Come hai visto, il petali di albero bianco non sono caduti solo su Númenor alla fine dell’episodio 4, sono affondati. Míriel prende questo come un segno che il Valar si risente per non aver aiutato Galadriel, quindi cambia idea e si unisce alla lotta. Ma allora cosa sono le Lacrime dei Valar?

Le lacrime dei Valar spiegate

Il Valar sono in realtà gli dei della Terra di Mezzo e assegnarono Númenor agli uomini che combatterono con gli elfi contro Morgoth e Sauron nella Prima Era. L’albero bianco, noto come Nimloth, faceva parte del loro dono. L’idea è che l’albero sia felice e sano fintanto che la gente di Númenor compie scelte che piacciono a loro Valar. Scopri tutto sui Valar qui.

Il petali che cadono di Nimloth dentro Gli anelli del potere Episodio 4 attinge da una simile profezia di Númenor nella mitologia originale di Tolkien. L’albero stesso è di grande importanza, poiché discende dal Galathilion di Valinor, creato dal Vala Yavanna a immagine di Telperion, uno dei due grandi alberi della prima lezione di storia del Anelli di potere. Tale eredità divina spiega perché la regina reggente Míriel crederebbe che Nimloth sia rappresentativo del giudizio del Valar.

Nella leggenda di Tolkien, Nimloth fu abbandonato e lasciato a decadere mentre i governanti di Númenor crescevano sempre più risentiti per la superiorità del Valar. Un re più saggio, Tar-Palantir, arrivò quindi e ripristinò gli antichi valori dell’isola, riportando Nimloth al suo antico splendore. Per scoprire chi è Pharazôn, leggi questo.

Leggi  Tre film da guardare questo fine settimana su Netflix, Amazon Prime Video, HBO Max e Disney+

Tar-Palantir tenne fede al suo nome predicendo che se Nimloth fosse scomparsa del tutto, la lunga stirpe di re di Númenor sarebbe morta con esso. Non è noto se questa profezia sia ancora valida in Anelli di potere o se è stato sostituito dal petali che cadono, ma se Tar-Palantir fece la stessa predizione delle fonti di Tolkien, Míriel, Elendil e tutti gli altri Númenóreani che conoscono la loro storia hanno ragione ad aver paura che il loro amato albero non sia in perfetta salute.

Lascia un commento