fbpx

Le comunità indigene firmano una tregua e la miniera di Las Bambas riprenderà le operazioni

LIMA, 9 giu. (Reuters) – Le comunità peruviane in conflitto con la miniera di rame di Las Bambas hanno concordato giovedì di sospendere temporaneamente la loro protesta per “garantire” la ripresa dell’operatività del deposito, paralizzato per 50 giorni e che rappresenta l’1% del lordo prodotto interno del paese.

La tregua di 30 giorni consentirà alle parti di allestire un tavolo di dialogo che inizierà il 15 giugno, secondo un atto firmato da rappresentanti delle comunità, del governo e dell’azienda riuniti in una cittadina andina.

Il Perù è il secondo produttore mondiale di rame e Las Bambas, di proprietà della cinese MMG Ltd, è uno dei maggiori produttori mondiali di metallo rosso.

Las Bambas cercherà di riavviare immediatamente la produzione, ma i dirigenti hanno avvertito che il raggiungimento della piena capacità richiederà giorni dopo una lunga sospensione.

La tregua è stata accettata dal rappresentante di Las Bambas, Jing Ivo Zhao, che ha promesso di non avviare la costruzione della fossa di Chalcobamba durante la pausa del conflitto sociale.

Il ministro della Giustizia, Félix Chero, ha affermato in riunione che il governo, da parte sua, è impegnato a revocare da venerdì lo stato di emergenza nell’area di Las Bambas, una misura che ha sospeso le libertà civili come il diritto di riunirsi e protestare . , ed era in vigore dal 27 aprile.

E le comunità, ovviamente, si sono impegnate a revocare la loro misura di protesta, che è stata avviata dalle comunità di Fuerabamba e Huancuire e ha creato la peggiore crisi mai vista per Las Bambas, nota per i suoi conflitti sociali ricorrenti.

Le due comunità sono entrate nella miniera e si sono stabilite all’interno a metà aprile, costringendo Las Bambas a interromperne l’attività. Sebbene Fuerabamba sia stato successivamente sfrattato, Huancuire è rimasto nella proprietà fino ad ora.

Leggi  Kate Middleton: Questo adorabile gesto scambiato con Mia Tindall scioglie gli utenti di Internet!

Durante l’incontro tenutosi nella città di Cotabambas, i leader di Fuerabamba e Huancuire hanno dichiarato di essere disposti a chiedere una tregua in cambio di un ciclo di colloqui che durerà fino al 15 luglio. Edison Vargas, leader di Fuerbabamba, ha affermato che se le loro richieste non saranno risolte dopo i colloqui, le comunità potrebbero riprendere le loro proteste.

Le comunità affermano che Las Bambas ha impegni eccezionali con loro. All’incontro, i leader della comunità hanno anche chiesto lavoro per i membri della comunità e la riorganizzazione dei massimi dirigenti della miniera, che accusano di aver generato conflitti sociali.

La protesta e la chiusura della miniera di rame hanno causato un grave problema al presidente di sinistra Pedro Castillo, che è sotto pressione per far crescere l’economia e ha lottato per settimane per negoziare un accordo per risolvere il conflitto.

(Relazione di Marco Aquino e Marcelo Rochabrun, a cura di Manuel Farías)

Lascia un commento