fbpx

Le comunità in conflitto propongono una tregua e il riavvio della miniera di Las Bambas

LIMA, 9 giu. (Reuters) – Un gruppo di comunità peruviane che hanno protestato contro la miniera di rame di Las Bambas ha chiesto giovedì una tregua di 30 giorni per consentire il riavvio della miniera paralizzata di 50 giorni, il periodo di detenzione più lungo del conflitto il mio.

Il Perù è il secondo produttore mondiale di rame e I Bambadi proprietà della cinese MMG Ltd, è uno dei maggiori produttori mondiali di metallo rosso.

La protesta, avviata dalle comunità di Fuerabamba e Huancuire, aveva creato la peggiore crisi mai vista per Las Bambas, nota per i suoi ricorrenti conflitti sociali.

Le due comunità sono entrate nella miniera e si sono stabilite all’interno a metà aprile, costringendo Las Bambas a interrompere le operazioni. Sebbene Fuerabamba sia stato sfrattato subito dopo, Huancuire è rimasto nella proprietà della miniera fino ad ora.

I leader di Fuerabamba e Huancuire hanno dichiarato giovedì in un incontro con i rappresentanti del governo e delle aziende che erano disposti a concedere una tregua di 30 giorni in cambio di un nuovo ciclo di colloqui.

L’incontro era ancora in corso nel pomeriggio e nessun documento che formalizzava la tregua era stato ancora firmato.

Le comunità affermano che Las Bambas ha impegni eccezionali con loro. All’incontro, i leader della comunità hanno anche chiesto lavoro per i membri della comunità e la riorganizzazione dei massimi dirigenti della miniera, che accusano di aver generato conflitti sociali.

(Relazione di Marco Aquino e Marcelo Rochabrun, a cura di Manuel Farías)

Leggi  Elisabetta II al suo peggio: Kate Middleton fotografata con lineamenti tirati, lontana da William

Lascia un commento