fbpx

“Le anime perdute di Inisherin”, una storia agrodolce della fine di un’amicizia

L’anno è il 1923 su un’isola costiera nell’ovest dell’Irlanda quando ci incontriamo padraico In Banshee di Inisherin. Il personaggio di Colin Farrell è un uomo ingenuo e di buon cuore, che si accontenta della sua vita blanda con sua sorella, prendendosi cura della sua asinella Jenny e stando con il suo migliore amico. Colm (Brendan Gleeson) tutti i giorni alle 14 nell’unico bar del posto.

Ma il giorno in cui lo incontriamo, qualcosa interrompe la tranquilla routine di Pádraic. Quando va a cercare l’amico quando suonano le 2, come ogni pomeriggio, lo ignora. Successivamente si scusa con Colm supponendo che abbia detto o fatto qualcosa che lo ha turbato, solo per scoprire che il suo amico non vuole più parlargli. Non più. “Non mi hai fatto niente. Non mi piaci più”.

L’improvviso e radicale cambiamento del suo amico sconcerta Pádraic, che sente terribilmente la sua mancanza e non capisce bene perché lo ignori. Su sua insistenza, Colm le dà una ragione. Dice che non vuole più perdere tempo ad ascoltarlo parlare di sciocchezze, che vuole lasciare un segno in questo mondo e comporre una canzone per ricordarlo quando se ne sarà andato. Tuttavia, in seguito, minaccerà di ferirsi in modo folle e contraddittorio, poiché gli impedirebbe di raggiungere l’obiettivo a cui afferma di ambire.

Colin Farrell e Brendan Gleeson in “Le banshee di Inisherin”

L’ambiente in cui vivono è idilliaco ed è così che la fotografia di Ben Davis lo cattura. Una terra verdeggiante con uno scenario spettacolare e un ambiente sereno che è solo incidentalmente disturbato dal suoni di bombe provenienti dall’altra sponda, dove la guerra civile irlandese sta per finire.

Una guerra a cui nessuno sull’isola sembra minimamente interessato e di cui hanno già dimenticato, o non hanno mai capito, quali sono gli schieramenti e cosa vogliono ciascuno. Perché fino a poco tempo fa coloro che oggi si affrontano combattevano insieme contro un nemico comune. Come Padriac e Colm, “Ieri è andato tutto bene“.

[Las películas de estreno más esperadas en febrero (2023): de ‘Almas en pena de Inisherin’ a ‘Los Fabelman’]

La vita dei suoi abitanti è routine. Dopo tutto, non c’è molto da fare. E quell’automatismo che per alcuni è sinonimo di stabilità e sicurezza, per altri è a sensazione di inerzia che corrode l’animaun vuoto esistenziale che li porta a chiedersi qual è lo scopo di essere su questa terra quando si trovano di fronte alla propria mortalità.

Quella depressione sembra aver preso il sopravvento su Colm, che ogni domenica viene interrogato dal parroco del villaggio in confessionale come va la desolazione. “Non molto bene”, risponde, assicurando che non farà nulla al riguardo. Vale a dire che non commetterà un peccato che gli impedisca di entrare nel Regno dei Cieli.

Leggi  torna ai fumetti horror essenziali adattati da Netflix

“Le Banshee di Inisherin”

Da uomo del suo tempo, non è in grado di esprimere questi sentimenti all’amico, quindi sceglie di ostracizzarlo e lo fa sentire responsabili del loro potenziale sprecatodegradandolo per essere un uomo semplice, per essere gentile per natura.

Entrambi sono governati dai limiti del loro status sociale e dal luogo e dal tempo in cui vivono. Alcuni margini che li lasciano alla deriva in un mare di amare recriminazioni, rimpianti e sentimenti che non riescono a esprimere a parole. Eppure, in altri momenti di grande tenerezza, Colm non resiste all’istinto di proteggere l’amico dall’aggressione di terzi, perché è suo amico e gli vuole bene.

Sotto la patina della semplice vita di campagna nella sceneggiatura di McDonagh (Nascosto a Bruges, Tre annunci in periferia), nasconde a complessa esplorazione della mascolinità. Non solo attraverso i protagonisti, ma anche attraverso quelli secondari, come Dominic e i vari tipi di abusi che subisce da parte del padre.

Kerry Condon e Barry Keoghan, appena nominati all'Oscar per i ruoli secondari, in una scena memorabile.

Kerry Condon e Barry Keoghan, appena nominati all’Oscar per i ruoli secondari, in una scena memorabile.

Detto così sembra di si Banshee di Inisherin È una storia di vite miserabili che imbarca lo spettatore in un viaggio amaro, ma sappi che non è così. McDonagh ha un grande talento nello scrivere dialoghi memorabili in cui la commedia nera scivola dalle finestre e alleggerisce la storia. Questa è una storia compassionevole per il suo mondo e per i personaggi che lo abitano, e permette ad alcuni, come Siobban – interpretata da una magnifica Kerry Condon (buona candidata all’Oscar con i suoi tre co-protagonisti) – di scrivere la propria storia.

Tuttavia, come il lamento premonitore di a banshee, c’è qualcosa che sarà inevitabile. Nella guerra civile tra vecchi amici, come in tutte le guerre, ci saranno degli innocenti che avranno effetti collaterali, si apriranno ferite che non si rimargineranno mai e si forgerà un nuovo rapporto. disperazione per la quale non esiste cura. La tragedia più grande è che uno di loro sacrificherà ciò che lo rendeva speciale solo per diventare un’altra banshee di Inisherin.

Lascia un commento