fbpx

Le 13 apparizioni televisive più iconiche di Raquel Welch

attrice americana Raquel Welchnoto per aver recitato in film come Un milione di anni fa (1967) e anche per essere stata un’icona sessuale negli anni Sessanta e Settanta, scomparsa il 15 febbraio.

È arrivato a partecipare a più di trenta film e serie televisive, distinguendosi soprattutto sul grande schermo, con titoli come La donna del cemento (1968), Hanni Caulder (1971), Bandito (1968), 100 fucili (1969) e Myra Breckinridge (1970).

Per questo passiamo in rassegna alcune delle produzioni televisive più importanti a cui ha preso parte, a partire dal suo primo ruolo in il virginiano (1962-1971), e compilando altre finzioni importanti come Seinfeld (1989-1998) o infestato (1964-1972).

[El día que Raquel Welch se rió de sí misma en ‘Seinfeld’]

  • 1 di 13

    “Il virginiano” (1962-1971)

    Intorno al 1890, lo Shiloh Ranch (Wyoming), di proprietà del giudice Garth, dei fratelli Grainger e del colonnello MacKenzie, fu teatro di varie storie, con protagonista principalmente un cowboy soprannominato “The Virginian”.

    Raquel Welch ha interpretato uno dei suoi primi ruoli e il suo debutto televisivo in una scena di questa serie, in particolare nel primo episodio della terza stagione.


  • 2 di 13

    “Nave in vista” (1962-1966)

    Durante la seconda guerra mondiale, l’equipaggio di una nave affronta una serie di disavventure.

    Welch ha partecipato a uno degli episodi della terza stagione interpretando il personaggio del tenente Wilson.


  • 3 di 13

    “Vita da strega” (1964-1972)

    Questo classico sitcom regali Samantha Stephens (Elizabeth Montgomery) nei panni della tipica casalinga americana, una donna felicemente sposata con un uomo comune. Ma Samantha è anche una strega che ha ereditato alcuni poteri da generazioni fa. Anche se cercano di essere una coppia normale, lei userà i suoi poteri magici per risolvere i vari problemi che la sua famiglia sta affrontando.

    In uno degli episodi, Raquel Welch fa un’apparizione stellare e quasi impercettibile come assistente di volo.


  • 4 di 13

    “Mork e Mindy” (1978-1982)

    Mork (Robin Williams), un alieno del pianeta Ork è venuto sulla Terra per ordine del leader Orson. Dopo essere atterrato vicino a una città del Colorado, ha incontrato Mindy (Pam Dawber), una studentessa universitaria che lo ha accolto nel suo appartamento. In questo modo, Mork ha potuto osservare e riflettere sul comportamento umano, cosa che riporterà a Orson.

    In questa commedia Raquel Welch è venuta a partecipare a un doppio episodio della seconda stagione, l’11 e il 12 intitolato ‘Mork vs the necrotons’, in cui interpretava il Capitano Nirvana.


  • 5 di 13

    “La famiglia Newton” (1990-1994)

    Wood Newton è un giocatore di football in pensione che torna nella sua casa d’infanzia nella cittadina di Evening Shade, in Arkansas.

    La serie ha introdotto Raquel Welch nei panni di Cynthia Gibson nell’episodio 9 della stagione 4.


  • 6 di 13

    “Lois e Clark: Le nuove avventure di Superman” (1993-1997)

    La serie si è concentrata sulla relazione tra i giornalisti Lois Lane e Clark Kent, identità sotto la quale si nascondeva Superman. Entrambi hanno lavorato insieme al quotidiano Daily Planet nella città di Metropolis. EPrima trasmissione nel settembre 1993 su ABC, lois & clark ha ottenuto un notevole successo di pubblico.

    Raquel Welch ha interpretato Diana Stride nel quattordicesimo capitolo della seconda stagione intitolato “Top Copy”.


  • 7 di 13

    “Central Park West” (1995-1996)

    Ambiziosi newyorkesi manovrano l’uno contro l’altro mentre si lasciano trasportare dalla loro passione per il denaro, il sesso e il potere.

    La serie ha avuto un totale di due stagioni e Raquel Welch è apparsa in un massimo di otto dei suoi episodi, interpretando Dianna Brock.


  • 8 di 13

    ‘Sabrina, cose da streghe’ (1996-2003)

    Quando una studentessa di 16 anni (interpretata da Melissa Joan Hart) scopre di essere una strega, le sue due zie le offrono indicazioni su come controllare i suoi nuovi poteri magici.

    La serie ha introdotto Raquel Welch come Vesta nell’episodio 7 della prima stagione della serie.


  • 9 di 13

    “Seinfeld” (1989-1998)

    In Seinfelduna delle serie più iconiche della televisione americana, si svolge lLe continue disavventure del comico nevrotico di New York Jerry Seinfeld (che interpreta se stesso) e dei suoi amici altrettanto nevrotici.

    L’attrice è apparsa come ospite nell’episodio 22 della stagione 8, famosa per aver interpretato una versione molto esagerata di se stessa in questa mitica commedia.


  • 10 di 13

    “Spin City: Crazy City Hall” (1996-2002)

    Mike Flaherty (Michael J. Fox), il vice sindaco di New York City, e il suo team devono costantemente salvare il sindaco dall’imbarazzo e dai media.

    Spin City: Municipio pazzo Era una delle serie a cui l’attrice ha partecipato, in questo caso come Abby Lassiter, nelle stagioni 1 e 5.


  • 11 di 13

    “Benvenuto al Capitano” (2008)

    Questa produzione racconta come un giovane scrittore si trasferisce in un leggendario appartamento di Hollywood. Raquel Welch è apparsa in un massimo di cinque episodi, dove interpretava Charlene Van Ark.


  • 12 di 13

    ‘CSI: Miami’ (2002-2012)

    Caratteristiche di questa serie l’unità investigativa sulla scena del crimine del dipartimento di polizia di Miami-Dade, Florida, mostrando come risolvono ogni caso di crimine che si verifica.

    Raquel Welch è apparsa in un episodio della decima stagione, dove interpretava Vina Navarro.


  • 13 di 13

    “Esci con mio padre” (2017)

    Da quando ha perso la sua amata Isabella tre anni fa, l’unico obiettivo di Ricky Cooper è stato quello di essere il miglior padre possibile. Ma Ricky non si rende conto che le sue ragazze hanno dei piani propri: trovare una ragazza per papà.

    In questa fiction televisiva di dieci puntate, l’ultima a cui ha partecipato l’attrice, Raquel Welch ha interpretato Rosa, madre di Isabella Cooper e nonna di Mirabel, Gigi ed Elisa.

Leggi  "Alicent oggi sarebbe come una donna pro Trump, è un prodotto del patriarcato"

Lascia un commento