fbpx

l’attore dietro il famoso personaggio di ‘Mercoledì’

A quasi un mese dal suo arrivo su Netflix, i fan di Mercoledì Sono ancora ossessionati da lei e dall’intero universo della famiglia Addams, incluso Thing, considerato una specie di animale domestico per i protagonisti e uno dei personaggi più accattivanti della serie.

Cosa è anche una delle cose che fa impazzire gli spettatori della serie, che dopo averne divorato tutti gli episodi, si chiedono com’è stato darle vita e dargli quel carisma iconico da quando è emerso nei fumetti degli anni ’30.

[¿Habrá temporada 2 de ‘Miércoles’? Lo que se sabe del regreso del fenómeno gótico a Netflix]

Una decisione di Tim Burton

Victor Dorobantu e Tim Burton dietro le telecamere di ‘Mercoledì’.

Netflix

Sebbene Thing avrebbe potuto essere mostrato attraverso l’uso di effetti speciali, Tim Burton era chiaro che un attore dovrebbe essere scelto per interpretare il personaggioanche se stava usando solo una delle sue mani.

Quello scelto per il ruolo era Victor Dorobantu, di cui Tom Turnbull, supervisore degli effetti speciali, ha spiegato di aver realizzato ciò che si chiedeva all’attore ideale. “Doveva essere qualcuno con belle mani, dita agili e che era in grado di fare tutti questi movimenti. Inoltre, dovevano essere abbastanza giovani e flessibili da potersi adattare a situazioni molto imbarazzanti”, ha detto Turnbull.

Alla fine, l’opzione migliore è stata Dorobantu, che ha iniziato la sua carriera come mago e ha portato a termine l’importante missione di dare vita alla Cosa nella sua prima esibizione davanti alla telecamera.

[Todos los guiños y referencias que hace ‘Miércoles’ al universo de la Familia Addams]

dare vita a una mano

Victor Dorobantu dà vita a Thing in 'Mercoledì'.

Leggi  il film horror culinario si svolge in un trailer inquietante

Victor Dorobantu dà vita a Thing in ‘Mercoledì’.

Netflix

Durante le riprese delle sue scene, Victor ha detto che doveva andare fino in fondo “tre ore di preparazione” e che doveva anche indossare un abito bluche era richiesto ogni volta che si trovava davanti alla telecamera, in modo che “il team degli effetti speciali potesse modificarlo in post-produzione”.

Inoltre, Vittorio “Spesso ha dovuto posizionare il suo corpo in posti insoliti sul set per ottenere la postura corretta -per quanto imbarazzante fosse-: a testa in giù, sotto i mobili, dietro i muri e anche dentro di essi”.

“È stato piuttosto difficile creare dall’inizio alla fine”Dorobantu ricordava. “Anche per il modo in cui parla – anche se non ha la bocca – perché è abbastanza difficile trovare movimenti che possano esprimere sentimenti”.

Turnbull ha spiegato che Jenna Ortega si è sentita subito a suo agio nel parlare con una mano e che non è stato difficile trovare una dinamica tra i due personaggi. “Onestamente, non è stato affatto difficile”, ha detto l’attrice. “Era più difficile se dovevi interagire con esso, e dovevi fingere di essere lì e non tenere nulla.”

‘Mercoledì’ è disponibile su Netflix.

Lascia un commento