fbpx

LaSexta trasmette oggi ‘El Instante Decisive’, il documentario sull’omicidio di Miguel Ángel Blanco, il salvataggio di Ortega Lara e la lotta contro l’ETA

laSexta prepara una serata speciale questa mercoledì 13 luglio dalle 22:30 trasmettendo questo documentario originale di ATRESplayer PREMIUM che racconta i dodici giorni di luglio 1997 trascorsi tra il salvataggio di José Antonio Ortega Lara e il rapimento e omicidio di Miguel Ángel Blanco.

‘Il momento decisivo’ è un documentario giornalistico che mescola finzione e documentazione in una storia unica, fornendo ciò che le telecamere non sono riuscite a mostrare e utilizzando un vasto archivio: un’operazione di salvataggio senza precedenti, quella del funzionario carcerario José Antonio Ortega Laura; il rapimento e l’omicidio del consigliere Miguel Ángel Blanco e il polso che una città ha mantenuto con ETA per 48 ore per salvare la vita a uno di loro.

Aldama leggeroDirettore dei Programmi di Attualità di Atresmedia TV, e Teresa Latorre, regista di “El instant decisivo”, sono i produttori esecutivi di questo progetto prodotto da Atresmedia Televisión in collaborazione con Buendía Estudios e La Caña Brothers per ATRESplayer PREMIUM. Il documentario può essere visto in tutto il mondo attraverso la versione internazionale della piattaforma.

Il documentario, disponibile per gli abbonati su ATRESplayer PREMIUM, e trasmesso questa sera da laSexta, mostra, dopo 25 anni, immagini inedite registrate durante la liberazione di Ortega Laracon i momenti più emozionanti del suo salvataggio, dopo 532 giorni rapito in un dungeon.

quel momento decisivo

“Eta ha appena denunciato il rapimento di Miguel Ángel Blanco”. Questa notizia, che è stata ascoltata alla radio che 10 luglio 1997cambiato la storia di la lotta contro l’ETA. Tutti – a Ermua, la città conquistata – si sono dimenticati che stavano festeggiando, per concentrarsi su quello che stava succedendo, confessa Nerea Garrido, cugino dell’assessore, nel documentario ‘The Decisive Moment’ di ATRESplayer PREMIUM. Suo padre e parenti hanno appreso la notizia mentre tornavano a casa. Alcuni dai media che aspettavano alle porte di casa.

Il consigliere del Partito Popolare di Ermua era stato rapito in segno di vendetta, poiché nove giorni prima l’ufficiale penitenziario, José Antonio Ortega Lara, era stato trovato dopo 532 giorni sequestrato dalla banda. “Dopo un rilascio c’è sempre spazio per una risposta di rabbia da parte del gruppo terroristico“, riconosce il capitano del servizio di informazione della guardia civile di Gipuzkoa nel 1997, Juan Salom Clotet, nelle dichiarazioni al film.

Leggi  Bizarrap, il genio dietro il nuovo successo musicale di Shakira

Tuttavia, in questa occasione, la gente di Ermua ha abbandonato la paura e ha mostrato la sua rabbia. “Non sono baschi, sono assassini“, gridarono allora gli abitanti della città. Questa stessa rabbia si diffuse in tutti i Paesi Baschi. La paura della banda cessa completamente. E questo è ciò che afferma Ramón Jáuregui, vice-lehendakari nel 1997: “Tutto quello che avevano fatto tra 94, 95 e 97 che spaventano la società finisce”.


Così ha reagito Ermua dopo l’omicidio di Miguel Ángel Blanco

Era il sindaco di Ermua quello che ha dato la notizia ai vicini che Miguel Ángel Blanco era stato assassinato dall’ETA. “Hanno confermato che Miguel Ángel è stato assassinato” ha annunciato Carlos Totorika e lo ha fatto usando un microfono in modo che gli abitanti che in quel momento riempivano le strade del comune basco a sostegno della famiglia dell’ex consigliere del PP lo potessero sentire.

La reazione della genteche può essere visto in questo video di ‘Il momento decisivo’ è stato scioccante. Quello fu il momento in cui il comune basco perse la paura di mettersi in mostra il suo rifiuto di ETA.

Santiago Sarmiento, vicino di Ermua, afferma che “fino ad allora, l’ETA era un argomento tabù”. “Era meglio non parlarne. Alla fine, l’hai imparato da bambino”, ricorda.


Stasera, alle 22:30, il documentario completo su laSexta.

Lascia un commento