fbpx

Lanterna Verde: Attenti al mio potere

SENZA PAURA

Lanterna Verde è uno dei personaggi più antichi e potenti della DCun membro fondatore della Justice League e vanta una delle mitologie più ricche dell’universo dell’editore, con sceriffi spaziali, alieni e tutta una serie di mondi e concetti.

Tuttavia, anche se appare in diversi lungometraggi animati con altri eroi quando è necessario salvare la Terra, il protettore della galassia rimane considerato sullo schermo un personaggio secondario e ha avuto solo alcuni rari adattamenti più o meno corretti solo a lui, che erano tutti dedicati ad Hal JordanLanterna Verde della Silver Age e la versione più popolare del personaggio: Lanterna Verde: La trama, Lanterna Verde: Cavalieri dello Smeraldola serie animata Lanterna verde prodotto da Bruce Timm e, naturalmente, il film con Ryan Reynolds diretto da Martin Campbell.

Giovanni diventa verde

Lanterna Verde: Attenti al mio potereA differenza di tutti gli altri, guarda il suo successore, John Stewart, l’altra Lanterna Verde preferita dai fan dalla DC, principalmente per essere nel cartone animato La Lega della Giustizia. Il film diretto da Jeff Wamester (Società di giustizia: la seconda guerra mondiale) presenta l’eroe nei panni di un ex cecchino che soffre di un disturbo da stress post-traumatico e che riceve un anello del potere dalle mani di Ganthet, uno dei Guardiani dell’Universo, dopo la scomparsa di Hal Jordan.

Da questa sequenza copiata dalla storia di Kyle Rayner, un’altra Lanterna Verde, John diventa un supereroe e si ritrova (letteralmente) trasportato alla Torre di Guardia della Justice League davanti Martian Manhunter, Green Arrow e Vixen, che lo ricevono dimostrandogli i loro poteri per due minuti prima di rendersi conto che sta sostituendo Hal Jordan.

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: fotoComitato di benvenuto

Da quel momento in poi, la sceneggiatura di John Semper (Shock statico) e Ernie Albacker (Lanterna Verde: la serie animata, Justice League Dark: Apokolips War) trascura totalmente John Stewart o gli altri eroi per mescolare la storia del personaggio con altre storie sulle Lanterne Verdi senza cercare di essere coerenti o fedelisia per il materiale originale che per l’universo di cui fa parte.

Dopo il famigerato Società di giustizia: la seconda guerra mondialelo sfortunato Batman: Il lungo Halloween e il trascurabile Catwoman: braccata, questo nuovo lungometraggio della Warner Bros. L’animazione è stata responsabile dell’introduzione di John Stewart e dell’impostazione di lui come Lanterna Verde dell’Universo Animato lanciato con l’intrattenimento Superman: l’uomo di domani (ufficialmente battezzato Domaniverso), ma riesce solo ad esserlo uno dei peggiori film d’animazione DC sempre.

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: fotoUn anello per fumarli tutti

IL DIMENTICATO

Senza fare troppe domande, John Stewart va a indagare su cosa è successo ad Hal Jordan e al Corpo delle Lanterne Verdi con Green Arrow e i due si ritrovano coinvolti in un conflitto intergalattico tra i pianeti Rann e Thanagar con Hawkgirl e Adam Strange, come nei fumetti di Dave Gibbons e Ivan Reis.

Tuttavia, la trama cosmica originale ha perso la sua profondità o posta in gioco e fondamentalmente attraversa scene di esposizione brutte e noiose, mentre i personaggi non sono altro che figure caricature : Hawkgirl è l’archetipo di colui che colpisce per primo e poi fa domande, Adam Strange non è altro che un avventuriero spaziale barbuto mezzo pazzo e tutto ciò che hanno perso nella guerra tra i loro due popoli è in definitiva solo un dettaglio tra gli altri.

Mentre ovviamente cerca di costruire sul (meraviglioso) lavoro di Dennis O’Neil e Neal Adams attorno a Lanterna Verde e Freccia Verde come amici ed eroi, il film non sa perché i fumetti e i personaggi che recuperano siano diventati culto solo ciò che rappresenta John Stewart, con o senza il suo costume.

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: fotoAnche loro sono verdi

Lanterna Verde: Attenti al mio potere non esplora mai ciò che definisce John Stewart come un uomo o un supereroe, cosa lo differenzia da Hal Jordan, o cosa lo rende un buon Lanterna Verde (come il suo background di architetto nei fumetti, che gli permette di immaginare creazioni più complesse con il suo anello ). Il suo disturbo da stress post-traumatico si riduce a allucinazioni occasionali e i pensieri che potrebbe avere con Green Arrow sull’uccisione, con o senza poteri, distillano un messaggio ambiguo e moralmente discutibile. Il che è già francamente problematico, ma impallidisce rispetto al tentativo del film di affrontare il razzismo e la storia di John come afroamericano.

Leggi  "You" lancia un trailer impressionante per il finale della stagione 4, che sarà presentato in anteprima su Netflix il 9 marzo

Quando Freccia Verde gli spiega che il colore giallo è l’unico contro cui il suo anello è vulnerabile, John risponde che è stato “di fronte a questo tipo di opposizione” tutta la sua vita. Una frase pesante e ridicolo come il resto, che mostra chiaramente che il regista, gli sceneggiatori e la Warner Bros. L’animazione sono degli incompetenti che non capiscono cosa stanno adattando (e massacrando).

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: fotoBagouzes, più forte del razzismo

Confuso, anche lo scenario attinge La guerra di Sinestroma il più grande nemico delle Lanterne Verdi viene ridotto allo status di misterioso cattivo di turno, e il film porta fino in fondo l’affronto proponendo una versione condensata e ancora più mal scritta del già controverso Crepuscolo Smeraldo di Ron Marz e Darryl Banks. Un colpo di scena che avrebbe potuto essere inaspettato come nei fumetti dell’epoca, ma è sciatto come il resto, senza cercare di spiegare le motivazioni dei personaggi, buone o cattive, nemmeno un po’.

John Stewart doveva diventare una Lanterna Verde e l’amico di Freccia Verde, Sinestro, era destinato a essere un complotto malvagio che vuole distruggere l’universo e Hal Jordan era destinato a scomparire in meno di un’ora e mezza, qualunque cosa accada.

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: fotoSinetron

NOTTE PIU’ NERA

E a differenza di altri brutti film d’animazione, come Società di giustizia: la seconda guerra mondiale o il triste Batman: L’anima del dragoche si sono sforzati di sopperire alla loro mancanza di inventiva e di coerenza con una certa generosità visiva e alcune idee sceniche, Lanterna Verde: Attenti al mio potere non può stesso non fare affidamento sulle sue scene d’azione per compensare i suoi difetti o semplicemente intrattenerementre Sinestro, Lyssa Drak e tutti gli altri nemici di John Stewart scompaiono stupidamente e rapidamente come appaiono sullo schermo.

Logicamente, lo stile dai contorni spessi e dalle linee dettagliate è lo stesso delle altre produzioni di questo universo chiamato Tomorrowverse, ma fatta eccezione per alcune decorazioni cosmiche che tendono all’opera spaziale, il film non porta nulla di nuovo e offre disegni insipidi, che non assomigliano più a quelli dei fumetti. Nel complesso, l’animazione è troppo rigida e il ritmo è troppo veloce per offrire qualcosa di anche evidente o eccitante.

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: fotoLissa Suggerimento

Man mano che i minuti passano e la delusione continua a crescere, è quindi necessario aggrapparsi a qualche magra consolazione per sostenere il film fino alla fine: Boris Rehlinger che doppia Martian Manhunter, come ai tempi di La Lega della Giustizia ; alcune sequenze meno brutte di altre; l’universo di Lanterna verde che finalmente assume la sua dimensione cosmica sullo schermo o addirittura la visione di corpi che fluttuano nello spazio mentre gli eroi attraversano un campo di battaglia a bordo di una nave.

All’arrivo, Lanterna Verde: Attenti al mio potere è un fallimento in tutti i sensi : come introduzione di John Stewart, come adattamento di un fumetto, come opera del Tomorrowverse e come film a sé stante. Un’ulteriore prova che la Warner Bros. non sa cosa fare con Lanterna Verde, indipendentemente dalla versione del personaggio, sia in live action che in animazione. L’unica impresa del film: dare ancora meno voglia di vedere Corpo delle Lanterne Verdi e la serie futura Lanterna verde su HBO Max.

Green Lantern: Beware My Power è disponibile dal 27 luglio su VOD, DVD e Blu-ray.

Lanterna Verde: Attenti al mio potere: poster ufficiale

Lascia un commento