fbpx

La Warner sta valutando tre piani a causa dei problemi legali di Ezra Miller

Di fronte all’incapacità di Ezra Miller di non commettere un crimine, la Warner prenderebbe in considerazione tre opzioni per l’uscita Il flash.

C’è da credere che il filmato lo sia maledetto dagli dei del cinema. In effetti, sono ormai diversi anni (otto, per l’esattezza) che le avventure in solitario di Barry Allen hanno subito molte delusioni. Tuttavia, dopo aver accusato tutta una serie di interminabili rinvii, una totale cessazione del suo sviluppo e, ovviamente, una pandemia, il lungometraggio targato DC Comics sembrava finalmente essere sulla strada giusta.

Ciò senza contare ovviamente sull’incapacità patologica di Ezra Miller (che, lo ricordiamo, si definisce non binario, giustificando di fatto l’uso della scrittura inclusiva) di tacere per più di cinque minuti senza commettere alcuna offesa. L’attore sembra infatti determinato a moltiplicare le battute d’arresto con giustizia, il che, ovviamente, non può che impedire l’uscita del film di cui Miller è l’headliner.

Woopsie

Una situazione delicata che gli studi Warner hanno cercato, fino ad ora, di nascondere sotto il tappeto, sperando che Miller decida di riscattarsi per una condotta dignitosa. Cosa che, ovviamente, non sta per accadere. Dopo aver strangolato un fan in un bar in Islanda, aver terrorizzato metà delle Hawaii, aver frequentato un po’ troppo minori, rapito una madre single e i suoi figli e, più recentemente, essere stato accusato di furto con scasso, Ezra Miller continua a fare titoli da capogiro ogni giorno.

Tante disavventure che inevitabilmente hanno spinto indietro gli studios Il flash pensare molto seriamente al futuro del filmato. In effetti, se era già più o meno certo che Miller avrebbe rischiato lo sfratto dal DCEU, i dettagli sull’uscita del film sono, dal canto loro, ancora nebulosi. Quindi, secondo una fonte trasmessa da Il giornalista di Hollywood, Warner Bros. avrebbe considerato tre diverse opzioni per salvare al massimo i mobili.

Justice League di Zack Snyder: fotoLa serie In Therapy, disponibile su Disney+

La prima alternativa sarebbe basata sulla buona volontà di Ezra Miller ricevere aiuto psicologico. Accompagnato di recente dalla madre, l’attore sarebbe attualmente più stabile e potenzialmente incline a seguire una forma di terapia. Se necessario, a Miller sarebbe stato permesso di tornare al suo atteggiamento degli ultimi anni in un’intervista pubblica, che gli avrebbe consentito, a lungo termine, di garantire (parzialmente) la promozione del film.

Leggi  Qual è la data di uscita al cinema?

Se d’aventures Miller si rifiutasse di farsi aiutare, la Warner potrebbe ricorrere a una seconda alternativa, e uscire Il flash Come se non fosse mai successo niente. Naturalmente l’attore sarebbe, in questo caso, completamente escluso dal tour promozionale del film.

Justice League: Snyder Cut - Vero, Ezra MillerEzra Miller in piedi con orgoglio sulle rovine di The Flash

Terza e ultima alternativa, che verrebbe presa in considerazione solo se Miller proseguisse nel suo slancio tortuoso: Warner Bros. si risparmia una promozione imbarazzante e annulla semplicemente il rilascio del filmato. Dato che il film è più o meno finito, e che Ezra Miller ricopre il ruolo del protagonista, sostituirlo sarebbe semplicemente impensabile.

La soluzione è radicale, soprattutto se teniamo conto i 200 milioni di dollari investiti nella produzione di Il flash. La probabilità che lo studio cancelli il filmato dal suo programma è quindi improbabile, ma date le circostanze attuali, non è nemmeno impossibile.

Possiamo facilmente immaginare che i dirigenti si siano tirati i capelli per sviluppare questa bella trilogia. Soprattutto da quando l’attuale presidente della Warner Bros. Discovery, David Zaslav, aveva recentemente assicurato che il film avrebbe effettivamente diritto a un’uscita nelle sale. Quindi sembrerebbe che il futuro del filmato ora riposi interamente sulle spalle di Ezra Miller.. Basti dire che promette.

Lascia un commento