fbpx

la versione ultraviolenta che non vedremo mai

Mentre si prepara il film Netflix Bioshock, non dimentichiamo che un film era già stato lanciato… e poi abbandonato. Torniamo su questa versione allettante, che non vedremo mai.

Un faro minaccioso, una città sommersa e svuotata della sua popolazione, grandi meccanici accompagnati da bambine generose… I giocatori di Bioshock Quando queste parole vengono citate, riscoprono l’atmosfera di un gioco che la maggior parte di loro apprezza molto. L’avventura guidata da Ken Levine e Paul Hellquist ha decisamente segnato l’industria al punto da generare due sequel acclamati dalla critica e dagli appassionati di steampunk: Bioshock 2 e Bioshock infinito.

faro d’acqua

Inevitabilmente, un’opera del genere aveva tutto per accontentare il mondo del cinema, e nel 2008, La Universal ha acquistato i diritti per produrre un adattamento con un budget enorme. Parliamo di 160 milioni, o addirittura 200 milioni di dollari, che ne avrebbero fatto un blockbuster molto spettacolare. Tanto più che avevano ingaggiato un assiduo alle dimostrazioni tecniche: Gore Verbinski, che all’epoca usciva dal remake di L’anello e soprattutto la trilogia pirati dei Caraibiuno dei più grandi successi della Disney.

Per iscritto, c’era anche una scommessa sicura: John Logan, autore di L’ultimo Samurai o Aviatore di Scorsese, per il quale era stato candidato all’Oscar. La sceneggiatura è stata scritta per intero prima che il progetto fallisse (nessun gioco di parole)e finora nessuno ne aveva sentito parlare.

Almeno fino a quando un montatore cinematografico, Scott Wampler, non si imbatte che la sceneggiatura è caduta nelle sue stesse parole. “dal camion davanti casa sua” (lol) Quindi è stato in grado di leggere per il sito Nascita. Film. Morte le 119 pagine, e dare un piccolo dettaglio sul loro contenuto.

FotoCoronavorus, giorno 56

bioshock: all’inizio

Bioshock, il film sarebbe quindi iniziato esattamente come il gioco Siamo nel 1960, un aereo precipita, Jack trova un faro e scopre Rapture, una città sottomarina dove è successo qualcosa di molto violento. Il monologo di apertura di Andrew Ryan è persino conservato. Pochi adattamenti di videogiochi possono affermare di essere così fedeli. Direttamente, un mutante (i famosi splicer) attacca la batisfera. L’atmosfera è impostata. Decorazioni di livello, c’è anche tutto: le pile di cadaveri, le strane macchine e le lumache nei gabinetti.

Il giovane fece molto rapidamente la conoscenza di Atlas via radio. Naturalmente, il personaggio di Jack è molto più profondo. Bioshock era un FPS e qui lo seguiamo da una distanza imposta dalla messa in scena. Il volo che aveva preso in precedenza doveva spaventarlo lontano dalla carriera che suo padre intendeva per lui. Il giovane è animato dal suo desiderio di libertà. Passa il tempo a chiedersi come reagiscono i mostri e gli altri abitanti di Rapture alla sua presenza, come se fosse tutto fatto per lui. Tuttavia, segue le direttive di Atlas, chiedendogli di andare da Ryans, sovrano della città sommersa.

FotoÈ meglio evitare la visita medica

Jack incontra molti boss e personaggi originali, come ovviamente Atlas in carne e ossa, o anche Sander Cohen, l’artista sorprendente nel mezzo di uno dei combattimenti più sorprendenti dell’avventura. Inoltre, il “lavoro” dello psicopatico in questione avrebbe dovuto somigliare a quello del gioco, mostrando il livello di violenza pianificato da John Logan e Gore Verbinski. Questo è quando Jack inietta ADAM per la prima voltache gli permette di far scoppiare violentemente una sfilza di giuntatrici.

Leggi  The Imperfects Stagione 2: quale data di uscita di Netflix?

Osservato sempre da Andrew Ryans, prosegue poi per la sua strada, incrociando le famose sorelline e altri Big Daddy, così come un misterioso fattorino di nome Rudy. Alla fine del suo viaggio, incontra finalmente il sindaco. I giocatori sanno cosa ne consegue e la famosa svolta Bioshock è presente.

Da li, questo articolo conterrà quindi spoilerche si consiglia di evitare a qualsiasi lettore che non abbia avuto alcuna esperienza di gioco.

Fotobel papà

attenzione agli spoiler del bioshock

Il rivale di Atlas è dunque fregato a grandi colpi di “per favore”, e Jack riesce a liberarsi del controllo esercitato su di lui, per affrontare il suo vero nemico. La domanda che resta è: quale finale è stato scelto dallo sceneggiatore? Per quanto strano possa sembrare, è il brutto finale che è stato sceltoun finale che anche gli sviluppatori del 2nd opus hanno deciso di invalidare per costruire la loro storia.

In tutta la sua descrizione, Scott Wampler insiste sulle somiglianze con i giochi. Jack è costantemente in movimento, cosa accettata negli FPS, tanto meno nei blockbuster in cui l’azione a volte deve atterrare. Meglio, lo scenario sarebbe di un’oscurità e di una violenza memorabile. Le descrizioni dei mostri non li risparmiano, pensando a Big Daddy.

Descrive anche un omicidio molto esplicito della sorellina e persino una sequenza in cui all’eroe viene strappato l’orecchio.

Fotosangue e tuono

La violenza sorda e l’atmosfera cupa di Rapture sono quindi probabilmente le due ragioni principali dell’abbandono di un progetto che alla fine sembrava più un film horror classificato come R che un blockbuster di avventura. Inoltre, non poche produzioni dello stesso genere avevano subito un triste destino all’epoca. Prince of Persia, le sabbie del tempopubblicato nel 2010, dimostrerà alla Universal che gli adattamenti dei grandi videogiochi non sono sempre necessariamente redditizi.

Gli amici Verbinski e Logan si sono ripresi facilmente, il primo concatenamento rango e il secondo continuando la sua carriera come sceneggiatore di successo in film come Hugo Cabret, Skyfall, Alien: Patto e così via Penny Dreadful: La città degli angeli. Una vendetta d’inferno. Per non parlare del fatto che Verbinski è stato chiaramente ispirato Bioshock per il suo Una cura per la vita.

Lascia un commento