fbpx

La vera storia che ha ispirato “Stranger Things” è ancora più inquietante della serie stessa

La serie del momento, la cui quarta stagione ha appena pubblicato il suo primo volume su Netflix, si ispira a fatti realmente accaduti: avete sentito parlare di “The Montauk Project”?

La quarta stagione di Stranger Things è stata una delle anteprime più attese del 2022 e il suo primo volume di sette episodi è finalmente completo su Netflix. Dovremo aspettare fino al prossimo venerdì, 1 luglio, per la premiere della seconda parte della stagioneche sarà composto da soli due episodi ma con la durata di un film, ma l’attesa è massima dopo l’incredibile esito del primo round. Un ultimo tratto che, finalmente, ha fatto luce sui poteri di Undici e sull’inizio degli esperimenti nel laboratorio di Hawkins, ma anche sul Mondo Sottosopra e sul motivo per cui questa piccola cittadina dell’Indiana è stata tormentata per questa oscura minaccia.

Dal momento che la piattaforma di streaming ha reso disponibili ai suoi abbonati i sette nuovi episodi della sua iconica fiction, cose strane Non ha smesso di guidare la vetta delle serie più seguite su Netflix. La nuova puntata ha polverizzato i suoi precedenti record e accumula già centinaia di milioni di ore di visualizzazione.

cose strane è diventato un vero fenomeno nell’estate del 2016 e da allora è uno dei pilastri della piattaforma della grande N. La “colpa” sta nella sua storia accattivante e terrificante, nelle sue grandi dosi di nostalgia e nei suoi personaggi carismatici, che abbiamo visto molto cresciuti in questa nuova fase . La sua mitologia è stata costruita a poco a poco durante la sua carriera, ma la quarta stagione ha iniziato a muoversi direttamente verso la sua fine, che è già stata confermata con la sua quinta puntata.

E particolarmente accattivante è anche la vera storia dietro la creazione della serie, che è stata fonte di ispirazione per i nostri amati fratelli Duffer.

Da Montauk a Hawkins, Indiana

Come è stato menzionato numerose volte, il primo titolo che Stranger Things aveva quando ancora si stava preparando nella mente dei fratelli Duffer era Montauk e, anche se è stato finalmente cambiato, ha a che fare con l’interesse dei creatori per una teoria del complotto nota come “Il progetto Montauk”, un esperimento segreto condotto dal governo degli Stati Uniti. Secondo romanzo gialloil titolo provvisorio della serie ha cessato di essere Montauk quando i produttori hanno deciso di cambiare location e di centrare l’azione a Hawkins, nell’Indiana, invece che nell’East End di Long Island, dove si trova la Montauk Air Force Station, attorno alla quale ruota la teoria.

La maggior parte delle informazioni che i fratelli Duffer ottennero sul suddetto esperimento giunsero loro attraverso libri e interviste condotte da Preston B. Nichols. Nel 1982 quest’uomo pubblicò il libro Il progetto Montauk: esperimenti nel tempo, un documento che ha approfondito la rimozione dei ricordi e le tecniche per recuperarli.

Le informazioni di Nichols sono state confermate da diverse persone, incluso un uomo che si chiama Al Bielek e che afferma che il governo ha condotto esperimenti su di lui che si sono conclusi con la soppressione e la rimozione di alcuni dei suoi ricordi per mantenere segreto il progetto Montauk.

Ci sono molti casi “paranormali” che si sarebbero verificati sotto la protezione di questo esperimento, ma senza dubbio il più popolare è l’incidente del 1983 il cui inizio è la seconda guerra mondiale. Secondo romanzo giallo, Nell’ottobre 1943, il governo degli Stati Uniti iniziò diversi esperimenti segreti a Filadelfia per ingannare le sue navi nel radar nazista in modo che potessero inviare aiuti ai loro alleati in Europa.. Il governo non lo ha mai confermato, ma le teorie del complotto sono chiare sul fatto che nel 1955 il governo non solo riuscì a ingannare il suddetto radar, ma inviò anche una nave da guerra in un’altra località, un sito che causò disagi all’equipaggio. Dopo questo, il governo ha deciso di terminare il progetto.

L’esperimento di Filadelfia

Nel 1984 è uscito il film l’esperimento di Filadelfiaun adattamento di un libro sulla suddetta cospirazione governativa che ha seguito due marinai della USS Eldridge che durante l’esperimento saltano nel tempo e vanno avanti di 40 anni nel futuro per rendersi conto che l’esperimento è rinato per mano del governo, sebbene questa volta i suoi nemici non sono i nazisti ma l’Unione Sovietica. Entrambi gli esperimenti sono collegati e i generatori della nave Eldridge mantengono il portale aperto mentre iniziano a risucchiare l’energia dal 1984..

Leggi  Spiegazione della fine! Ari & Estate ecc

Dopo aver visto questo film nel 1988, un uomo di 57 anni di nome Al Bielek ha dichiarato che Grazie a varie terapie innovative, aveva potuto sbloccare i suoi ricordi e ricordare così di aver lavorato al Progetto Montauk negli anni ’70 e ’80. Bielek era convinto che i suoi ricordi fossero stati repressi e bloccati per mantenere segreto il progetto.

Quando i suoi ricordi riemersero, Bielek ricordò che il suo nome di nascita era Edward Cameron e che aveva lavorato con suo fratello, Duncan, al Progetto Montauk quando entrambi avevano poco più di vent’anni. Pochi anni dopo, Bielek ha presentato la sua storia in una conferenza, parte della quale puoi guardare di seguito:

In breve, Bielek ha affermato che Nikola Tesla era stata in grado di rendere invisibili le navi americane per portare aiuti in Europa, e nel processo ha aperto un wormhole che si collegava al futuro. Nello specifico, spiega che insieme al fratello ha dovuto viaggiare nel passato per distruggere l’equipaggiamento della USS Eldridge poiché il suo arrivo nel 1983 stava causando numerosi problemi, l’unica opzione era andare nel passato ed evitare il suo arrivo.

La storia di Bielek è stata tradotta in un libro da Preston Nichols che ha scritto Il progetto Montauk: esperimenti nel tempo. Questo scrittore ha affermato di aver lavorato a tali esperimenti negli anni ’70. Da parte sua, Duncan Cameron ne era convinto aveva poteri psichici a causa di detti esperimentidurante la sua permanenza a Montauk poteva far apparire qualsiasi oggetto solo pensandoci, ma a causa della repressione dei suoi ricordi operata dagli scienziati ha perso i suoi poteri.

Il collegamento del Progetto Montauk con Stranger Things

Come accennato in precedenza, Duncan affermò che durante la sua permanenza a Montauk poteva muovere oggetti con la mente, il che indusse gli scienziati a spingerlo a svolgere alcuni esperimenti specifici che ricordano quelli che Eleven esegue prima di aprire il portale a ‘Del Revés’ nella prima stagione della serie. Questo esperimento è “The Seeing Eye” e il suo obiettivo era che Duncan trovasse una persona con solo un capello o un altro oggetto del soggetto in questione. In questo caso, l’idea non era che li trovasse e basta, ma piuttosto che cercasse di entrarci e di poter vedere con gli occhi, ascoltare con le orecchie e sentire quello che sentivano. Questi esperimenti sono stati eseguiti e successivamente narrati in Il progetto Montauk: esperimenti nel tempodallo stesso Preston Nichols.

Nichols spiega anche che Duncan non era l’unico figlio, ma molti altri vennero nel luogo noto come Camp Hero. e si crede che non proprio per sua volontà. Questo è anche legato alla serie poiché, come sospettavamo nella prima puntata e corroborato nella seconda, Eleven non è la prima ragazza con cui sono stati effettuati esperimenti di questo tipo, ma ce ne sono almeno altri dieci nella sua situazione. .

Oltre alla storia dei fratelli Cameron e Nichols, ci sono molte altre voci che raccontano quanto accaduto a Montauk con alieni, mostri e altre cose paranormali. Molti credono che durante questi esperimenti per andare avanti o indietro nel tempo, si siano aperti canali verso altri luoghi..

Ciò che le teorie del complotto affermano sia accaduto al Progetto Montauk risalirebbe alla stessa epoca in cui è centrato cose stranema molti sono quelli che sostengono che questo tipo di esperimenti da parte del governo si svolgono ancora oggi.

Lascia un commento