fbpx

La torcia: i predatori di Chupacabra

sentenza irrevocabile

Dopo il successo del remake della serie americana Passione ardente prodotto da Ben Stiller, Jonathan Cohen è andato alla grande per il ritorno di Marc – e anche troppo. L’idea di Torcia era attraente da morire : l’ex pilota ha lasciato la lussuosa villa del suo reality tv sull’acqua delle rose per partecipare a un survival show tipo Koh-Lanta e vincere i 450 euro in palio.

Rivolgendosi a un programma più popolare in Francia del Bachelor, ma altrettanto codificato, questa seconda stagione ha così promesso mille altri beffardi diversivi, oltre a un’ambizione parodia rivista verso l’alto in termini di messa in scena, costruzione di scenografie o coinvolgimento fisico sul parte degli attori. Come promesso, le prime puntate quindi recensiscono le tappe obbligate dello spettacolo con un mimetismo abbastanza avanzato : paesaggio da cartolina, scatti ripresi con un drone, fotografia smagliante e un presentatore in maglietta a fare da cornice, a seguire l’arrivo in barca, la formazione delle squadre, le prove e i consigli, il tutto scandito dai ritratti dei candidati, i loro lati davanti alla telecamera e le spiegazioni di Jérôme Commandeur in voce fuori campo.

Ne è rimasto solo uno, indovina quale

Un pastiche abbastanza convincente per perdonare l’assenza di titoli di coda e di Vincent Dedienne al posto di Denis Brogniart, ma soprattutto per prestarsi al gioco, d’altronde la produzione statica e il montaggio sommario tradiscono altrettanto rapidamente l’economia dei mezzi e la mancanza di scala delle prove su cui dovrebbero ruotare gli episodi.

Se il tipo di corsa a ostacoli e la corsa in gommone trovano l’ambitissimo spirito parodico precipitando nel caos iperattivo, la serie abbandona finalmente il dinamismo specifico dello spettacolo d’avventura per sketch più scenografici e quindi basilari. A metà stagione, la serie abbandona addirittura la sua dimensione sportiva adocchiando altri concorsi televisivi meno restrittivi da cantare come La Francia ha un talento incredibile, Top Chef Dove Domanda per un campioneprima di tornarci in extremis in un ultimo episodio che fatica a far dimenticare questa crisi.

The Torch: Raiders of Chupacabra: fotoUno dei pochi episodi che si è dato i mezzi per sembrare un vero banco di prova

CACAFONIA

Non riuscendo a sfruttare appieno il potenziale del suo concetto e attenersi ad esso, La torcia avrebbe potuto camuffare i suoi limiti tecnici e le sue mancanze di ispirazione con un umorismo esilarante come nella prima stagione, diventata una fonte inesauribile di meme. Ma oltre a un flusso ridotto di battute finali, questo nuovo lotto è caduto in tutte le insidie ​​che La fiamma aveva abilmente evitato nonostante l’idiozia dei suoi personaggi e il suo tono assurdo.

L’umorismo e le frasi ben girate non sono scomparse dal Torcia che beneficia di alcune illuminazioni – e illuminato come il dottor Juiphe -, ma i dialoghi e le risposte sono generalmente meno ponderati e ricercati. A differenza della scrittura della stagione precedente che giocava su sintassi, interpretazioni errate, figure retoriche e altre sottigliezze del linguaggio per bilanciare sciocchezze e incomprensioni, le valvole del nuovo lotto sono più basse sulla fronte e sulla cintura – menzione speciale per Kad Merad’s Patrice che interpreta una versione appena arrangiata del suo Beauf de France.

The Torch: Raiders of Chupacabra: fotoE non è nemmeno necessariamente il meno divertente che se ne va per primo

Dal canto loro, la maggior parte degli attori del cast sono abituali nella commedia e danno libero sfogo alla loro fisicità e al ritmo comico, che purtroppo la sceneggiatura troppo spesso incasina allungando le valvole che sarebbero più efficaci se si fermassero in tempo. La commedia delle prove è indossata, sia con il complottista di Thomas Scimeca e il suo “come per caso“insopportabile dopo il 20° tempo o le infinite danze del Marc.

Leggi  Stagione dei matrimoni: quale data e ora di uscita di Netflix?

Altre valvole sono difficili da prendere perché loro sono in gran parte basati sui risultati della stagione 1, come la variazione della barzelletta di Jean-Guille, il fatto che tutti odiano Anne o che Chatéléré abbia problemi con la modestia. Anche guardare Leïla Bekhti alzare gli occhi al cielo e strapparsi le corde vocali mentre urla il nome di Marc diventa noioso, ed è davvero triste.

The Flambeau: gli avventurieri del Chupacabra: foto Pierre NineyOra dagli la sua serie di vittorie

MAAAAAAAAARC

La torcia ha promesso una nuova dinamica dopo la vacuità di uno spettacolo come The Bachelor, ma anche di scavare nel suo personaggio principale mettendolo letteralmente alla prova. Se La torcia richiedeva soprattutto fascino e questo è tutto ciò di cui Marc è capace, un gioco di avventura richiede invece forza e intelligenza, che è l’unica cosa che gli manca di più.

Ma il Marc all’inizio dell’avventura è rigorosamente lo stesso della fine, il suo costume è costato più di lui. La sua caratterizzazione non è mai approfondita o controbilanciatae mentre lo scenario lascia sfuggire diverse opportunità come le reazioni negative che genera sui social network, ma che vengono evacuate al termine della sua sessione con lo strizzacervelli.

The Torch: Raiders of Chupacabra: foto, Jonathan CohenÈ libero, Marco

Più in generale, la serie semplicemente non sa come passare da una stagione logicamente incentrata su Marc a una serie di protagonisti che dovrebbero avere la stessa importanza nell’avventura. Il candidato è quindi inspiegabilmente sovraesposto rispetto agli altri e sembra permanentemente dotato di un collare immunitario, la sua partecipazione non è mai stata minacciata. Ma il problema è a doppio taglio poiché gli episodi mostrano un forte calo di velocità quando puntualmente distolgono la loro attenzione da Marc per interessarsi agli altri avventurieri.

Tra coloro che si divertono nella loro caricatura iniziale come William, Alexandra o Hervé, e coloro che cercano di esistere con orribili archi narrativi come Annick e Yvan nel mezzo di una crisi esistenziale, i personaggi vengono sabotati uno dopo l’altro, anche quelli sufficientemente consistenti come Soraya e Marina. La serie è stata quindi vittima della sua posta in gioco, con una narrativa corale mal orchestrata, un umorismo caldo, persino pigro, nonché una realizzazione troppo saggia e basilare rispetto alla magnificenza e alla solennità di Koh-Lanta.

Le Flambeau: The Adventurers of Chupacabra è disponibile per intero su Canal+

The Torch: Raiders of Chupacabra: Poster

Lascia un commento