fbpx

La sfida su Jeffrey Dahmer su TikTok che ha inorridito gli utenti e ha portato la piattaforma ad agire

La serie Netflix sull’assassino, ‘Dahmer’, continua a generare polemiche. Reclami contro la spiacevole pratica di cercare, vedere e reagire alle foto reali delle vittime.

Dahmerla serie Netflix sul serial killer noto come “il macellaio di Milwaukee” con protagonista Evan Peters, è da un paio di settimane ai vertici dei più seguiti sulla piattaforma di streaming in diversi paesi e, nonostante l’accoglienza sia per lo più positiva , è anche essere oggetto di varie controversie. I parenti delle vittime che affermano di dover rivivere il trauma più e più volte, una lavoratrice che afferma di non essersi sentita ben trattata durante le riprese e la comunità LGBTQ che chiede a Netflix di rimuovere quell’etichetta perché Jeffrey Dahmer, sebbene fosse omosessuale, non è un personaggio che li rappresenta.

Non tutto è elogio e non tutti gli spettatori hanno lo stomaco o la voglia di divertirsi Dahmer, ma il brillante lavoro di Evan Peters e l’inquietudine della vera storia dell’assassino sono stati fondamentali per la proposta di Ryan Murphy di farci rizzare i capelli con il ritmo della sua storia e la sua particolare attenzione al punto di vista delle vittime . Decisamente, Dahmer ha dato molto di cui parlare nelle ultime settimane e nei giorni scorsi è diventato anche oggetto di una spiacevole challenge su TikTok di cui alcuni video sono diventati virali e che è stata subito oggetto di grandi critiche. Al punto che TikTok ha dovuto agire.

La sfida, che hanno chiamato “Polaroid Challenge”, è davvero orribile. In esso, gli utenti della piattaforma si dedicano alla ricerca online delle fotografie di Jeffrey Dahmer -che, come prevede anche la serie Netflix, fotografava le sue vittime e le terribili azioni che compiva con loro- fatto alle loro vittime e si registrano mentre reagiscono ad esse. Molti altri sono dedicati a spiegare come trovarli.

Tuttavia, nonostante alcuni video siano diventati virali, la risposta più diffusa oggi sulla piattaforma è il rifiuto.

Mentre alcuni utenti continuano a chiedersi come questo materiale reale sia accessibile su Internet, altri non hanno smesso di mostrare il loro rifiuto che qualcuno possa trovare divertimento attraverso vittime reali che sono state uccise e smembrate da un assassino che ha ricreato i propri crimini per più di un decennio. . “Le persone su TikTok sono sconvolte dal fatto di non essere riuscite a trovare le polaroid che Dahmer ha scattato alle sue vittime? Cosa c’è che non va nelle persone? In effetti, in questo momento mi si è rivoltato lo stomaco”, ha twittato un utente condividendo un messaggio che fa rizzare i capelli forse più della serie stessa.

Leggi  The Night Will Be Long Stagione 2: quale data di uscita di Netflix?

“Sono davvero malati”, “Questo non è un film gore in cerca di reazioni brutte, questa è una vera merda”; oppure “Non lasciare che la curiosità ti faccia vedere le vere polaroid”, sono alcuni dei commenti che si possono leggere sui diversi social network con il obiettivo di interrompere questa pratica il prima possibile.

Il rifiuto è notevole, ma, secondo pubblicato Radar di giochialcuni dei video taggati “Jeffery Dahmer polaroids” hanno ottenuto migliaia di visualizzazioni. TikTok, dal canto suo, è intervenuto e ha già rimosso i contenuti, compreso un video con le immagini “inedita” che ha avuto più di 130k visualizzazioni.come “avvisano” alcuni utenti che li stanno ancora cercando.

Nel frattempo, Dahmer è diventato un successo di pubblico su Netflix, che questo venerdì continuerà a scommettere sulla famigerata storia del famoso ‘serial killer’ con la premiere di Conversazioni con un killer: i nastri di Jeffrey Dahmer.

Lascia un commento