fbpx

La serie è ispirata a una storia vera?

Scopri se Fakes Stagione 1 è ispirata a una storia vera su Netflix!

Fakes è disponibile su Netflix! Se vuoi sapere se Fakes è ispirato a una storia vera, continuare a leggere! Nella nuova serie Falsi Netflix, le migliori amiche di 18 anni Zoe e Rebecca stanno costruendo un falso impero di identità con incredibile facilità. Tuttavia, il crimine non paga davvero e le nostre due eroine lo imparano rapidamente a proprie spese. Per scoprire quando uscirà la stagione 2, leggi questo.

L’intera serie usa molta sfacciataggine, rompe il quarto muro e non sai mai chi sta dicendo tutta la verità. Falsi fa molto affidamento sul tropo del narratore inaffidabile, mostrando spesso versioni completamente diverse dello stesso evento per mostrare quanto possa essere difficile capire chi ha detto cosa e chi c’è dietro questa pratica illegale. Per conoscere la spiegazione della fine della stagione 1, leggi questo.

Non potevamo fare a meno di rimanere colpiti da questa visione non ortodossa dell’imprenditorialità. Allora, Fakes è basato su una storia vera?

Fakes è basato su una storia vera?

No, Fakes non sembra essere basato su una storia vera. Ci sono molti elementi nella serie, al di là di queste parole, che cercano di stabilire che si tratta di a storia vera. Ma in realtà è una trama molto efficace per attirare l’attenzione degli spettatori. Insieme a FalsiTurko ha voluto approfondire il concetto di amicizia attraverso il punto di vista di due giovani donne alle soglie dell’età adulta.

Falsi è una serie fortemente meta. Il quarto muro viene regolarmente rotto e la responsabilità della narrazione si sposta tra i due personaggi principali. Sia Zoe che Becca sono personaggi del punto di vista in quattro episodi ciascuno. Tryst, il loro maestro, funge da narratore nel quinto episodio e i tre si assumono insieme responsabilità di narrazione nel finale della stagione 1. Ciò ha avuto l’effetto di trasformare tutti e tre questi personaggi in narratori inaffidabili.

Leggi  Le migliori serie che ci ha lasciato maggio 2022: da 'Stranger Things' a 'The Staircase'

Sebbene non sia chiaro da dove David abbia trovato la sua ispirazione iniziale per Fakes, durante un’intervista con Brief Take ha menzionato di aver iniziato a scrivere le sceneggiature per la serie diversi anni fa.

Quindi sembra che Falsifedele al suo titolo, utilizza vari aspetti della sua narrazione per convincere il pubblico che si basa su a storia vera mentre è in gran parte un’opera di fantasia. Turko condivide i crediti di scrittura della serie con Tabia Lau.

Lascia un commento