fbpx

“La pensione non deve essere la fine di niente, può essere un nuovo inizio”

In il volontarioil suo nuovo film, carmen machi interpreta una dottoressa in pensione che sente che la sua nuova vita è vuota. Nella vita reale, la situazione di questo 58enne di Madrid non potrebbe essere più nella direzione opposta. Non ci siamo ancora ripresi dalla sua esilarante apparizione L’amore della madre e l’attrice è tornata con un personaggio provocatorio e affascinante il volontarioil secondo film come regista di Nely Reguera (nominato per un Goya per Maria e gli altri).

Stanca della sua vita da pensionato e di paragonarsi alle sue amiche che sono nonne, Marisa decide di recarsi in un campo profughi greco dove, secondo lei, hanno bisogno di persone esattamente come lei. Arrivato lì, scopre una realtà che non avrebbe potuto immaginare e che lo porta ad esplorare i limiti tra l’amore e il bisogno di sentirsi utile.

Carmen Machi e Itsaso Arana si sono trasferite in un campo profughi greco nel mezzo di una pandemia partecipare a un dramma che esplori la moralità degli atti di solidarietà anche là dove sono più necessari. il giornale specializzato in serie televisive e film ha parlato con le attrici durante l’ultimo Festival di Malaga del loro tempo in una produzione complicata che è appena arrivata nei cinema spagnoli.


il volontario è stato girato in un campo profughi in Grecia. In che modo ciò influisce personalmente e professionalmente sul lavoro di un’attrice?

Itsaso Arana: Quando mi hanno parlato del progetto, ero molto spaventato, perché la casistica di dover andare in un campo profughi per girare un film è moralmente discutibile. Penso che il film chieda proprio tutto questo ed esplori la moralità dietro quegli atti di solidarietà con gli altri. Per un’attrice è anche strano dover entrare nella quotidianità di un campo.

il volontario sta cercando di ritrarre una realtà molto più complessa e più ampia di quella che un film può raccontare. È stata una sfida molto difficile e girare lì ha generato molto rispetto per me. Ho pensato: “raggiungeremo il possibile e lo affronterò con umiltà e con tante contraddizioni”. Stavo parlando con persone che hanno lavorato lì come volontari e mi hanno consigliato di usare tutti quei dubbi che ha generato in me, perché era esattamente quello che hanno vissuto ogni giorno. Quel misto di frustrazione e contraddizione di sapere che alla fine tornerai alla tua vita e loro rimarranno così. Il luogo dove abbiamo girato è ancora lì e molte persone sono ancora lontane da casa.

Carmen Machi: A me è successa una cosa simile. Ricordo il primo giorno in cui siamo andati a visitare il campo. Mi sono detto: “che strano è questo”. Le persone che erano all’interno del campo stavano vivendo la loro realtà. Eravamo in una posizione privilegiata. Eravamo lì per lavoro, ma poi potevamo prima andare a bere una birra e poi dormire in un ottimo letto in un hotel. È davvero così che funziona. Genera molta contraddizione, perché non sai come la vivranno. Ma erano affascinanti e molto ospitali con noi. È una sensazione strana, ma quando scatti devi dimenticare tutto questo.

il volontario ha un carattere molto atipico e complesso al centro della storia. Qual è stato il personaggio che ha catturato la tua attenzione?

Carmen: Nely Reguera mi ha mandato una sceneggiatura. Mi era piaciuto il suo primo lungometraggio, Maria e gli altri. Ero molto eccitato che avesse pensato a me per il film. Credeva che potessi essere Marisa e voleva sapere come la vedevo. Il personaggio era molto attraente. L’intero pacchetto mi ha convinto: la sceneggiatura, il regista, il tema, le riprese all’estero… Poi sono passati gli anni fino a quando il film ha cominciato a essere girato. Il progetto si è trasformato e ho riscoperto Marisa man mano che le riprese procedevano. Mi piaceva l’idea di parlare di una donna così in un momento della sua vita in cui è andata in pensione da poco e non sa proprio cosa fare della sua vita. Era una dottoressa che era sempre stata molto attiva e attenta agli altri, e che all’improvviso resta inerte perché nessuno ha bisogno di lei.

Itsaso Arana e Carmen Machi si scontrano in “Il volontario”.

L’evoluzione del personaggio è molto particolare. All’inizio pensi che sia nel campo profughi per un motivo, ma lo spettatore finisce per scoprire che tutto è più complicato di quanto sembri.

Carmen: Questo è stato uno dei grandi momenti salienti della sceneggiatura. Marisa ha un’età chiave per una donna. Mi sembra un momento favoloso, perché è arrivato un momento in cui puoi liberarti di una serie di responsabilità. Puoi iniziare a concentrarti su altre cose e goderti la vita in un modo diverso. Il problema è quel momento di passaggio in cui non sei ancora arrivato a quella conclusione e senti un vuoto che ti paralizza. La pensione non deve essere la fine di niente, può essere l’inizio di molte altre cose. Penso che dovrebbe essere così, ma finché non te ne rendi conto, molte cose possono passare per la tua mente.

Vogliamo dare un senso a tutto ciò che facciamo in ogni momento, e penso che sia un errore. Credo sia proprio questo uno dei motivi per cui Marisa finisce in un campo profughi. Vuoi dare un senso alla tua vita. È una transizione difficile che faceva parte della sceneggiatura sin dall’inizio. Nely ha vissuto vicino ed era una delle sue maggiori preoccupazioni.

Durante le riprese del film, ho scoperto più cose che non avevo in mente all’inizio, come il fatto che Marisa fosse stata una persona molto combattiva ed esigente per tutta la vita. Ci sono tracce di quella donna che si era batteta per il miglioramento delle condizioni di salute pubblica, sia per i pazienti che per i professionisti. Marisa sente che le regole ci sono per cambiarle, ma allo stesso tempo sta entrando in un campo che non le appartiene e che nemmeno lei comprende.

Leggi  Perché Black Noir nasconde la sua faccia? È morto ?

Carmen Machi è una pensionata che si reca in Grecia per aiutare i rifugiati in

Carmen Machi è una pensionata che si reca in Grecia per aiutare i rifugiati in “The Volunteer”.

Caro rappresenta la burocrazia. Marisa simboleggia più la frustrazione di vedere come aiutare è più difficile di quanto sembri. Come vedi quello scontro tra i due?

Itsaso: Quando ho letto la sceneggiatura ho chiesto chi avrebbe interpretato Marisa. Mi hanno detto che sarebbe stata lei e ho pensato: “Dio mio, devo fermare Carmen Machi”. È divertente, il mio personaggio all’inizio è quasi irritante per lo spettatore, ma penso che sia qualcosa con cui bisogna giocare. Ho cercato di non giudicare nessuno, ma il film stesso finisce per mostrare che Caro ha ragione nel suo atteggiamento. Il film inizia con il personaggio di Marisa, ma man mano che la storia va avanti e più cose accadono, inizia a chiarire che sta entrando in acque paludose.

Penso che Caro non sia un personaggio particolarmente riconoscente, ma è importante per aiutare a capire i limiti e la parte burocratica della storia. È stanca e frustrata. Ho cercato di aggiungere uno strato di imbarazzo. Adesso si trova in un momento più ufficiale e burocratico dopo aver superato gli attaccamenti sentimentali che sorgono quando si vive una cosa del genere. A volte si chiede perché è ancora lì, ma sente che sta ancora facendo la differenza in una situazione molto difficile.

Carmen: Marisa non capisce bene il personaggio di Caro, ma come Caro l’ho molto chiaro. Forse è a causa della performance di Itsaso, ma posso perfettamente immaginarla piangere da sola senza doverlo vedere nel film. Deve essere molto difficile dover essere la persona che deve dire “no” tutto il tempo, perché se c’è è perché anche lei vuole aiutare. Caro prende le decisioni difficili che nessuno vuole prendere, ma sono necessarie. Donne come Caro sono molto importanti nella vita e nelle istituzioni. Devono esistere, perché molte volte sono loro che mettono i piedi per terra.

Marisa condivide molte scene con il ragazzo rifugiato di cui diventa ossessionata. Com’è stato lavorare con l’attore bambino?

Carmen: Il modo di lavorare di ognuno è molto diverso. Mi piace conoscere i personaggi mentre lavoro con loro. Non sono una di quelle attrici che lavora troppo prima di iniziare a girare. In questo caso il rapporto con il bambino era molto simile a quello dei personaggi del film. L’attore è stato fantastico. Non credo di aver visto nessun attore bambino controllare il incontro Come la. Nemmeno molti attori adulti che sanno farlo così bene. È figlio di un poliziotto e la disciplina e il rigore erano molto radicati in lui nonostante non avesse mai lavorato come attore. Ha preso tutto al millimetro. Era molto responsabile, era una cosa molto curiosa da vedere. La barriera linguistica era un problema. Non parlo siriano o greco e nemmeno il mio inglese è molto buono. Non parlava spagnolo. È stato difficile, ma penso che abbia favorito il film e l’ho interpretato a favore di quel rapporto tra i personaggi.

Carmen Machi condivide il ruolo principale con un attore non professionista in

Carmen Machi condivide il ruolo principale con un attore non professionista in “Il volontario”.

Il film ha avuto una produzione complicata. Ci sono stati dei ritardi, un cambio di campo profughi all’ultimo minuto… In che modo questi imprevisti influiscono sul lavoro dell’attore?

Itsaso: Penso che anche la produzione sia una professione molto creativa e in questo film ha determinato molte cose nella storia stessa. il volontario Aveva molti fattori condizionanti: il COVID, il campo… Molte cose potevano andare storte. Abbiamo subito delle conseguenze, ma il problema era con i partner di produzione. Abbiamo cercato di avere uno spirito di adattamento. C’era molta incertezza. Eravamo in Grecia in un mondo pandemico e in un campo profughi. C’era anche molta figurazione, che era nei giorni liberi, e nemmeno quella è facile da controllare.

Carmen: Tutte le riprese sono sempre complicate, ma questa è stata più difficile perché eri fuori casa e in un posto dove i livelli di COVID erano molto alti, molto più che qui. C’erano anche problemi logistici, ma erano più problemi di gestione e produzione. Durante una ripresa salti sempre oltre gli ostacoli e risolvi problemi. La cosa strana è che viene bene.

Marisa va in pensione volontariamente. Carmen, hai deciso il contrario, di lavorare molto. Qual è l’impulso che ti porta ad essere così attivo ultimamente?

Carmen: Ora sono in un anno sabbatico. Proprio quest’anno mi sono reso conto di essere troppo. Ho incatenato molti film per circostanze diverse. Anche qui il COVID ha avuto una grande influenza: progetti che sono stati interrotti, altri che sono stati ritardati… Molti film si sono accumulati e io sono finito un po’ stanco. Mi sono detto: “Starò qualche mese senza fare nulla”. Quello a cui non avevo pensato era che avrei dovuto promuovere sei film! Comunque mi sento molto felice.

/strong>

Lascia un commento