fbpx

La mummia con Tom Cruise, ovvero come copiare-fanculo la ricetta Marvel

La mummia è stasera alle 21:10 su TF1.

Nel 2017, la Universal sta cercando di rilanciare il suo Dark Universe. iniziato con Dracula Indicibilequesto sito che riunisce i leggendari Universal Monsters che decenni prima hanno reso la gloria (e il burro dello studio) non è riuscito a sedurre il pubblico con le origini di Dracula.

Poco male, il catalogo è ricco e l’era dei super blockbuster industrializzati dalla Disney porta l’azienda a pensarlopuò e deve utilizzare queste licenze per smantellare il botteghino. Il lungometraggio che doveva unire il pubblico nelle sale e lanciare questo mondo in orbita non era altro che La mummiadiretto da Alex Kurtzman, con Tom Cruise.

Per fare questo, la Universal cercherà di aggiungere al suo universo di mummie, vampiri, licantropi e altre mostruosità la ricetta Marvel, che sta trionfando in tutto il mondo. Ma cosa succede quando iniettiamo meccanicamente un programma progettato per i blockbuster igienizzati con una miriade di mostri? Un buon disastro in grande famiglia.

L’oscuro universo parallelo

50 SFUMATURE DI MCU

Che ci piaccia o meno l’MCU, l’impresa faraonica della Disney sarà almeno ricordata per il successo con cui ha installato il suo universo esteso. Un’impresa industriale che nessuno è riuscito a duplicare finora, che l’azienda ha realizzato con un misto di abile comunicazione e un’abile arte del dosaggio.

La Marvel avrà quindi aspettato diversi film, distillato indizi ed effetti di annuncio, prima di riunire i suoi Avengers nel 2012, davanti a un pubblico rovente da quattro anni di ascesa al potere. Ma la Universal non intende mantenere la sua mano segreta. Anche prima dell’uscita di La mummiasenza che il pubblico avesse avuto l’opportunità di reagire al materiale offerto loro, l’azienda ha svelato i suoi piani.

Il 22 maggio viene svelata una foto in cui compaiono i futuri mostri e da questo gesto iniziale possiamo sentire che il treno sta per deragliare. Certo, singolarmente Tom Cruise, Johnny Depp, Javier Bardem e Russell Crowe sono comici conosciuti e riconosciuti, ma riuniti insieme a Sofia Boutella, danno l’impressione di una squadra già invecchiata (il destino dell’attrice nel futuro kolossal non è in grande dubbio), con indiscutibile talento, ma il cui posto sul Più incerto il botteghino – ad eccezione di Cruise -.

Tom Cruise“E quindi non abbiamo nemmeno i costumi”

A questo si aggiungono le rivelazioni del giornalista di Hollywood, che svela in un lungo articolo pubblicato il 31 maggio 2017 che la saga si sta riunendo in un clima di precipitazione tale che la foto in questione è un montaggio di attori mai conosciuti. Gli analisti al botteghino prevedono già rendimenti contrastanti La mummiae tutto questo non ha un buon odore.

E nel film, l’influenza dell’MCU è ancora più significativa. In Doctor Jekyll sull’orlo di un’overdose di rillettes, Russel Crowe viene ordinato di comporre un Nick Fury venera, ma è attaccato così rozzamente alla trama principale che non crediamo mai nel personaggio, né nell’organizzazione segreta che guida. Lo stesso vale per gli omaggi incastonati qua e là come uova di Pasqua che si pensava ci promettessero un vasto universo.

Tutti cadono come capelli sulla zuppa. Una zuppa molto povera di spezie.

Foto Jake Johnson“Abbiamo detto che stavamo copiando Uncharted o Resident Evil?”

IL BUON GUSTO DEL SAPONE

Dall’inizio degli anni 2000, i principali studi cinematografici sono stati sempre più riluttanti ad avventurarsi oltre la valutazione PG-13, temendo di ridurre la potenziale base di pubblico quando producono film sempre più costosi. Un’equazione udibile quando produciamo dal supereroe al chilometroil genere rivolto principalmente a un pubblico giovane, adolescente, che non dovrebbe essere tagliato fuori dalle stanze buie.

Ma trattare con creature da incubo e le loro malefatte è una storia diversa. Se oggi le avventure dei mostri che imperversarono dagli anni ’20 agli anni ’50 sono abbastanza lontane dai canoni della violenza o dalle rappresentazioni dell’horror propri del cinema di genere, non dobbiamo dimenticare che queste opere hanno talvolta spinto indietro i limiti del loro tempo.

Leggi  Spiegazione della fine! Chi è morto ?

foto Sofia BoutellaIl terrore è palpabile

Non così qui, dove ettolitri di candeggina sembrano aver ripulito ogni fotogramma. Il sangue è quasi assente, molti effetti sono il risultato di trucchi digitali e la fotocamera non lascia intravedere l’angoscia. Il terrore deve lasciare il posto all’eccitazione, la tensione all’adrenalina e il blockbuster si trasforma gradualmente in un film d’azione. Nella misura in cui la scena ampiamente descritta dalla promozione è stata un incidente aereogirato a gravità zero, una performance tipica di Tom Cruise ma molto lontana dalla grammatica del cinema fantastico.

E sarà lo stesso per tutti gli scontri, le contaminazioni, generate dalla mummia del titolo, che sono dolorosamente carenti di visceralità. Troviamo questa timidezza anche nell’horror tramite il personaggio interpretato da Jake Johnson, lontana eco del compagno zombie di Lupo mannaro di Londra. Compagno putrefatto e beffardo, le sue apparenze sembrano quasi igieniste vista la sua modella. E questa è una delle contraddizioni più evidenti del film: rifiutarsi di rispettare il suo programma per dispiegare quello alla moda della settimana.

Anche nel rifiuto di far morire i suoi personaggi secondari, il tutto evoca la leggerezza che è diventata la firma della Marvel, che si sforza regolarmente di disinnescare i suoi potenziali effetti drammatici. Ma per fare un buon surrogato di MCU, La mummia ha preso un buon Tony Starca?

FotoE grazie alle truccatrici!

NON IL TUO REGOLARE TONY STARK

Scoprendo il personaggio di Tom Cruise, difficile non pensare al primo leader di aver reso popolari i film Marvel presso il grande pubblico. Impertinente, irrequieto, mosso da un frenetico individualismo, Nick Morton potrebbe non essere un miliardario, ha diversi punti in comune con Iron Man.

Innanzitutto, il film gli fa seguire un percorso simile. Personaggio che ha il controllo totale del suo universo, è un leader avventuroso, volentieri avventuroso. Di fronte alle conseguenze delle sue azioni e del suo modo di vivere in Medio Oriente, questo è lì che il suo destino prende una piega irrimediabile, che lo porterà a mettere in discussione i principi che hanno presieduto la sua vita, al punto da farne un eroe. Una logica piuttosto classica e di per sé non problematica, ma che tornerà a scontrarsi con il DNA del progetto.

foto Tom Cruise“E non ho nemmeno un jet-pack”

Perché quando ci adattiamo La mummia, il vero protagonista… è la mummia, non il suo avversario. Troppo impegnato a rappresentare Tom Cruise, il film manca l’obiettivo e proibisce a Sofia Boutella di incarnare una minaccia credibile, o un personaggio degno del suo formidabile nemico. Peggio, ubriaco di supereroi, la Universal si impegna a trasformare il suo eroe avventuriero… in un supereroe.

Quindi, il culmine del film non sarà un picco di paura, nemmeno una grande sequenza d’azione, ma piuttosto l’organizzazione un po’ anarchica di un trasferimento di potere tra Nick Morton e Ahmanet, senza altro obiettivo che installare l’ambientazione per il futuro film. Non solo l’andatura è lentama la licenza non serviva quasi per aggiungere superpoteri al suo eroe o abbellirlo con un’immortalità che schiaccia ogni posta in gioco, per reinventare la figura di Van Helsing.

Quindi, quando il blockbuster finisce, tutte le caselle della ricetta Marvel sono state selezionate, ma nessuna è stata compresaquando l’anima della grande avventura fantasy si perse nelle sabbie del deserto.

Lascia un commento