fbpx

“La magia di questa storia è riuscire ad entrare in empatia con tutti i personaggi”

la ragazza delle nevi È un successo su Netflix. Dopo essere diventate un fenomeno letterario, le pagine scritte da Javier Castillo hanno preso vita sullo schermo e sono riuscite anche ad affascinare il pubblico, battendo anche un record e diventando la migliore premiere di una serie spagnola sulla piattaforma con 31,83 milioni di ore visualizzate.

Introducendo alcuni cambiamenti nella trama per fornire maggiore verità alla storia, chi ha letto il romanzo noterà che la serie viaggia da New York a Malaga, scegliendo di ambientare la storia nella città andalusa.

Una volta lì, la narrazione inizia nella notte più magica dell’anno, durante la processione dei Re Magi. Tuttavia, per la famiglia Martín finirà per trasformarsi in un incubo quando la loro figlia Amaya scomparirà tra la folla.

Miren (Milena Smit), tirocinante giornalista, inizia un’indagine parallela a quella dell’ispettore Millán (Aixa Villagrán) che risveglierà aspetti del suo passato che avrebbe voluto dimenticare. Con l’aiuto del suo collega giornalista Eduardo (José Coronado), Miren non si fermerà finché non troverà la ragazza.

Milena Smith in “La ragazza delle nevi”

Una delle cose che ha generato maggiore fiducia nei lettori quando è stato annunciato l’adattamento televisivo è stata che lo stesso Javier Castillo avrebbe supervisionato il progetto, anche se senza interferire nei compiti creativi più diretti e senza influenzare il lavoro degli attori.

In effetti, la stessa Milena Smit ha riconosciuto che “non hanno lavorato insieme per costruire il personaggio”. L’attrice ha voluto sottolinearlo “Essendo un adattamento del romanzo immaginario, ci sono molte cose diverse nella serie e che ovviamente lo spettatore se ne accorgerà”.

“C’erano diverse cose che dovevamo rendere più realistiche in termini di finzioneal personaggio, e su questo lavoriamo di più con il team di registi della serie”, ha precisato l’attrice, volendo sottolineare il vero ruolo dell’autore nel processo.

“Sì, è vero che di tanto in tanto eravamo sul set e ne abbiamo approfittato per gettare le basi, da dove viene il personaggio, dove sta andando, come cambierà, ecc. Gli ho fatto alcune domande e mi ha anche dato molte informazioni da utilizzare in seguito a favore delle riprese”.

Anche Milena Smit ha compreso l’importanza di interpretare un personaggio come Miren, una donna che cerca di imparare a convivere con lo stress post-traumatico e trova motivazione e sfogo nel suo lavoro. Alla fine, aiutare a trovare Amaya può aiutare la protagonista ad aiutare se stessa.

Leggi  Netflix lancia ufficialmente la sua serie live "epica" con Ubisoft

“Dal punto di vista dell’attore, è stata una sfida meravigliosa. È sempre molto grato per un attore raccontare questo tipo di storie, dare loro visibilità, poter utilizzare tutti gli strumenti e le tecniche possibili per perdersi in un universo oscuro, entrare in empatia con i traumi del personaggio, viverli sulla propria pelle e riuscire a dare allo spettatore un’immagine il più possibile realistica e vicina all’esperienza reale”Smit ha descritto il lavoro di interpretazione del protagonista della serie.

“Sempre con rispetto, non solo nei confronti di persone che potrebbero averlo vissuto, ma anche perché hai a che fare con un personaggio che è stato scritto da qualcuno, che sia Javier Castillo o uno sceneggiatore. Alla fine è uno che ha dedicato molto tempo a dedicare parte della sua immaginazione alla costruzione di un personaggio con determinati valori, con una personalità specifica, con caratteristiche ben precise”.

[Dentro de ‘La chica de nieve’: “Sorprende descubrir quién es la persona que está detrás de algo tan oscuro”]

L’attrice ha detto che tutti i personaggi hanno le loro luci e ombre e così via “La magia di questa storia è che puoi entrare in empatia con tutti i personaggi, anche con il rapitore”.

“A un certo punto, l’ispettore Millán dice al mio personaggio ‘se oltrepassi certi limiti, ti inseguirò'”, ha specificato l’attrice, collegando la finzione alla realtà. “Ho visto molte volte che ci sono vittime che diventano carnefici per aver voluto farsi giustizia da sole e questo tipo di storie lo dimostra, Alla fine nemmeno i buoni sono così buoni e i cattivi non sono poi così cattivi”.

Lascia un commento