fbpx

la grande opera spaziale del creatore di C’era una volta… l’uomo

La vendetta degli umanoidiil lungometraggio di Albert Barillé, arriva al cinema in versione restaurata, grazie a Carlotta.

Se sei cresciuto in Francia negli anni ’80, ’90 o anche dopo, è probabile che i suoi personaggi ti stiano a cuore. Maestro, Pierre, Psi, le Nabot, le Petit Gros… Tutti si evolvono nella serie di Albert Barillé, figura molto rispettata nell’animazione francese. Nel 1978 ha creato C’era una volta… l’Uomoopera educativa che ben presto riscosse un immenso successo, e subito si impegnò a declinare il suo universo in diverse produzioni a tema: Spazio, vita (vita, vita, vita, vita, vita…), Americhe, gli scopritori, esploratori, la nostra terra

Spesso dimentichiamo che ha diretto anche un lungometraggio uscito nelle sale nel 1983, La vendetta degli umanoidi. Dietro questa curiosa opera spaziale animata si nascondono in realtà diversi episodi della straordinaria serie C’era una volta… Spazio, rimontato, compilato e rielaborato. Il film era in attesa di restauro, come estensione del lavoro svolto sull’opera del suo regista. Ora è fatto grazie a Carlotta, che lo ha distribuito come bonus nelle sale, poi in video. E il risultato è ancora molto unico.

Roccia ? Qui !

C’era una volta…

All’inizio degli anni ’80, Albert Barillé e la sua compagnia Procidis vinsero in gran parte la loro scommessa. C’era una volta… l’Uomouna serie educativa che ripercorre la storia dell’umanità, è un successo fenomenale, forse perché si rivolge sia ai bambini che ai loro genitori, che non esitano a rivedere la propria storia insieme alla prole. È stato venduto in dozzine di paesi e ha fatto le grandi ore di FR3.

C’era una volta… Spazio prende quindi direttamente il suo seguito e più in particolare quello del suo ultimo episodio, ambientato in futuro. Bene, la fantascienza sta per imporsi in televisione, sulla scia del cartone Guerre stellari e il più delle volte attraverso l’animazione giapponese. Goldrake, ad esempio, rende felici i bambini di ogni tipo. Lo stesso Barillé collabora da diversi anni anche con una produzione giapponese. L’autore decide quindi da solo di mantenere gli stessi personaggima per adattarli a questo nuovo universo, un’idea che in seguito creerà l’identità della sua serie.

La vendetta degli umanoidi: fotoSotto l’ala del Maestro

Jean Barbaud, responsabile del design di questi personaggi, ci dice:

“Era il desiderio di Albert Barillé di creare personaggi più “adulti” per Space, ma basati su quelli della serie precedente (Man). Le Gros è diventato più muscoloso per non sembrare obeso. Pierre, un alto funzionario sulla cinquantina , ha adottato un viso più squadrato, mentre Pierrette è diventata anche una donna più matura, Presidente della Confederazione… Ovviamente non mi ha molto sedotto il fatto di dover adottare un aspetto più realistico! ammorbidito e i due cattivi di Cassiopea, con le loro orecchie in stile “Spock”, hanno mantenuto anche i loro nasi rossi!”

Il disegnatore collabora con Barillé da quando è stato selezionato dal bando ed è felice di tornare, come Michel Legrand, René Borg (che supervisiona il team dello storyboard) e buona parte dell’indimenticabile cast vocale (Roger Carel, Annie Balestra, Vincent Ropion e gli altri). “Prima di intraprendere un’attività come questa, proviamo molte persone, che ci mostrano cosa possono fare. Essendo il campo della fantascienza speciale, ci sono pochissime persone che sanno come far funzionare la loro immaginazione, che qui è non basato su niente. Devi inventare situazioni, esseri, pianeti”ha spiegato Barillé nel commento del dvd.

La vendetta degli umanoidi: fotoUn pizzico di totalitarismo

Ha quindi assunto Philippe Boucher, alias Manchu, che gli aveva consigliato Barbaud, sui set. Figlio di Kubrick, di Metallo urlante e Christopher Foss, è un appassionato di fantascienza che ha appena partecipato alla produzione della serie Ulisse 31, sempre su FR3 (è l’ideatore del famoso vaso oculare di Ulisse). Originario della stessa città natale del suo collega disegnatore di personaggi, lo ha realizzato, insieme al Valerianascopri il sesso. E tra loro danno vita agli scenari del maestro:

“Albert aveva già completato bene il suo progetto e scriveva “da solo”. Detto questo, Manchu ha portato la sua visione dei vasi che molto spesso erano diversi da quanto previsto nelle sceneggiature. Stessa cosa per alcuni paesaggi dipinti da Afroula (mia moglie, ha frequentato anche la Brassart School) e anche per la mia versione di certi extraterrestri o robot Albert Barillé sapeva cosa voleva e soprattutto cosa non voleva, ma ci lasciava liberi di proporre qualcos’altro che a volte potesse sorprenderlo piacevolmente. È stato molto gratificante presentargli i nostri disegni e osservarlo mentre li scopriva”.

E il risultato è senza dubbio uno dei più grandi successi di Procidis.

La vendetta degli umanoidi: fotoAvere una grande testa

La pazza storia dello spazio

E il film in tutto questo? Molti lo vedono come una raccolta degli ultimi sei episodi della serie. Ma non è del tutto vero. Per citare Barillé:

“Il film è diverso dalla serie, nel senso che c’erano alcune riprese aggiuntive e un montaggio particolare, perché abbiamo stretto un po’ l’azione. Arriviamo a un insieme che tiene insieme. I personaggi puntano a un sacco di imprese dannose da parte di forze che ignorano. Si conosceranno quindi sempre di più nel lungometraggio. L’azione diventerà più chiara e capiremo cosa sta succedendo. è in gioco. I personaggi principali non hanno ha smesso di evolversi, sentiamo il bisogno di aggiornarli, di modernizzarli un po’, e di renderli meno elementari. […]”.

Barbaud ci assicura, tuttavia, di non aver partecipato al processo di compilazione. Resta il fatto che il film, ancora oggi, è molto gradevole e che il suo approccio all’opera spaziale, venato della celebre benevolenza del suo autore, contrasta con i conflitti che governavano allora questa frangia della cultura popolare. Nonostante la presenza del duo, che come al solito mette i bastoni tra le ruote agli eroi, l’antagonista è infatti un Big Computer, più un concetto in contrasto con l’ideale umanista dell’artista che un vero e proprio villain del disegno vivace. Dettagli che non è necessario conoscere C’era una volta… lo spazio o anche il lavoro di Albert Barillé per provare l’avventura.

Leggi  "Un bacio lesbico nel cinema per bambini? Che meraviglia"

La vendetta degli umanoidi: fotoUmanoidi associati

Qualcuno quindi criticherà il suo aspetto innocuo, un po’ ripetitivo sui bordi. Ma è da dimenticare che questi 1h40 cristallizzano di fatto tutto ciò che ha reso l’originalità della serie. In effeti, C’era una volta… lo spazioe quindi La vendetta degli umanoidi, rimane alquanto a parte nella storia di Procidis. A differenza delle serie che lo fanno da cornice, i cult C’era una volta… l’uomo e C’era una volta la vitatrascura un po’ l’aspetto educativo, senza mai abbandonarlo del tutto, per affrontare argomenti più sericome la guerra, l’inquinamento o più in generale l’impatto dell’Uomo sul suo ambiente.

Alla domanda se fosse a conoscenza all’epoca della particolarità della serie, Jean Barbaud lo ammette volentieri:

“No, non proprio, perché credo che ci siamo davvero resi conto di questa visione del futuro piuttosto seria, a volte piuttosto preveggente, molto più tardi. Probabilmente eravamo un po’ troppo giovani e negligenti! I giovani telespettatori (all’epoca) hanno detto me che erano stati segnati dalla fine dei titoli di coda di Man, con il razzo in decollo prima dell’esplosione della Terra: non ci aveva nemmeno disturbato questo passaggio e Soleil Vert ci sembrava una lontana distopia… Rivedere La Revanche …di recente, sono rimasto colpito dalla serietà del discorso”.

La vendetta degli umanoidi: fotoDietro di te, è terribile!

Il film è uscito nelle sale il 26 gennaio 1983 e non ha segnato l’inconscio collettivo tanto quanto la serie. “Nell’ultimo Star Wars, ho notato con divertimento che i robot hanno quasi il mio tocco, lo trovo molto lusinghiero”farà avanzare Barillé nel 2000. Di sicuro, i disegni di Manchu, quelli della serie, il film eUlisse 31 avevano la loro importanza, sulla loro scala. Così come certe avventure, meno didattiche di quelle diC’era una volta… l’uomoha scosso molte infanzie.

Tuttavia, oggi, scoprire questa curiosità non è facile. C’è quindi da sperare che il recente golpe polacco svelato in Francia da Carlotta lo riporti nella storia dell’animazione francese.

La vendetta degli umanoidi: fotoBellissimi vasi

Vernice fresca

Poiché l’opera di Albert Barillé è ancora ampiamente distribuita, per la gioia dei bambini e dei loro genitori, Procidis ha intrapreso, grazie alla sua presidente Hélène Barillé, moglie dell’artista, un un lungo lavoro di ripristino della serie. In tal modo, C’era una volta… L’uomo e C’era una volta la vita sono ora disponibili su Blu-ray. Il primo è ora disponibile per lo streaming su France TV, OCS, Salto e Madelen, il secondo in aggiunta su Netflix e Prime Video. Nello stesso modo i Scopritori è su Salto e Netflix, esploratori su Salto e che più in generale l’integrale è visibile su OCS.

Alla lista mancava solo questo lungometraggio, presentato qualche mese fa da Madame Barillé in persona alla stampa. Un restauro in 4K, che, dopo il suo discreto passaggio nelle sale, avrà anche diritto agli onori Blu-raye persino un cofanetto Prestige Edition di cui Carlotta ha il segreto, tra cui diverse interviste inedite.

La vendetta degli umanoidi: fotoreparto di supporto fisico

Barbaud rimane modesto riguardo al suo lavoro: “Sai, era il mio lavoro 40 anni fa, e spesso mi ripeto che avevo molti progressi da fare… E poi, è difficile vedere su uno schermo enorme, quello che abbiamo visto su uno schermo televisivo. le carenze dell’animazione limitata “vecchia scuola” lottano per competere con la perfezione visiva a cui sono abituati gli spettatori di oggi. Qualunque cosa si dica, la grafica delle navi di Manchu non ha perso la sua forza, tuttavia. E i nostalgici di quell’epoca sembra felice di vedere di nuovo il film nelle sale”.

Tuttavia, il suo lavoro si distingue anche da questo restauro, che lusingherà i nostalgici, ma sorprenderà anche gli altri. “È un’incredibile eredità dell’audiovisivo francese. E siamo fortunati a poter promuovere la cultura francese in tutto il mondo grazie a queste serie”, ha spiegato Hélène Barillé qualche anno fa RTL. Oggi è finalmente possibile assaporarlo nella sua interezza nelle migliori condizioni possibili.

Lascia un commento