fbpx

La famiglia della donna che ha ucciso Alec Baldwin fa causa all’attore per negligenza

genitori e sorella Halyna Hutchins Direttore della fotografiamorto durante le riprese del film Ruggine Nell’ottobre 2021, giovedì 9 febbraio, hanno intentato una causa civile per negligenza contro l’attore. Alec Baldwin.

I parenti, che hanno presentato le denunce innanzi al Corte Superiore di Los AngelesHanno anche citato in giudizio l’armaiolo di questo film, Hannah Gutierrez-Reed, e contro l’assistente alla regia David Halls, tra gli altri, secondo quanto ha spiegato in conferenza stampa l’avvocato di famiglia, Gloria Allred.

Questa nuova causa arriva appena dieci giorni dopo che il primo avvocato del distretto giudiziario del New Mexico (USA), Mary Carmack-Altwies, ha formalmente depositato due capi di imputazione per omicidio colposo contro Baldwin e Gutierrez-Reed, che rischiano una pena fino a sei anni e mezzo di carcere.

Da parte sua, Halls ha firmato un patteggiamento con il pubblico ministero per un reato minore accettando l’accusa di “uso negligente di un’arma mortale” e sei mesi di libertà vigilata.

Vorrei che i colpevoli si assumessero la responsabilità. (…) Penso che lasciarlo impunito sia inammissibile”, ha detto Allred in conferenza stampa.

[Alec Baldwin, sobre el accidente mortal durante el rodaje de ‘Rust’: “Yo no apreté el gatillo”]


L’attore parla con gli investigatori per chiarire i fatti.

Gtres

Allo stesso modo, il legale rappresentante ha aggiunto che la vita del nucleo della famiglia Hutchins è stata “danneggiata” dopo l’evento e che “Chiunque sia responsabile di questa perdita deve rispondere”.

Nell’ottobre dello scorso anno, il marito e il figlio del direttore della fotografia hanno chiuso un’altra causa civile contro l’interprete americano dopo che i rispettivi team legali hanno raggiunto un accordo.

Di conseguenza, il marito avrebbe agito come produttore esecutivo di Ruggineun film le cui riprese dovrebbero riprendere nelle prossime settimane con lo stesso cast principale.

“Sono grato che i produttori e la comunità dell’intrattenimento si siano riuniti per rendere omaggio all’ultimo lavoro di Halyna”ha poi espresso il marito, Matthew Hutchins, che avrebbe così ricevuto una parte dei benefici del film.

Tuttavia, per continuare con la registrazione, un giudice deve prima approvare l’accordo.

Halyna Hutchins è morta quando un revolver usato da Alec Baldwin è esploso durante le riprese di Ruggine nella contea di Santa Fe (Stato del New Mexico), dopo che Gutierrez-Reed ha controllato il revolver e Halls glielo ha dato come “arma fredda” senza munizioni vere.

Baldwin ha difeso la sua innocenza in diverse interviste con i media, sostenendo che la responsabilità di garantire la sicurezza delle armi in Ruggine è stato assegnato a Gutierrez-Reed e che non ha mai premuto il grilletto, invece la pistola è esplosa perché difettosa.

L'attore per le strade di New York.


L’attore per le strade di New York.

Gtres

Tuttavia, Carmack-Altwies ha assicurato che ci sono “più fotografie e video” che lo mostrano con il dito sul grilletto e che dimostrano che ha violato la prima regola di sicurezza sulle riprese: “Non puntare mai un’arma da fuoco, carica o meno, contro un’altra persona.”

La morte di Hutchins ha anche scatenato una serie di cause legali incrociate in cui Baldwin ha citato in giudizio i membri del team, sostenendo che gli avevano dato un’arma carica; mentre Halls lo ha ribattuto per “negligenza attiva”.

In seguito all’incidente, in cui è rimasto ferito anche il regista Joel Souza, le autorità hanno trovato cartucce di prova mescolate a proiettili veri.

L’indagine dell’ufficio dello sceriffo della contea di Santa Fe non è ancora riuscita a capire come siano arrivati ​​sul set delle riprese.

Archiviato in Alec Baldwin, Morti, Tribunali

Leggi  Da Sauron a Gandalf: le rivelazioni de "Gli anelli del potere" che si collegano a "Il Signore degli Anelli"

Lascia un commento