fbpx

“La band è un veicolo perfetto per raccontare gli anni ’90 in Spagna”

Mani in aria e giacche a terra. Ibiza è stata per la Spagna nel passaggio dagli anni ’80 agli anni ’90 ciò che New York è stata per gli Stati Uniti: un’esplosione di caratteri e mondi eversivi in ​​cui sono state gestate attività cariche di motivazione, reazione e originalità. La scena newyorkese ha dato origine alla cultura di sala da ballo -un universo drag, minoritario e transinclusive, dove le categorie delle passerelle hanno reso la studentessa più preparata-. Un universo che è adesso corrente principale e che RuPaul Charles si è trasformato in un affare multimilionario con il suo corsa di dragsters.

Sull’isola di Pitiusa, culla della musica e cura palliativa per le giovani anime in campagna e all’estero, quattro uomini hanno ballato in perfetta sintonia con la musica esotica, commuovendo in modo sorprendente alcuni fan. La scena era bizzarra, ma cosa non c’era a Ibiza? Erano chiamati locomia e confezionato il mitico Ku locale nelle notti del 1989. Con un’androginia poco sfruttata all’epoca e un gusto stravagante per la moda, il gruppo ha riunito coloro che si lasciavano trasportare da una performance che ha rotto tutto ciò che è culturalmente stabilito.

Non ci volle molto Giuseppe Luigi Gilproduttore musicale, offrendo loro un contratto che prometteva di catapultarli verso la celebrità. Carattere Saverioil tuo Creatore, Juan Antonio Fuentes, Manuel Arjona Y Carlo Armi passato dall’anonimato previsto dall’art metropolitana ad una band nazionale ed internazionale grazie a canzoni come Rumba Samba Mambo o pazzo mio. Font non ha mai voluto fare musica, ma Gil non capiva la band senza una piattaforma sonora che ne sfruttasse le virtù.

Trailer di ‘Locomía’, un nuovo documentario originale di Movistar+.

Tuttavia, il successo deve saperlo portare. Nel passaggio dai club di Ibiza ai tour musicali, la lotta degli ego, la dissolutezza e l’avidità hanno finito per sciogliere la formazione nel 1992. L’originale, perché in seguito sarebbe nata la sua copia, anche il risultato dell’opposizione e la guerra interna tra il suo creatore e il suo produttore. Locomía ha fatto sua la notte di Ibiza, ma non ha potuto portare la lastra della fama sulle spalle.

“È la storia di una guerra che dura fino ad oggi tra Xavier Font e José Luis Gil”, spiega a giornale specializzato in serie televisive e film. Giorgio Laplace, regista del documentario sulla band che Movistar Plus+ presenta in anteprima mercoledì in collaborazione con la casa di produzione Boxfish. Il primo “voleva essere preso in considerazione come creatore” e il secondo “che un contratto fosse adempiuto”, aggiunge.

Per il regista e per il suo produttore esecutivo, Paolo Aguinaga, la storia del gruppo è il motore ideale per ritrarre la Spagna del momento: “Non è solo l’inizio, l’ascesa e la caduta di una band”, racconta a giornale specializzato in serie televisive e film., poiché ha “quell’elemento di essere presente nella momenti storici del Paese”. “Locomía è un veicolo perfetto per raccontare gli anni ’90 in Spagna”, concorda Laplace.

Ferite aperte

“Sono entrato locomia.com“, racconta tra una risata Aguinaga. “Tutto è su Internet”, specifica. Per il produttore, la ricerca di storie è uno dei compiti più difficili del suo lavoro. Anche se non si considerava un “fan” dell’eccentrico gruppo, ritiene che dopo la sua carriera musicale, compaia una “storia”. Proprio sul sito web del gruppo Aguinaga ha trovato un numero di telefono che non ha esitato a chiamare. La decisione viene presa una volta parlato con il creatore, Xavier Font , un uomo che “ha un punto molto seducente” che ha finito per “aggrovigliarlo”.

“Era un gruppo di quattro omosessuali che dovevano nascondere che lo erano per avere successo”

Jorge Laplace, direttore di ‘Locomia’

Nonostante il sì fosse clamoroso, il documentario non è stato facile da realizzare. “Con alcuni membri di Locomía è stato difficile”, dice Jorge Laplace su come hanno convinto i loro membri a partecipare al progetto. “È stato un storia molto dura e traumaticama in fondo è stato per loro abbastanza terapeutico, hanno saputo chiudere” un capitolo vitale e pieno di conflitti.

Leggi  Prey: Dove è stato girato? Luoghi delle riprese!

nostalgia degli anni ’90

José Luis Martínez-Almeida afferma che “la bandiera si porta dentro, non fuori” in relazione alla controversia sul perché non ci sarà una bandiera arcobaleno sventola a Cibeles per la celebrazione del Madrid Pride 2022. La sua dichiarazione non è lontana da quella José Luis Gil sbottò nel 1989 quando scoprì Locomía a Ibiza. La presunta omosessualità dei membri della band non dovrebbe, né dovrebbe importare a nessuno: ciò che contava era il potere di mobilitare il mercato e l’industria musicale.

“Era un gruppo di quattro omosessuali che hanno dovuto nascondere che erano per avere successo”, dice Laplace. Questa situazione non è troppo lontana dalla situazione che esisteva all’epoca in Spagna, che presentava una “modernità che era un po’ una facciata”, aggiunge il regista del documentario.

Il Expo di Sivigliail Giochi Olimpici di Barcellona… La Spagna è entrata nel 1992 in un vortice di visibilità globale che ha cercato di porre fine agli stereotipi di un paese poco moderno. Tuttavia, sebbene la scimmia fosse vestita di seta, la nazione era ancora segnata dall’eredità di Franco.

I membri originali di Locomía insieme al loro produttore, José Luis Gil.

I membri originali di Locomía insieme al loro produttore, José Luis Gil.

Movistar+

Per i creatori del documentario, la storia di Locomía è diametralmente simile: sebbene fossero in anticipo sui tempi, la loro sessualità e libertà erano ancora troppo avanzate per la nazione.

Laplace e Aguinaga hanno ritenuto essenziale dare al documentario uno strato di contesto sociale e nostalgia per quegli anni. “Pensavamo di essere moderni, ma eravamo a mille miglia dall’essere”, dice il produttore esecutivo, anche se, credendoci, ce l’avrebbe fatta. “Il tentativo di essere è già essere”, predica.

“Quello che tutti in Locomía sanno è la battuta sul furgone […] Spero che grazie al documentario, la band e ciò che ha rappresentato venga valorizzata”

Pablo Aguinaga, produttore esecutivo di “Locomía”

La situazione è cambiata da allora? “Pablo Alborán ha recentemente dovuto annunciare di essere gay”, dice Laplace. “Non credo che sia fuori di testa se ci sono ancora persone che devono fare un annuncio pubblico”, aggiunge.

Rivendica il marchio Locomía

Ciò che è cambiato da allora è stata la scena musicale e la “spontaneità di un gruppo come Locomía”, afferma il regista del documentario. “La sua genesi era reale”, dice Laplace. Una creazione guidata da “persone diverse”. Attualmente, “ciò che non è omogeneo è molto controllato dall’algoritmo e dalle leggi del marketing”.

La febbre che il gruppo ha generato in America Latina non è stata sempre trasferita in ambito nazionale, dove le continue polemiche, le uscite dei suoi componenti e le loro tumultuose vite private avevano trasformato la band in uno scherzo che si è ripetuto più volte e che, fino ad ora, è rimasto nell’immaginario collettivo. Perdi più olio del furgone di Locomía.

“Spero che grazie a questo documentario quella frase smetterà di essere usata”, dice senza mezzi termini Pablo Aguinaga. “Quello che tutti sanno di Locomía è il furgone, quella battuta è nel subconscio del nostro paese”, aggiunge. Pertanto, il produttore lancia una petizione: “Valore Locomía e cosa rappresentava“, un gruppo che al di là di una storia succosa “ha fatto molto per l’industria ed è stato un pioniere quando si è trattato di presentare abiti e coreografie che allora non esistevano”.

Lascia un commento