fbpx

Korea’, il remake del fenomeno spagnolo rischia poco cambiando maschera

Sei mesi dopo il finale scioccante ed emozionante di La rapina di denaronon diamo ancora per scontato che la serie sia finita e che ciò che ha iniziato a essere trasmesso nel prima serata la televisione in Spagna ha fatto il salto di qualità streaming e diventare un fenomeno globale.

La Serie creato da Àlex Pina e presentato in anteprima su Antena 3 nel 2017 è stata una rivoluzione e è già un marchio Netflixche vuole continuare a spremere questa miniera d’oro ed esplorare altre storie nel suo universo, come il remake La casa di carta: la Coreache sarà presentato in anteprima sulla piattaforma il 24 giugno.

In questa nuova versione, incontreremo di nuovo Tokyo (Jeon Jong-seo), una giovane ragazza che vive in Corea del Nord che sta per vivere un momento storico nel suo Paese. Dopo ottant’anni di divisione, Corea del Nord e Corea del Sud hanno deciso di riconciliarsi e procedere all’unificazione del Paese, che avrà una moneta comune. E sembra che questo movimento andrà a beneficio dell’intera popolazione.


In questo contesto, Tokio assume il ruolo di narratore e spiega tutto ciò che accade in questa realtà apparentemente utopica, che sarà una delle poche differenze che separano questo remake della serie originale, poiché il resto della storia sarà praticamente lo stesso di quello che avevamo già visto.

Otto persone che non hanno niente da perdere – o che hanno perso tutto – entrano in contatto con un personaggio misterioso che si fa chiamare Il Professore (Yoo Ji-tae), una persona molto intelligente che ha deciso di approfittare della situazione e del contesto del Paese -che si appresta a stampare una nuova moneta comune-, per pianificare la più grande rapina mai pensata: rapinare la Zecca. L’obiettivo sarà rimanere chiusi dentro e, invece di rubare i soldi, crearli.

Il piano da seguire è molto chiaro e anche se abbiamo già visto cosa è successo ai rapinatori spagnoli che cercano di portarlo a termine, c’è qualcosa che ci invita a restare e vedere con quale tipo di rapina ci sorprenderanno i coreani. Tuttavia, il punto di partenza non sarà lo stesso per entrambe le produzionie vale la pena riconoscere la pressione esercitata nei confronti della versione coreana, che è costretta a mantenere la sua posizione dall’apice del successo.

Leggi  James Cameron annuncia che il film sarà lunghissimo (ed è già stufo della critica)

Jang Yoon-ju nel ruolo di Nairobi in “Rapina di denaro: la Corea”.

Netflix

Sarà in cima a una scalinata dove incontreremo precisamente Tokyo, che scende i gradini al ritmo di una canzone dei BTS -uno dei gruppi K-Pop più conosciuti oggi- e ci pone in un ambiente diverso con solo un pochi passi di danza. Tuttavia, questo cambiamento clamoroso sarà l’unico rischio che gli sceneggiatori della serie saranno disposti a correre -oltre a incorporare una maschera più legata all’identità e alla cultura del paese-.

Poco dopo aver presentato i protagonisti e il piano che realizzeranno nei prossimi giorni, il pallone si sgonfia improvvisamente e l’unica cosa che vedremo è un susseguirsi di episodi che sembrano aver copiato la stessa formula di successo.

La polizia avrà anche un ruolo fondamentale in 'La casa di carta: la Corea'.

La polizia avrà anche un ruolo fondamentale in ‘La casa di carta: la Corea’.

Netflix

Infatti, nonostante il clamore che gli danno e gli scatti epici prima della rapina, le bolle di emozione che si erano generate scompaiono gradualmente e, Sebbene il cast sia traboccante di talento e sia all’altezza dei suoi predecessori, quello che sembrava essere un altro duro colpo finirà per essere un già visto in cui Berlino non spicca così tanto (Park Hae Soo) e la risata di Denver non è più divertente (Kim Ji Hoon).

Nonostante il potenziale e il talento che ha, La casa di carta: la Corea si ferma a metà gas, dimostrando che lei conosce se stessa – qualcosa che è facile quando assomigli così tanto al tuo modello – ma che porta a una serie ricca di apparizioni e strizzatine d’occhio che si preoccupa di fare una buona imitazione invece di scegliere la propria strada e valido ma inesplorato.

Money Heist: Korea debutterà il 24 giugno su Netflix.

Lascia un commento