fbpx

Judi Dench accusa ‘The Crown’ di “ingiusto, clamoroso e crudele”

In assenza di pochi giorni per la premiere della sua quinta stagione, La corona continua ad essere fonte di nuove polemiche e continua ad essere criticato per il suo modo di ritrarre la famiglia reale britannica.

L’ultima persona a commentare la fiction è stata l’attrice britannica Judi Dench, che ha scritto una lettera aperta al Times UK in cui ha descritto la serie come “crudelmente ingiusto”. Dench ha sottolineato il suo sostegno alla libertà artistica, ma ha anche esortato Netflix ad aggiungere un avviso a ogni episodio sottolineando che la serie è un resoconto immaginario di determinati eventi storici.

[‘The Crown’: Imágenes oficiales de la temporada 5 de la serie de Netflix que llegará a la plataforma el 9 de noviembre]

In tempo per la premiere della stagione

Ancora dalla quinta stagione di “The Crown”.

Netflix

“Più la serie si avvicina alla nostra era attualepiù sembra essere disposto a serie offuscare i confini tra accuratezza storica e crudo sensazionalismo”dice la lettera di Judi Dench, che è stata rilasciata prima della premiere della quinta stagione di La corona Il 9 novembre. I nuovi episodi coprono alcuni degli anni più tumultuosi della famiglia reale negli anni ’90, incluso l’aspro divorzio tra il principe Carlo (Dominic West) e la principessa Diana (Elizabeth Debicki).

“Dati alcuni dei suggerimenti offensivi apparentemente contenuti nella nuova serie, che re Carlo abbia cospirato per far abdicare sua madre, per esempio, o che una volta ha suggerito che l’educazione di sua madre fosse così povera che avrebbe potuto guadagnargli una pena detentiva. … È crudelmente ingiusto nei confronti di queste persone e danneggia l’istituzione che rappresentano”.La lettera di Dench continua.

“Nessuno crede più di me nella libertà artistica, ma questo non può passare inosservato. Nonostante il fatto che questa settimana lo abbia dichiarato pubblicamente La corona è sempre stato un “dramma di fantasia”, i creatori hanno resistito a tutte le richieste di includere un disclaimer all’inizio di ogni episodio”.

“È giunto il momento per Netflix di riconsiderare, per il bene di una famiglia e di una nazione che ha recentemente sofferto, in segno di rispetto verso una sovrana che ha servito il suo popolo così diligentemente per 70 anni, e di preservare la propria reputazione nel occhi degli abbonati britannici”, ha concluso.

[Críticas a Netflix por la imagen del duque de Edimburgo en la nueva temporada de ‘The Crown’]

Netflix fa orecchie da mercante

'La corona'.

Nonostante l’insistenza, Netflix ha continuato a rimanere fermo nella sua posizione, sostenendo sempre che “la serie si presenta come un dramma basato su eventi storici”. Tuttavia, non è la prima volta che qualcuno chiede maggiori responsabilità alla piattaforma.

Nel novembre 2020, il segretario alla cultura del Regno Unito Oliver Dowden ha parlato della necessità che Netflix aggiunga un pre-disclaimer alla serie, avvertendo che si tratta di finzione.

Leggi  Arceus... quali giochi hanno finora dominato il mercato del 2022

“È un bellissimo lavoro di finzione, quindi come con altre produzioni televisive, Netflix deve essere molto chiaro fin dall’inizio, è proprio questo. Senza questo, temo che una generazione di spettatori che non ha vissuto questi eventi possa confondere la finzione con la realtà”, ha detto Dowden all’epoca, quando la quarta stagione era appena stata presentata in anteprima.

I creatori reagiscono

Elizabeth Debicki e Dominic West ne

Elizabeth Debicki e Dominic West ne “La corona”.

Netflix continua a rifiutarsi di aggiungere un avviso ed è arrivato al punto di affermare che “si sono sempre presentati La corona come un dramma immaginario avere piena fiducia che i suoi membri capiscano che si tratta di un’opera di finzione basata in gran parte su eventi storici”. In effetti, non hanno intenzione di dare ascolto alle richieste, poiché “non vedono la necessità” di aggiungere nulla.

Emma Corrin, che ha interpretato il ruolo della principessa Diana nel quarto capitolo, si è espressa a favore di Netflix: “È chiaro che si tratta di una versione drammatizzata dei fatti. Questo è fittizio allo stesso modo in cui le persone non confondono Successione con quello che è successo davvero con i Murdoch. Anche se capisco che le richieste provengono da un luogo di sensibilità e protezione della famiglia reale e di Diana”.

[Una mirada a la figura de Isabel II de Inglaterra a través 5 momentos clave de ‘The Crown’]

Prima dell’imminente premiere della quinta stagione, gli attori e la troupe di La corona sono tornati a difendere la produzione dopo essere stati accusati di sfruttamento della famiglia reale. Dopo la morte della regina Elisabetta II, la serie è stata presa di mira per il suo ritratto dei reali, in particolare del re Carlo appena incoronato.

Anche così, sia i membri del cast dei nuovi episodi che il creatore della serie Peter Morgan continuano a ignorare le accuse e sebbene riconoscano che l’argomento è delicato, hanno promesso che La corona Lo tratta con molto rispetto.

“Penso che tutti dobbiamo accettare che gli anni ’90 siano stati un periodo difficile per la famiglia reale, e il re Carlo avrà quasi sicuramente dei ricordi dolorosi di quel periodo. Ma questo non significa, Con il senno di poi, la storia è stata crudele con lui o con la monarchia”.disse Morgan.

Lascia un commento