fbpx

‘Irma Vep’, la divertente meta satira di Olivier Assayas su HBO Max è la serie dell’estate

In Irma Veep la vita imita l’arte e l’arte imita la vita. Proprio come ha fatto nel film del 1996 con lo stesso nome, Olivier Assayas Segui in questa miniserie HBO Max il team che cerca di adattare il leggendario serial del 1915, I vampirie la protagonista (Alicia Vikander) che aspira a catturare la magia del suo sensuale e iconico cattivo.

Questo set di specchi è un’affascinante bambola russa, quindi iniziamo smontandolo. I vampiri Era una serie di film muti francesi. scritto e diretto da Louis Feuillade (1915-1916), che ha trasformato la sua protagonista, Musidora, in un mito e ha influenzato registi come Alfred Hitchcock o Luis Buñuel. Nel 1996, Assayas ha diretto il film Irma Vep, in cui un regista ha girato un film adattando quell’opera. Come se fosse un sequel, nella serie HBO Max, René Vidal, una copia di Assayas, fa un nuovo remake del suo remake: Irma Vep“un film di otto ore”.

Nel mondo immaginario esistono le due opere precedenti. L’intero team ha come riferimento le immagini dirette da Feuillade sui propri cellulari e le vediamo combinate con le scene che stanno girando, che mantengono il ambientazione e stile espressionista nell’interpretazione del tempo, ma includono dialoghi, musica, colore e tutti i progressi tecnologici di oggi. le immagini del film Irma Vep dal 1996 li vediamo per la prima volta nell’episodio 3, in una delle sedute di terapia di René, interpretati da un esilarante e nevrotico Vincent Macaigne.

Musidora (1915), Maggie Cheung (1996) e Alicia Vikander (2022) nel ruolo di Irma Vep.

In quella scena il suo psicologo gli chiede perché questa volta ha scelto un’attrice americana e non cinese, a cui René risponde che gli ricorderebbe molto la sua ex moglie, che ha conosciuto sul set e di cui si è innamorata con lei. Olivier Assayas e Maggie Cheung, la protagonista del suo film, si è sposata dopo la prima e si sciolse anni dopo. I confini tra realtà e finzione sono costantemente confusi.

Vikander interpreta Mira nella serie, un’attrice che ha appena recitato in diversi blockbuster come eroina d’azione, che ora vuole dare una svolta alla sua carriera e fare “film veri”. Parigi sembra il posto ideale per ottenerlo, un luogo che gli permetterebbe anche di mettere chilometri di distanza dalla sua ex fidanzata e assistente nel suo precedente progetto. Il secondo piano fallisce quando atterra e il rullaggio di Irma Vep porta con sé le sue sfide.

Leggi  recensione nel vero mondo giurassico su Apple TV+

La sceneggiatura, che rimane fedele alla commedia del 1915, si rivela confusa per gli attori, non perché I vampiri sono un gruppo criminale di ladri e assassini e non sanguisughe, ma perché Feuillade l’ha improvvisato durante le riprese. Altre volte sembra uno sforzo sprecato, perché è facile immaginarne il tono come qualcosa che uno spettatore più di un secolo dopo percepirà come antiquato.


Mentre riflette sull’inutilità degli adattamenti, siamo testimoni degli ego e delle insicurezze dei protagonisti, dell’ecosistema di una ripresa, ma soprattutto, di tutto ciò che implica e costa fare una serie (o un film). Assayas esplora le sue ossessioni e i fantasmi del suo passato mentre scrive una lettera d’amore ai pionieri del mezzo e all’arte di raccontare storie per immaginiindipendentemente dalla schermata su cui verranno visualizzati.

Irma Vep è una satira sull’industria audiovisiva che esplora i confini tra arte e prodotto, realtà e finzione, opere originali e derivate, film e televisione. Un affascinante esercizio di metafiction con protagonista un cast in cui nessun pezzo è stonato, a sguardo intelligente alla vita dietro le quintee una serie così divertente, che quest’estate ci farà desiderare il martedì.

Nuovi episodi di “Irma Vep” sono disponibili martedì su HBO Max.

Lascia un commento