fbpx

‘Intimacy’, una cruda storia sulla violenza sessista e la colpa della vittima

Ritagliandosi una nicchia tra la mediocrità di alcune delle produzioni spagnole che sono arrivate Netflix di recente, Si apre il 10 giugno finalmente sulla piattaforma Privacyuna serie originale creato da Laura Sarmiento e Verónica Fernández che sfida direttamente lo spettatore e lo fa riflettere su una delle eterne lotte che molte donne devono affrontare: l’invasione della loro privacy e che continuano a essere interrogati al riguardo -anche se sono le vittime-.

Nonostante i progressi compiuti a favore dell’uguaglianza, la strada da percorrere è ancora lunga, ed è un dato di fatto che è molto più difficile per le donne guadagnarsi il proprio spazio, qualunque sia l’ambiente, e soprattutto nel mondo della opera. Le loro capacità vengono costantemente confrontate o relativizzate e non importa quanti anni ci mettano a salire e ad occupare un rango specifico, un semplice fallimento o uno scandalo pubblico potrebbe far crollare la loro fragile traiettoria in pochi secondi.

Questo è quello che è successo alle donne Pamela Andersonun Formiche dell’Oblioe Verónica, una lavoratrice Iveco, tutte messe sotto i riflettori perché una registrazione di contenuti sessuali espliciti è trapelata senza il loro consenso – il terzo di loro ha finito per suicidarsi per questo.

‘Intimità’ | Rimorchio | Netflix

Più concretamente, Privacy potrebbe ispirarsi agli ultimi due esempi, traendo un parallelismo dalla finzione e narrando da una prospettiva femminile e che cerca di alzare la voce di coloro che subiscono le conseguenze di questa violenza sistematica. Tutto inizia quando un video sessuale irrompe nella vita di Malen (Itziar Ituño), uno dei politici più influenti e promettenti di Bilbao. Una donna sposata con una figlia (Yune Nogueiras) che vedrà la sua vita professionale e personale crollare con un solo clic.

A poco a poco incontreremo il resto delle donne che sostengono il peso della finzione, come Bego (Patricia López Arnaiz), la sorella di Ane (Verónica Echegui), un’operaia che vive la stessa cosa e finisce per suicidarsi. . In questo modo, La serie ci presenta una delle capacità che racchiude il machismo: la sua speciale capacità di raggiungere tutte le donne solo per il fatto di esserlo.. La registrazione servirà da innesco in una società che non distingue i limiti tra vita pubblica e privata, soprattutto con i social network e Internet, ma farà emergere anche il machismo come un’ombra appiccicosa in grado di distruggere tutto ciò che incontra.

Leggi  Spiegazione della connessione Vecna ​​e Mind Flayer!

Verónica Echegui, Patricia López Arnaiz, Itziar Ituño, Yune Nogueira, Ana Wagener ed Emma Suárez, protagoniste di “Intimacy”.

Netflix

Con un cast praticamente femminile completato da Emma Suárez e Ana Wagener, Privacy sceglie coscienziosamente il punto di vista da cui posizionarsi e mette in mostra il talento delle principali attrici, mostrando una realtà tanto complessa quanto reale, dove ogni tessera sul tabellone è diversa e necessaria. La serie approfondisce il lato più colpito del problema, guardando alle sue vittime dirette ma anche ai loro parenti, avvocati, agenti di polizia e altre persone, ognuna con i propri interessi, che non devono essere necessariamente gli stessi.

Ciò include anche la figura maschile e gli uomini della storia, che si evolvono anch’essi, cercando di evocare una certa speranza -o meglio il contrario-, perché anche loro subiscono le conseguenze dell’eteropatriarcato, anche se non nella stessa misura.

Patricia López Arnaiz in 'Intimità'.

Patricia López Arnaiz in ‘Intimità’.

Netflix

Questa varietà di opinioni rende la serie un prodotto ancora migliore e più ricco a tutti i livelli, che non cade nella superficialità e si oppone alla parte più ipocrita della società, sollevando il tappeto in modo da poter vedere lo sporco che insiste a nascondersi e negare. E questo è più chiaro quando la sceneggiatura è scritta da donne, perché il suo sguardo è quello di chi conosce il problema in prima persona e perché chi meglio delle donne per raccontare qualcosa che soffre.

Durante i suoi otto episodi, Privacy si prepara a prendere il volo e potenziare se stessa e i suoi personaggi, mostrando il vero significato della sorellanza e chiarendo che questo è il vero alleato per combattere questo male endemico. Le quattro donne prima sconosciute diventano compagne e alleate di fronte a un problema sociale che ci riguarda tutti, e ci invitano a quanto giustamente ha detto Itziar Ituño nell’intervista promozionale della serie, “ricostruire per ricostruire”. perché c’è ancora molta strada da fare e molto per cui lottare.

Lascia un commento