fbpx

“In Spagna devi fare film finanziariamente rischiosi”

 

Una vita attraversata dal dolore e da un risveglio emotivo tra generazioni diverse. Per Angeles Gonzalez-Sinde (Madrid, 1965), La cena -il romanzo di successo di Gabriela Ybarra pubblicato nel 2015 che approfondisce il trauma dell’omicidio di suo nonno, uomo d’affari e politico Javier de Ybarra, per mano di ETA- ha riunito innumerevoli componenti che si collegavano al suo io interiore. Perdita, emeroteca e storia. “Ci sono molti elementi del lavoro che hanno a che fare con il mio mondo e con ciò che mi preoccupa nella vita”, dice il regista a giornale specializzato in serie televisive e film..

L’ex ministro della Cultura porta sul grande schermo la storia di Ybarra, in un lungometraggio da protagonista Susana Abaitua, Adriana Ozores Y Gines Garcia Millan in cui il politico e il personale si fondono.

“Ci sono modi diversi di soffrire e nessuno è migliore di un altro”, dichiara in relazione allo scontro generazionale quando si affronta il lutto. Una figlia che vuole indagare e un padre che cerca di dimenticare. “In ogni momento fai quello che puoi”, aggiunge. Insieme a La cena González-Sinde indaga sulla ferita familiare generata dalla tragedia.

Chiedere.- Nell’adattare un romanzo con undici edizioni, quali sono state le sfide per preservarne l’essenza?

Risposta.- Quando mi sono interessato La cena Era appena uscito, era il 2015, stava attraversando la prima edizione e non sapevamo che avrebbe avuto quella strada. I primi lettori hanno trovato una storia che ci commuove: parla di come noi genitori stiamo zitti e pensiamo che proteggiamo i nostri figli, ma facciamo un male più grande. Si parla anche di come il politico e il sociale siano presenti nell’intimo, nella memoria familiare. Ciò che accade fuori può cambiarti la vita e condizionare la tua educazione sentimentale. Mi è piaciuto. È una storia in cui c’è luce nell’oscurità.

 

Angeles Gonzalez-Sinde

Mikel Larrea

Q.- C’era flessibilità o fedeltà alla lettura originale?

R.- Volevo avere Gabriela Ybarra perché il romanzo è una storia in prima persona. All’inizio abbiamo realizzato una versione in cui abbiamo cercato di seguirne la struttura, ma non ha funzionato del tutto. A poco a poco stavamo disordinando i pezzi. Infatti nell’opera la storia con la madre è centrale e il suo rapporto con il padre occupa pochissime pagine. L’abbiamo ribaltato. In fondo è un film che non annulla la lettura del romanzo e un romanzo che non annulla la lettura del film, sono prospettive diverse.

Q.- Il personaggio di Ginés García Millán rappresenta una riluttanza a indagare sul passato. Dopo la cessazione dell’attività armata di ETA nel 2011, c’è meno paura di chiudere le ferite?

R.- Sì, prima non potevano parlare perché stavano rischiando la vita. Dovevano nascondersi, portare il loro lutto come meglio potevano. La tensione sociale e la convivenza erano molto dure e il rischio dell’integrità fisica molto alto. Non puoi, inoltre, chiedere a una persona di essere consapevole delle proprie emozioni.

Q.- A volte le nuove generazioni vengono criticate per non conoscere a fondo certi capitoli della storia, potrebbe essere un sintomo derivato da quel desiderio di averle volute seppellire?

R.- I giovani e gli adolescenti devono vivere il presente. Sono troppo occupati a cercare di creare la propria identità, a cercare di inserirsi nel presente, a sopravvivere a quel vortice che è l’adolescenza e in cui il passato non è così importante. L’oblio dei giovani in primo luogo è comprensibile, ma la società deve mettere a loro disposizione tutte le informazioni e gli strumenti perché chiunque lo voglia possa conoscerlo.

“Quello che conta nella cultura è la varietà. Che ci siano film commerciali e che ci siano film come ‘Alcarràs’ che sono più piccoli, più controllati, ma più originali”.

Q.- Pensi che la proliferazione di film e documentari sull’ETA possa aiutare con questa documentazione?

Leggi  Attenzione, il tuo smartphone potrebbe essere toccato, ecco come scoprirlo premendo questo pulsante...

R.- Questa è la funzione della finzione, mettersi nei panni dell’altro senza correre alcun rischio, ma anche sapere come vivono gli altri ed emozionarsi. Quando non c’è più quella tensione della convivenza, quando c’è sicurezza per l’integrità fisica, le persone vogliono raccontare come l’hanno vissuta. Ci saranno alcune versioni che ci piacciono e altre che non ci piacciono, ma la somma di tutti quegli sguardi è ciò che darà un senso alla storia.

Q.- Come ex ministro della Cultura, come valuta il status quo del cinema nazionale?

R.- È un anno molto positivo per il cinema spagnolo. Siamo a Cannes, siamo stati a Berlino con un premio per Alcarràs, di Carla Simón… L’importante è che possano continuare a fare film che non sono strettamente commerciali, ma sono più rischiosi finanziariamente. L’affermazione che i produttori indipendenti stanno facendo in questi giorni mi sembra un’affermazione importante per questa cinematografia. Ciò che conta nella cultura è che ci sia varietà, che ci siano film grandi, commerciali e ad alto budget e che ci siano film come Alcarràs che sono più piccoli, più controllati, ma più originali e rischiosi.

Q.- Cosa pensa che siano già passati tre ministri della Cultura nell’attuale legislatura? Ciò influisce sul settore, soprattutto considerando il contesto pandemico degli ultimi due anni?

R.- (Ride). In questo vedo che c’è una continuità istituzionale, perché il Direttore Generale dell’ICAA (Istituto di Cinematografia e Arti Audiovisive), Beatriz Navas Valdés, rimane lo stesso e alla fine sono le squadre che fanno la gestione quotidiana.

Q.- Più di un decennio dopo la sua proposta per la “legge Sinde”, la proliferazione delle piattaforme e il cambiamento del paradigma sociale hanno ampiamente sradicato la pirateria.

R.- È stata una conversazione imbarazzante. Ho sentito che, nel mandato del Ministro della Cultura, c’è la tutela della proprietà intellettuale e che era una questione che doveva essere affrontata. Siamo stati l’ultimo paese in Europa in cui non c’è stato alcun tentativo di regolamentare, nel bene e nel male. La domanda è cosa si è perso lungo la strada. Se avessimo reagito prima, avremmo le nostre piattaforme più potenti. Cosa offriamo noi europei se tutte le importanti aziende tecnologiche provengono dagli Stati Uniti?

Lascia un commento