fbpx

Il vuoto verde della Marvel su Disney+

Su Disney+, She-Hulk: avvocato questo è il suo settimo episodio per non parlare, è quasi un’impresa.

La new entry nell’universo Marvel segue Jennifer Walters, interpretata da Tatiana Maslany, che cerca di mantenere l’ordinario quotidiano quando può trasformarsi in effetti speciali mal rifiniti. La sua vita è sconvolta poiché essere She-Hulk le porta tante soluzioni quanti nuovi problemi. E questa settimana, lei Hulk ci fa raggiungere il settimo livello di noia.

Attenzione, ci sono degli spoiler!

Grandi braccia, ma niente nella pancia

visto e non importa

La serie presume che non rientri nella stessa categoria di altri progetti Marvel. Poca azione, nessuna posta in gioco da supereroi per salvare la Terra e nessuna vera nemesi, cambiamenti nella formula che possono solo essere desiderabili. L’MCU si discosta raramente dalla sua ricetta e lei Hulk vuole essere uno dei suoi tentativi in ​​un altro registro. Purtroppo per chi si è autoinflitto gli episodi precedenti lo sa la serie ha incasinato enormemente il suo saggio.

Ci stiamo muovendo verso una nuova fase questa settimana poiché Tatiana Maslany era riuscita finora a salvare il naufragio con il suo carisma e la sua buona volontà. Ma dopo sette tentativi di attacco alla nostra persona da parte della serie, il pezzetto di magia che fluttuava come una scoreggia sfuggita accidentalmente scomparve. Maslany ci sembra nuotare dolorosamente in dialoghi dolorosi da seguire come un gioco di Scarabeo fatto da analfabeti. Ed è con un sussulto del cuore che guardiamo alla talentuosa attrice di Orfano nero girare in tondo nel suo gioco e scompaiono nelle banalità della sceneggiatura tanto sciocche quanto irritanti.

She-Hulk: Avvocato: foto, Tatiana MaslanyL’inquadratura dal basso, o come iconizzare un personaggio

Perché l’episodio inizia sulla relazione montato come una commedia romantica newyorkese degli anni 2000 e accumulando i cliché del genere – della durata di 5 minuti, ma ne sono sentiti 15 – tra Jennifer e Josh (l’uomo perfetto dell’episodio precedente). Si conclude con un SMS di Jen lasciato in “visto e non importa”. La nostra eroina è seccata di essere sempre senza risposta dopo il suo messaggio d’amore rosa confetto. In questa fase, il cervello dello spettatore rischia di ordinare una defenestrazione liberatoriao sincope se l’opzione precedente è già stata eseguita la settimana precedente.

Aspettando il messaggio del suo cuore-progetto, She-Hulk, grazie a un ingegnoso schema di sceneggiatura (per niente), Inside the Bad Into Her Skin Rifugio per cattivi di Emil Blonsky. Tim Roth torna nello show per prolungare la sua carriera suicida. In questo campo di benessere, Walters cercherà di concentrarsi nuovamente su se stessa, aiutata dai cattivi della Marvel pentiti. Ed è noioso come sembra.

Leggi  perché la scena post-crediti è l'unica cosa da ricordare

She-Hulk: Avvocato: foto, Tatiana MaslanyImitazione di Marine Lepen

scherzo privato

All’idea di vedere diversi supercriminali dei fumetti adattati nel MCU, siamo esultanti. Questi sono tra l’altro personaggi di seconda classe che hanno avuto le migliori possibilità di vivere sullo schermo grazie a una serie. Tranne che lo è lei Hulk che li ha fatti esistere, così passeranno attraverso i filtri di uno sviluppo disastroso dove nessuno scherzo è mirato bene. Non sappiamo nulla dei personaggi che ci vengono lanciati addosso come palline di carta masticate da un masticatore. Si presentano lì per inveire le loro battute in una cerchia di supercriminali falliti, interpretati da attori iperespressivi, senza che nessuno sia mai stato invitato.

Le risate in un barattolo recuperato da una sitcom avrebbero permesso di indirizzare lo spettatore verso i momenti divertenti, perché senza quello, impossibile sapere dove lei Hulk vuole farci sorridere. Il Porcospino è comunque il ripieno più grosso. Nei fumetti, è un esperto di armi vestito con un abito spinoso, la serie lo ha reso un ragazzo vestito da Wookie che ha passato l’asciugacapelli. Lo stesso per la prima apparizione di Man-Bull e El Aguila dove ridiamo imbarazzati alle sue arie di cattiva pubblicità americana per una bevanda energetica, o patatine per il recupero culturale. Nulla riesce a recuperare questa impressione di essere in un cortometraggio rotto da studenti di cinema appassionati di fumetti.

She-Hulk: Marvel's Green Void Lawyer su Disney+: Photo, Tatiana MaslanyRed Bull e Zorro incontrano il Gigante Verde

Eppure è Zeb Wells a scrivere l’episodio, uno sceneggiatore che ama la cultura pop e i supereroi. Ha lavorato alla serie comica e parodia Pollo Robot su cui Jessica Gao, showrunner di lei Hulk, ha anche scritto. Inoltre, è autore di molti fumetti della Casa delle Idee, e in particolare di Spider-Man. La sensazione di manca un vero UFO Marvel è quindi ancora più frustrante. La serie è un naufragio volontario o l’esempio di uno studio che schiaccia il talento dei creatori che assume?

lei Hulk rimane nella sua linea di essere uno scherzo senza fine che diverte solo chi l’ha scritto, e questo non è nemmeno certo. Ci vorrebbe un colossale balzo in avanti per le buffonate di Disney+ per sfuggire a una triste caduta e diventare il peggior adattamento dei fumetti Marvel per la televisione. Sì, per il momento, è a livello di completo fallimento Negli umani.

Gli episodi di She-Hulk: Lawyer sono disponibili ogni giovedì su Disney+ dal 18 agosto 2022

She-Hulk: Avvocato: Poster

Lascia un commento