fbpx

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere Stagione 1 Episodio 6

Incredibile, ma vero, qualcosa finalmente accade nell’episodio 6 del Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere. Anche un sacco di cose! Ma è diventato buono per tutto questo? È un po’ complicato.

Quattro settimane dopo l’inizio, e dopo tre episodi piuttosto noiosi, Hallelujah! Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere si sveglia durante un grande episodio 6 (quasi 1h10 tutte uguali), ricca di azione, di sconvolgimenti, e incrociata con alcune rivelazioni. Amazon sembra aver finalmente completato la sua fase di esposizione – che ha richiesto ancora cinque ore – e sta facendo una marcia in più. La fotografia è sempre superba (e senza brutti rallentatori questa volta), la musica di Bear McCreary sempre così implacabile e maestosa. La perfezione è stata raggiunta? Purtroppo no, perché ci sono ancora grossi fallimenti nella scrittura.

ATTENZIONE, ALCUNI SPOILER

Vi diamo il tempo di fuggire, poveri sciocchi

MOTORE da 500 cavalli

Il principale è visibile come un bollore orchesco sul naso di Arwen durante la visione di questo episodio. Questo fa la lodevole scelta di concentrarsi su un’unica ambientazione e raggruppare insieme due sottotrame/gruppi di personaggi, prevenendo il profondo senso di dispersione e lentezza degli episodi precedenti. Solo che il modo in cui queste due trame si uniscono, assolutamente grottesco e ignorando il minimo senso di continuità, è indicativo del livello complessivo della scrittura.

Quando le tre navi e i 500 cavalli di Númenor giungono in vista delle coste della Terra di Mezzo (“due giorni dalle Terre del Sud”ricorda questo dettaglio), tutto inizia in queste stesse Terre del Sud con il vile Adar, che prende d’assalto Arrondir, Bronwyn e il loro gruppo di rifugiati. Non è il momento di ingannare, Anelli di potere questa volta inizia direttamente l’azione. Abbiamo chiesto di più, poiché le poche scene d’azione precedenti della serie erano soddisfacenti e prefiguravano le migliori. Sfortunatamente, qui il risultato complessivo è piuttosto contrastante: anche se tutto si svolge in bellissime ambientazioni e il taglio è efficace, alcune scelte lasciano a bocca aperta.

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: foto, Joseph MawleDevo correre, osare-Adar

Come spiegarlo per esempio il primo assalto è ostacolato da una scena di karate elfico contro il judo degli orchi con una coreografia goffa ed effetti vistosi, che la vitalità del taglio e del sangue che gocciola ha tutte le difficoltà del mondo per energizzare? Perché infliggerci un’altra scena di discorso goffo quando il contesto è già ben stabilito? Com’è possibile nel 2022 avere la morte delle comparse meno credibili al mondo e un bacio più sbavante di una locandina di un film con Cary Grant e Ingrid Bergman?

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoCosa stai aspettando pazzo

OLTRE LA NOTTE E IL GIORNO

Non c’è tempo per pensarci, fortunatamente l’episodio va avanti come Kool Shen, e lo spettacolo si interrompe per alcuni minuti per una scena più ricca di suspense di presa di ostaggi nel cuore della notte (ricordate questo dettaglio) che alterna ancora successi e fallimenti. Perché, per quanto deliziosi, sadici e crudeli siano gli Orchi con le povere comparse passate lentamente e con nonchalance alla spada, purtroppo allo stesso tempo devi ingoiare una prevedibile finta morte e un lamentoso Theo che accetta di consegnare l’artefatto della fine del mondo in Adar. Il suo nome di nativo americano è sospettato di essere Supreme Pigeon.

Tutto è perduto ? No, perché ovviamente la cavalleria di Rohan da Númenor che era a due giorni di distanza, arriva proprio al momento giusto, spazzando via due giorni di viaggio in venti minuti. Nuova prova che il cavallo è grande. Meglio di un’auto, trasforma anche notte e giorno in un unico taglio. Più seriamente, capiamo che l’effetto è classico, ed è persino preparato a monte, quindi non sorprende. Ma è scarsamente preparato e si basa su una tale scorciatoia di script che diventa assolutamente non plausibile in termini di continuità. Ed è ancora sorprendente che siamo lì, l’idea è la più elementare che ci sia, oltre ad essere ciò che ha offuscato le ultime stagioni di Game of Thrones.

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoAvanti Eorlingas a noi due neneus!

Ovviamente, le lezioni non sono state apprese, e Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere paga il prezzo del suo ritardo di accensione. Era prevedibile: a forza di indugiare, è costretta ad affrontare tutto in una volta. E quindi progredire a scatti. A parte il fatto che questo ritmo bastardo sarà solo difficile da sostenere a lungo termine, non saremo in grado di indagare continuamente su tre episodi in cui accade così poco per un singolo episodio relativamente soddisfacente e pieno di strutture molto pratiche. Ma torniamo ai nostri cavalli, perché non è l’unico problema che pongono.

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere : foto, Ismael Cruz CordovaQuando Ecran Large sta per gemere

SCORTA JACKSON

Con l’arrivo della cavalleria, Anelli di potere finalmente si cimenta nell’esercizio tanto atteso, per non dire la figura imposta, una di quelle che ha imposto l’adattamento di Peter Jackson nell’immaginario collettivo e ha forgiato la reputazione del nome stesso del Signore degli Anelli nella cultura pop: la scena della lotta su larga scala. È triste da dire: non siamo colpiti, e se tutto ciò che un budget di quasi un miliardo di dollari può comprare è una grande spada che brilla affilata come la gomma, allora preferiremmo prendere un coltellino svizzero arrugginito, se è nelle mani di un esperto neozelandese.

Leggi  Quale data di uscita di Netflix? Un seguito pianificato?

Non che il filmato contenga qualcosa di vergognoso. Ma è terribilmente semplice, quasi morbida. E non sarebbe un dramma in sé, se non fossimo in Le Signore degli Anellil’universo leggendario che ci ha esaltato contro l’accusa dei Rohirrim al Fosso di Helm e prima di Minas Tirith, che ci ha abbattuto contro i titanici Mûmakil dei campi di Pelennor e il sadico Uruk-hai di Amon Hen. Qui, la normalità sembra ridicola, e Anelli di potere chiaramente non ha abbastanza nello stomaco.

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: foto, Maxim Baldry, Lloyd OwenScusa, ma il colpo di reazione allo sfascio non sarà sufficiente, dovrai rinforzare il tuo gioco

Ma ancora una volta, la serie non si riprende troppo male con un inseguimento a cavallo senza fiato, poi, e soprattutto, una grande scena finale di terraformazione vulcanica, catastrofica, devastante, accattivante. Meglio tardi che mai: finalmente Anelli di potere cerca di elevarsi alle proporzioni mitiche del suo materiale di partenza e delle grandi leggende umane che lo hanno ispirato (qui, molto chiaramente Pompei). E il test ha abbastanza successo con questa scena tragica, nonostante la sua interpretazione alquanto libera delle interazioni tra acqua e lava. Ma ehi, dopotutto non è un vulcano qualsiasi, quindi perché no.

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoAcqua + lava = esplosione in grado di estinguere i dinosauri, è risaputo

“HA HA HA, È FIRMATO ZANGDAR”

Curiosa coincidenza che un episodio che mescola ghiaccio e fuoco soffia sia caldo che freddo, e questo vale tanto per la valanga di avventure quanto per i personaggi. Anche questi ultimi alla fine avanzano, ma a singhiozzo, e anche loro inciampano nei dettagli, nelle linee spesse, nelle situazioni forzate che li fanno assomigliare più alla squadra di armi rotte del Donjon de Naheulbeuk che a tragiche vittime.

È difficile dispiacersi per Bronwyn quando tutto il suo dramma riguarda il non riuscire ad accendere un fiammifero al decimo tentativo, o essere presi dal terrore quando Rounding the Millennial Elf Ranger viene ingannato da un lurido e alcolizzato fatiscente che ruba l’equivalente della bomba atomica da lui e gli lascia un piccolo trofeo umiliante nel processo. Ma soprattutto, e ancor più pericoloso, Difficile sentirsi gratificati dall’arresto di Adar, il cattivo principale della prima stagione, picchiato in cinque secondi da dieci cavalieri in armatura?

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoAncora come “belle” loro d’altronde

E anche se il cast continua a fare del suo meglio, lo sfondo di alcuni personaggi sicuramente non passa, colpa ancora e ancora di una scrittura molto goffa ispirata a cliché arcaici. Se le rivelazioni intorno ad Adar (che peraltro era stato intuito dall’autore di queste righe tre settimane fa, sì è vano dirlo, ma che volete, abbiamo il nostro orgoglio) sono convincenti non essendo comprensibili al 100% per i neofiti (almeno, supponiamo, ce lo dica nei commenti), dovrà davvero vivere una storia d’amore tra Galadriel e Halbrand (che per una volta sarebbe un enorme tradimento)?

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: foto, Morfydd ClarkNo, per favore non farlo

Tante le riserve che dimostrano che questo episodio 6, uno dei migliori fino ad ora, preoccupa tanto quanto rassicura sul futuro. Quindi sì, saremo pronti a perdonare il mucchio di volgarità narrative se sono il prezzo da pagare per un passaggio definitivo a una velocità di crociera più sostenuta, se la storia non si impantana nuovamente dal prossimo episodio. Sì, Anelli di potere può ancora risparmiare un po’ di più dei mobili. Sì, alla fine ha lasciato andare i cavalli, ed è stato bello se non hai guardato troppo da vicino.

A patto che duri e che, come diceva il grande saggio Li Sheng, la serie diventi più ardente del fuoco di un vulcano. Ma come diceva il grande saggio Gérald de Palmas, anche se migliora, lo sogniamo ancora.

Un nuovo episodio de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere è disponibile ogni venerdì su Amazon Prime Video dal 2 settembre 2022

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere: poster del personaggio

Lascia un commento