fbpx

Il remake di Netflix riporta in vita un altro personaggio dei cartoni animati

Il remake live action di Netflix della serie animata Avatar l’ultimo dominatore dell’aria ha scelto un nuovo attore e ha riportato in vita un altro personaggio della mitologia.

Mentre Nickelodeon e Paramount hanno recentemente annunciato tre nuovi film d’animazione basati sulla serie animata del 2005 Avatar l’ultimo dominatore dell’aria, Netflix continua la pre-produzione del suo remake live-action.

Dall’annuncio del progetto è stato confermato che il giovane Gordon Cormier (Il flagello), interpreterà Aang, il personaggio principale, mentre l’attrice Kiaventiio (Anne con una E) interpreterà Katara e quell’attore Ian Ousley (13 motivi per cui) assumerà il ruolo di Sokka. Dallas Liu (Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli) scivolerà nella pelle del principe Zuko, che ancora una volta dovrà subire gli abusi del padre, il tirannico Ozai della Nazione del Fuoco accampato dall’attore Daniel Dae Kim (Orologio 24 ore, Perduti, Gli scomparsi).

Nuovo massacro in vista?

Da parte loro, Paul Sun-Hyung Lee (La convenienza di Kim) interpreterà Iroh, zio paterno e mentore del principe Zuko, mentre Kay Siu Lim (Anna e il re) interpreterà Gyatso, il monaco che ha servito come figura paterna e mentore di Aang. Infine, Ken Leung (vecchio) interpreterà l’ambizioso Zhao della Nazione del Fuoco.

Più recentemente, un altro personaggio della serie animata si è unito all’adattamento di Netflix. Secondo Scadenzal’attore A Martinez è stato scelto come Maestro Pakkul’insegnante sarcastico e devoto di Aang che gli insegna a piegare l’acqua, dopo aver fatto un’apparizione nel remake di bebop cowboy. L’attore è noto anche per il suo ruolo nelle soap opera Giorni e vite, Ama la gloria e la bellezza, Si vive solo una volta, ospedale centrale Dove Santa Barbara.

A Martinez: fotoUn volto già noto sul piccolo schermo

Nonostante la partenza di Michael Dante DiMartino e Bryan Konietzko, i creatori della serie originale che avrebbero dovuto fungere da showrunner e produttori esecutivi ma che alla fine hanno abbandonato la nave a causa di controversie creative, possiamo aspettarci che la serie guidata da Albert Kim rimanga fedele al lavoro. Netflix dovrebbe anche rilasciare il libretto degli assegni poiché ogni episodio potrebbe costare circa 15 milioni di dollari. Dovrebbe anche essere complicato fare di peggio del precedente adattamento live action del 2010, L’ultimo maestro d’ariadiretto da M. Night Shyamalan nelle sue brutte giornate.

Leggi  Il video virale in cui Afropoderossa spiega che "La Sirenetta" nera non è "inclusione forzata"

Ovviamente non è stata ancora annunciata una data di uscita, ma la serie potrebbe approdare sulla piattaforma nel 2023.

Lascia un commento